Dieta per la dispepsia: cibi consentiti e vietati

29 Settembre 2020
La dispepsia è uno dei problemi gastrointestinali più diffusi. Presentiamo gli alimenti che è bene introdurre o eliminare dalla dieta per calmare questo disturbo.

Esistono numerosi parametri che definiscono la dieta per la dispepsia, disturbo della digestione che si manifesta attraverso dolore nella parte superiore del’addome, a carico dello stomaco. Generalmente è provocata da un’infezione da Helicobacter pylori oppure dalla presenza di reflusso gastroesofageo ricorrente.

Oggi illustriamo alcune possibili scelte alimentari utili per attenuare questi fastidi, in modo da prevenire un’alterazione che potrebbe condizionare il proprio stile di vita. Vi consigliamo di seguire i nostri consigli, ma se il problema persiste, valutate la possibilità di rivolgervi a uno specialista che possa formulare una diagnosi precisa del problema.

Elementi importanti nella dieta per la dispepsia

Nelle righe che seguono indicheremo gli alimenti consentiti e vietati in caso di dispepsia. Adattare la dieta consente di calmare la sintomatologia.

Alimenti consentiti

Tra gli alimenti consentiti nella dieta per la dispepsia vi sono carne e pesce magri. Questi prodotti offrono le proteine necessarie per riparare i tessuti. Contengono inoltre basse quantità di lipidi, responsabili dei ritardi nello svuotamento gastrico che possono causare i disagi accusati.

Si consiglia di scegliere pesce e carni bianche, più facili da digerire. Secondo una pubblicazione sul Journal of Gastroenterology and Hepatology, bisogna limitare l’ingestione di grassi per prevenire il reflusso gastroesofageo, che può peggiorare la dispepsia.

I tagli magri di carne e pesce garantiscono il necessario fabbisogno proteico. Al tempo stesso, garantiscono nutrienti e sostanze necessari ai naturali processi metabolici dell’organismo. Questi alimenti, inoltre, ci aiutano a proteggere la salute cardiovascolare.

È consigliabile introdurre nella dieta cibi fermentati che contengono probiotici, come lo yogurt e il kefir. È stato dimostrato che l’assunzione regolare di batteri probiotici è in grado di calmare la dispepsia e altri disturbi gastrointestinali.

Taglio magro di carne per calmare la dispepsia.
La carne magra offre pochi di grassi, agevola così il transito intestinale e calma il reflusso.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Le proteine nel corpo: azione e funzioni

Alimenti sconsigliati

Si consiglia di ridurre il consumo di farine raffinate e di zuccheri, ingredienti che aumentano i disturbi gastrointestinali.

Secondo gli esperti, nella maggior parte dei casi le persone che soffrono di dispepsia presentano anche malassorbimento del fruttosio. Questo aspetto condiziona in maniera negativa la digestione e l’assorbimento degli zuccheri.

Risulta necessario anche regolare il consumo di fibre. Sebbene in giuste quantità garantiscono il corretto transito intestinale, un’assunzione eccessiva potrebbe ritardare la svuotamento gastrico, peggiorando così la dispepsia. Si consiglia, pertanto, di ridurre il consumo di pasta e cereali, che andranno sostituiti dai tuberi.

È bene sottolineare anche l’importanza di un ridotto apporto di grassi. Ciò significa evitare le fritture e i cibi impanati, preparazioni che aumentano il rischio di reflusso o di pesantezza. È sempre meglio optare per modalità di cottura più leggere, ovvero alla piastra, al forno o al vapore.

Anche le salse sono altamente sconsigliate per le persone che soffrono spesso di questo disturbo. Oltre ad aumentare l’apporto calorico del pasto, ritardano lo svuotamento gastrico e provocano mal di stomaco.

Vi consigliamo di leggere anche: Dieta a basso contenuto di grassi

Alimenti vietati

Alcuni alimenti dovrebbero scomparire dalla dieta di chi soffre di dispepsia. Tra questi troviamo l’alcol e le sostanze irritanti, come il cioccolato.

Il consumo regolare di alcol è considerata una delle cause principali di dispepsia funzionale, secondo una ricerca pubblicata sulla Revista de Gastroenterología de México. Gli alcolici, inoltre, contengono molti zuccheri o edulcoranti artificiali, anch’essi poco consigliati.

Anche limitare il consumo di cibi piccanti offre diversi benefici, poiché sono irritanti per lo stomaco. Le evidenze scientifiche indicano che il loro consumo dovrebbe essere limitato in caso di disturbi intestinali.

Il cioccolato è vietato nella dieta per la dispepsia.
Il cioccolato deve essere evitato in caso di dispepsia

È possibile migliorare la dispepsia attraverso la dieta

Adattare la dieta può rivelarsi determinante se desideriamo calmare i sintomi della dispepsia. Per fornire un trattamento corretto è tuttavia necessario identificarne le cause, ma è altrettanto importante apportare una serie di cambiamenti nell’alimentazione.

Se soffrite abitualmente di disturbi gastrointestinali, limitate il consumo di grassi e di fibre; invece aumentate l’ingestione di prodotti fermentati. Valutate con il medico la possibilità di assumere integratori di probiotici che possano migliorare la prognosi della malattia.

Infine, ricordate che sono altamente sconsigliati sia l’alcol che i cibi irritanti. L’ideale è ridurli al minimo per evitare ulteriori complicazioni. Se nutrite ancora qualche dubbio, rivolgetevi a uno specialista che possa prescrivervi una dieta su misura.

  • Tan VP., The low FODMAP diet in the management of functional dyspepsia in east and southeast asia. J Gastroenterol Hepatol, 2017. 1: 46-52.
  • Fujihara Ozaki RK., Leite Speridiao PG., Fontenele Soares AC., Morais MB., Intestinal fructose malabsorptioin is associated with increased lactulose fermentation in the intestinal lumen. J Pediatr, 2018. 94 (6): 609-615.
  • Zhang J., Wu HM., Wang X., Xie J., et al., Efficacy of prebiotics and probiotics for functional dyspepsia: a systematic review and meta analysis. Medicine, 2020.
  • Saneei P., Sadeghi O., Feizi A., Keshteli AH., Deghaghzadeh H., et al., Relationship between spicy food intake and chronic uninvestigated dyspepsia in iranian adults. J Dig Dis, 2016. 17 (1): 28-35.
  • Socarrás Suárez, María Matilde, and Miriam Bolet Astoviza. “Alimentación saludable y nutrición en las enfermedades cardiovasculares.” Revista Cubana de Investigaciones Biomédicas 29.3 (2010): 353-363.
  • Bolet Astoviza, Miriam, and María Matilde Socarrás Suárez. “Alimentación adecuada para mejorar la salud y evitar enfermedades crónicas.” Revista Cubana de medicina general integral 26.2 (2010): 0-0.
  • Hernando-Harder, Ana C., et al. “Dispepsia funcional: Nuevos conocimientos en la fisiopatogenia con implicaciones terapéuticas.” Medicina (Buenos Aires) 67.4 (2007): 379-388.
  • Ferrer, Javier Diaz, et al. “Utilidad del Suplemento de Probioticos (Lactobacillus acidophilus y bulgaricus) en el Tratamiento del Sindrome de Intestino Irritable.” Revista de Gastroenterología del Perú 32.4 (2017): 387-93.