Equilibrio idroelettrolitico: di cosa si tratta?

5 Ottobre 2020
I minerali sono sostanze nutritive che svolgono importanti funzioni nell'organismo. In questo articolo parliamo della loro importanza nel garantire l'equilibrio idroelettrolitico.

Il concetto di equilibrio idroelettrolitico fa riferimento all’ottimale stato di idratazione e apporto di minerali nell’organismo. La carenza di uno di questi aspetti può avere conseguenze estremamente negative per il corpo. Alcune deficit di minerali, come quella di sodio (iponatriemia), possono anche risultare fatali.

Nelle prossime righe entreremo nel dettaglio delle funzioni dei principali elettroliti nell’organismo. Offriremo anche alcuni consigli per garantirne il giusto consumo e mantenere un adeguato equilibrio idroelettrolitico.

Equilibrio idroelettrolitico: cosa sono gli elettroliti?

Gli elettroliti sono minerali ionizzati che svolgono diverse funzioni nel corpo umano. In gran parte, sono legati al mantenimento dell’equilibrio osmotico e alla trasmissione degli impulsi nervosi.

Bambina che beve acqua.
L’idratazione, integrata con gli elettroliti, coadiuva le funzioni fisiologiche del corpo.

Leggete anche: Sali minerali: cosa sono e in che alimenti si trovano

Sodio

Il sodio è uno dei minerali più abbondanti nell’organismo. Il suo deficit, come accennato, è causa di un disturbo denominato iponatriemia. Si tratta di un nutriente che interviene nella trasmissione degli impulsi nervosi, dunque fondamentale per la vita.

È coinvolto anche nella regolazione della pressione sanguigna, come mostra una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients. Il sodio, di fatto, si lega facilmente all’acqua per cui aumenta la pressione se consumato in eccesso.

Il sodio è presente in quasi tutti gli alimenti, ragione per cui un suo deficit è piuttosto raro. Tale evenienza può tuttavia verificarsi quasi esclusivamente nei casi di sudorazione eccessiva, in ambienti caldi e umidi.

Gli atleti che gareggiano in climi caldi devono monitorare l’assunzione di questo minerale. Ciò spiega il consumo di bevande specifiche, opportunamente studiate per garantire il corretto apporto di minerali.

Calcio

Il calcio è il minerale più abbondante nel corpo umano. Costituisce parte delle ossa, aumentandone la densità e riducendo il rischio di fratture. L’apporto di questo minerale è essenziale nella prevenzione della demineralizzazione ossea causata dalla menopausa, come dimostrano le più recenti evidenze scientifiche.

Questo nutriente partecipa anche alla trasmissione degli impulsi nervosi e alla contrazione muscolare, cardiaci e scheletrici. È dunque estremamente importante garantirne adeguati livelli nell’organismo.

Può interessarvi anche: Conseguenze della carenza di calcio

Potassio

Anche il potassio è coinvolto nella trasmissione degli impulsi nervosi, e regola la pressione sanguigna esercitando un effetto ipotensivo, a differenza del sodio.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Hypertension, l’assunzione regolare di potassio è abbassa la pressione sanguigna ed è pertanto consigliato per le persone affette da ipertensione.

Come mantenere l’equilibrio idroelettrolitico?

Per mantenere l’equilibrio idroelettrolitico è fondamentale, in primo luogo, garantire il corretto apporto di acqua. Non bisogna mai attendere lo stimolo della sete per bere. Questo meccanismo fisiologico, di fatto, si attiva solo quando si è già verificata una significativa perdita.

Per garantire l’idratazione, si consiglia di bere regolarmente piccoli sorsi di acqua, evitando le bevande gassate o zuccherate. Il consumo regolare di zuccheri si è dimostrato nocivo per la salute.

Garantire l’apporto di minerali

Per soddisfare il fabbisogno di minerali e prevenire l’iponatriemia quando si svolge attività fisica in ambienti particolarmente caldi, si consiglia di salare leggermente di più le pietanze.

Nel caso di soggetti sedentari, invece, l’apporto di sodio deve essere regolato in base ai propri fabbisogni nutritivi, limitandolo in caso di ipertensione arteriosa.

La scelta migliore è adottare un’alimentazione varia ed equilibrata, ricca soprattutto di frutta e verdura, visto il loro alto contenuto di micronutrienti. Grazie al notevole apporto di minerali, questi alimenti prevengono lo sviluppo di carenze dannose per la salute.

Infine, è necessario garantire il giusto consumo di calcio per rafforzare le ossa. Si consiglia di consumare latticini, frutta secca o pesce azzurro. Le sardine in scatola, per esempio, sono uno degli alimenti più indicati per prevenire l’osteoporosi nelle donne.

Donna che beve una bevanda energetica.
Le bevande energetiche sono studiate per soddisfare gli specifici fabbisogni degli atleti.

Un buon equilibrio idroelettrolitico è garanzia di salute

Mantenere il corretto equilibrio elettrolitico è essenziale per la salute generale e anche per prevenire basse prestazioni durante una competizione sportiva.

Soddisfare il fabbisogno di minerali nell’organismo diventa piuttosto semplice se si seguono i consigli presentati. Consumando regolarmente verdure, latticini e pesce azzurro, difficilmente si soffrirà di una carenza di tali micronutrienti.

Se soffrite di una patologia specifica, consigliamo di rivolgersi a un professionista. Non dimenticate che le persone ipertese, per esempio, non devono mai esagerare con il sale.

  • Grillo A., Salvi L., Coruzzi P., Salvi P., et al., Sodium intake and hypertension. Nutrients, 2019.
  • Weaver CM., Alexander DD., Boushey CJ., Dawson Hughes B., et al., Calcium plus vitamin D supplementation and risk of fractures: an updated meta analysis from the national osteoporosis foundation. Osteoporos Int, 2016. 27 (1): 367-76.
  • Chmielewski J., Carmody JB., Dietary sodium, dietary protassium, and systolic blood pressure in US adolescents. J Clin Hypertens, 2017. 19 (9): 904-909.
  • Malik VS., Li Y., Pan A., Koning LD., et al., Long term consumption of sugar sweetened and artificially sweetened beverages and risk of mortality in US adults. Circulatino, 2019. 139 (18): 2113-2125.
  • Feye, Andrés Santiago Parodi. “Composición de las bebidas deportivas: efectos sobre la hidratación y el rendimiento.” Revista Universitaria de la Educación Física y el Deporte 11 (2018): 45-53.
  • Díaz-Rizo, Valeria, et al. “Factores nutricionales relacionados con osteoporosis.” El Residente 13.1 (2018): 23-30.
  • Llanio, Raimundo. “Balance HÃdrico y ElectrolÃtico.” Revista Cubana de Medicina 1.1 (2019).
  • Henríquez-Palop, Fernando, et al. “La sobrecarga hídrica como biomarcador de insuficiencia cardíaca y fracaso renal agudo.” Nefrología (Madrid) 33.2 (2013): 256-265.