Fattori psicologici che possono favorire l'obesità

Per combattere l'obesità, bisogna andare oltre i cambiamenti nella dieta o nella pratica dell'esercizio fisico. Non bisogna sottovalutare i fattori psicologici che possono favorire questo disturbo alimentare.
Fattori psicologici che possono favorire l'obesità
Maria Fatima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da la psicologa Maria Fatima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

L’anoressia e l’obesità sono disturbi alimentari che devono ricevere la massima attenzione. Eppure, poche persone si prendono il tempo per capire e imparare un po’ di più su ciò che c’è dietro. Vediamo, allora, quali sono i fattori psicologici che possono favorire l’obesità.

Si parla molto dei disturbi alimentari, soprattutto in rete. Giudizi morali che parlano della mancanza di cure in tono quasi accusatorio. Migliaia di hater che fanno commenti negativi sui social quando una persona in carne osa indossare un top con il fisico che ha. Ma cosa c’è dietro? Cosa prova chi soffre di obesità? Continua a leggere.

I fattori psicologici che possono favorire l’obesità

Quando si pensa all’obesità, molte delle teorie si riducono alla presenza e al mantenimento di abitudini di vita scorrette, come l’eccesso di cibo, una dieta ricca di grassi saturi, mancanza di esercizio fisico. Ma se una persona con obesità, quasi magicamente, cambiasse queste abitudini, basterebbe a farla guarire?

La salute è molto più che andare a correre: ha a che fare con ciò che pensiamo e sentiamo. Allora la risposta cambia. Non è sufficiente. È a questo punto che i fattori psicologici che possono favorire l’obesità iniziano ad acquisire rilevanza.

Vale la pena notare che sono coinvolti molteplici fattori. È chiaro che non si tratta di qualcosa contro qualcos’altro, fisico contro psicologico, genetica contro ambiente. È tutto questo insieme e altro ancora. Solo così possiamo proporre al paziente un approccio sensato, completo e utile.

L'assunzione emotiva come fattore psicologico dell'obesità.
L’assunzione eccessiva di cibo per rimediare alle carenze emotive è un meccanismo frequente nelle persone obese.

Quali sono questi fattori?

Vediamo alcuni dei fattori psicologici che possono favorire l’obesità:

  • Bassa autostima, essere troppo autocritici.
  • Situazioni di stress o trauma.
  • Ansia, depressione.
  • Episodi di violenza vissuti in passato.
  • Assunzione emotiva. È caratterizzata dal fatto che la persona usa il cibo come un modo per evitare problemi o far fronte a situazioni. Funziona come rifugio e via di fuga dalle emozioni che si provano.
  • Difficoltà nel controllo degli impulsi. Molti pazienti obesi riferiscono di non riuscire a smettere di mangiare.

Come affrontare l’obesità dal punto di vista psicologico?

Ci sono diverse strategie per affrontare l’obesità. Eccone alcune:

Psicoeducazione

Qui il lavoro deve coinvolgere diverse aree. Non si tratta solo di sviluppare risorse per il controllo degli impulsi, ma anche di affrontare l’autostima e il concetto di sé.

Non mancheranno nemmeno le indicazioni informative e nutrizionali su come leggere le etichette dei prodotti, come scegliere gli alimenti e preparare un pasto equilibrato. Si tratta di fornire tutti gli strumenti necessari per prendere decisioni migliori. È importante che diversi professionisti partecipino per raggiungere un approccio globale.

Motivazione a prendersi cura di sé

La cura di sé e il perseguimento degli interessi devono essere incoraggiati. L’obiettivo è fare in modo che le persone che soffrono di obesità possano lasciare il cibo come unico argomento per pensare ad altro e avere i propri progetti.

Affrontare le convinzioni sull’obesità

Ognuno ha la propria costruzione riguardo a ciò che vive. Solo conoscendo il quadro interpretativo del paziente possiamo aiutarlo a creare abitudini sane e sostenibili nel tempo.

Fornire gli strumenti per affrontare lo stress

Ad esempio, calmarsi e rilassarsi invece di fare appello al cibo. La gestione delle emozioni è un elemento chiave del trattamento.

Tecnica di rilassamento per l'obesità.
Esercizi, pratiche di respirazione e di rilassamento sono utili per accompagnare i cambiamenti delle abitudini alimentari.

Coinvolgere la famiglia

Il cibo rappresenta molto più del corretto equilibrio calorico e proteico. Intorno ci sono aspetti sociali e culturali.

Pertanto, sarà necessario informarsi sulle credenze e le usanze familiari intorno al cibo. In questo modo, possiamo accompagnare con raccomandazioni che possono essere eseguite come supporto.

Imparare a rispettare il proprio corpo

Affrontare l’obesità non significa non essere consapevoli della diversità dei corpi. Così come ci sono persone più basse e più alte, ci sono anche persone più magre e robuste.

Quello che deve essere preso in considerazione è che il sovrappeso ha conseguenze sulla salute generale. Accettare l’obesità significa non stigmatizzare corpi diversi, non prendere in giro chi non ha un corpo egemonico e non promuovere modelli di estrema magrezza.

Tuttavia, accettare l’obesità significa anche assumere un ruolo proattivo in termini di cura di sé, cercando un equilibrio tra la nostra costituzione fisica e il patrimonio genetico, senza cercare di occupare e trasformare il corpo in qualcosa che non è. Naturalmente, questo non significa cadere all’estremo opposto di incoraggiare cattive abitudini alimentari.

È importante tenere presente che l’obesità presenta un alto rischio di comorbilità con altre malattie o situazioni complesse. Ad esempio, potrebbe essere associato a depressione o a qualche situazione traumatica.

In questo senso bisogna rivendicare la diversità corporea, ma anche essere responsabili dell’approccio all’obesità. Non solo per il rischio connesso, ma perché spesso va di pari passo con altre malattie.

Potrebbe interessarti ...
Piramide NAOS: strategie per prevenire l’obesità giovanile
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Piramide NAOS: strategie per prevenire l’obesità giovanile

La piramide NAOS offre una serie di consigli sull'alimentazione con l'obiettivo di aiutare a evitare l'obesità infantile e adolescenziale.