Doccia interna, la ricetta di TikTok dai discutibili vantaggi

La doccia interna è una bevanda popolare sui social network come TikTok. I suoi difensori assicurano che aiuta a combattere la stitichezza e a perdere peso.
Doccia interna, la ricetta di TikTok dai discutibili vantaggi

Ultimo aggiornamento: 10 settembre, 2022

La bevanda “doccia interna” è diventata popolare sui social network ed è composta da acqua e semi di chia. Viene presentata come alternativa per perdere peso, anche se i suoi difensori sostengono che abbia maggiori benefici.

Tuttavia, è meglio stare attenti a queste mode passeggere, poiché in alcune occasioni potrebbero non essere supportate da prove e potrebbero essere dannose per la salute. In generale, un’efficace perdita di peso si ottiene adottando abitudini di vita sane.

Una dieta leggermente ipocalorica e l’esercizio fisico sono essenziali. Senza questi non è possibile ottenere buoni risultati nel tempo. Vediamo quindi come funziona questa bevanda e quali sono i suoi possibili benefici.

Cos’è la “doccia interna”?

Con il nome di “doccia interna” conosciamo una bevanda a base di semi di chia e acqua. Immergendo questi semi nel liquido e lasciandoli riposare per alcuni minuti, la loro dimensione si moltiplica fino a 12 volte e la consistenza diventa gelatinosa.

Il suo principale vantaggio è legato ad un transito intestinale più efficiente. È chiaro che i semi di chia sono una fonte di fibra, sostanza che si è rivelata determinante per migliorare la salute dell’apparato digerente.

Nello specifico aumenta il volume del bolo fecale, che consente una maggiore stimolazione dei meccanocettori e dei movimenti peristaltici. Pertanto, la stitichezza sarà ridotta.

La fibra stessa sarà decisiva anche per migliorare la composizione del microbiota. Serve come substrato energetico per i batteri che abitano il tubo. In questo modo si evitano perdite di densità che possono favorire lo sviluppo della disbiosi in un secondo momento.

Come affermato in uno studio pubblicato su Alimentary Pharmacology & Therapeutics, dall’assunzione di fibre si producono nell’intestino una serie di acidi grassi di natura infiammatoria, indispensabili per evitare patologie complesse.

Non bisogna dimenticare il potere delle fibre di stimolare la sensazione di sazietà, documentato in una ricerca pubblicata su Nutrition Reviews . Ciò ridurrà la quantità di cibo consumato durante il giorno, con conseguente deficit energetico e conseguente perdita di peso.

Bicchiere con acqua di chia.
La doccia interna è una bevanda a base di semi di chia e acqua. I suoi sostenitori la promuovono come formula dimagrante. Tuttavia, i suoi effetti sono oggetto di discussione.

Per saperne di più: Quando è necessario seguire una dieta povera di fibre?

La bevanda alla chia funziona?

La verità è che includere più fibre nella dieta di solito è benefico. Bisogna considerare che in poche occasioni vengono soddisfatti i fabbisogni giornalieri, localizzati in circa 25 grammi di sostanza. Il raggiungimento di questo contributo diminuisce l’incidenza di molte patologie croniche che colpiscono l’apparato digerente, oltre a migliorare i sintomi di quelle già esistenti.

Naturalmente, aumentare l’assunzione di fibre non è la soluzione in tutti i casi. Se si è sviluppato un processo di disbiosi, questo potrebbe essere controproducente. Ed è che la fibra non promuove la crescita batterica in modo selettivo.

I buoni microrganismi e anche gli agenti patogeni ne trarranno beneficio. Pertanto, in determinate circostanze sarebbe positivo limitare temporaneamente l’assunzione della sostanza, integrandola con un trattamento con probiotici.

Per quanto riguarda la perdita di peso, tieni presente che è solo un integratore. Di per sé, la bevanda non può “sciogliere il grasso” o perdere chili. La sua assunzione supporterà solo il controllo dell’appetito.

Potrebbe interessarti anche: Stai consumando troppe fibre? 5 segnali

Altri modi per includere le fibre nella dieta

La doccia interna presuppone un notevole apporto di fibra, ma esistono altre alternative per ottimizzare il consumo di questo elemento. La cosa più consigliabile è aumentare la presenza di alimenti di origine vegetale nella linea guida.

Questa classe di prodotti si distingue anche per la concentrazione di vitamine, minerali e composti antiossidanti. Sono positivi per l’organismo in generale, quindi si consiglia l’assunzione di 5 porzioni al giorno.

Allo stesso modo, dovrà essere valutata l’inclusione dei cereali integrali nella dieta. Controlla che non contengano troppi zuccheri semplici. Una buona opzione è la farina d’avena consumata in scaglie.

Cestino di frutta
Oltre alla chia, è consigliabile aumentare l’apporto di frutta e verdura per garantire l’apporto di fibre.

Doccia interna, una buona fonte di fibre

Come avete visto, la maggior parte dei benefici della “doccia interna” si sperimentano grazie all’apporto della fibra. Infatti molti nutrizionisti consigliano l’inclusione della chia nella dieta regolare per la presenza di questo elemento al suo interno.

Tuttavia, non è l’unico alimento che può generare un effetto positivo di questo calibro, ma la chiave è garantire varietà a livello dietetico. Inoltre, è necessario essere moderati con l’assunzione, poiché in eccesso può essere controproducente, soprattutto nei processi di disbiosi. In questo senso, è meglio consultare un medico.

Potrebbe interessarti ...
La dieta dimagrante del Dr. Nowzaradan: ecco come si segue
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La dieta dimagrante del Dr. Nowzaradan: ecco come si segue

Chi segue la dieta del Dr. Nowzaradan non soffre la fame poiché è progettata in modo che venga consumato il cibo necessario.



  • Tabbers, M. M., & Benninga, M. A. (2015). Constipation in children: fibre and probiotics. BMJ clinical evidence2015, 0303.
  • Simpson, H. L., & Campbell, B. J. (2015). Review article: dietary fibre-microbiota interactions. Alimentary pharmacology & therapeutics42(2), 158–179. https://doi.org/10.1111/apt.13248
  • Rebello, C. J., O’Neil, C. E., & Greenway, F. L. (2016). Dietary fiber and satiety: the effects of oats on satiety. Nutrition reviews74(2), 131–147. https://doi.org/10.1093/nutrit/nuv063