Funghi cremini: valore nutrizionale e benefici

Se vuoi migliorare l'apporto di fibre, puoi includere regolarmente i funghi cremini nelle tue ricette. Inoltre, forniscono importanti antiossidanti.
Funghi cremini: valore nutrizionale e benefici
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

I funghi cremini sono una versione leggermente più matura del comune fungo champignon con una tonalità più scura. Tuttavia, rappresentano una specie diversa. Al termine del processo di maturazione, diventano funghi portobello, molto apprezzati in gastronomia. Sono alimenti che possono essere inseriti nel contesto di una dieta regolare, poiché contengono al loro interno nutrienti essenziali e antiossidanti di buona qualità.

Prima di iniziare, è fondamentale sottolineare che la presenza di verdure nella dieta è altamente benefica. La copertura del fabbisogno di micronutrienti è essenziale per ottimizzare i processi fisiologici che avvengono nell’ambiente interno.

Inoltre, gli antiossidanti sono considerati importanti per mantenere l’equilibrio ossidativo e infiammatorio, che aiuteranno a prevenire lo sviluppo di molte patologie croniche.

Caratteristiche dei funghi cremini

Il sapore dei funghi cremini è umami, molto più intenso di quello dei funghi comuni. Inoltre concentrano all’interno meno acqua, il che rende più marcate le caratteristiche organolettiche.

La consistenza è carnosa, il che li rende ideali per molti piatti. Funzionano bene anche con le patatine fritte, le uova strapazzate e le insalate.

Funghi per controfiletto di Wellington.
I funghi cremini sono gustosi e carnosi.

Si consiglia di pulirli adeguatamente prima del consumo. Spesso possono presentare tracce di sabbia o impurità che è bene rimuovere. Sarà sufficiente passarci sopra un panno umido. Se vengono posti sotto il getto del rubinetto, le caratteristiche organolettiche potrebbero risultare danneggiate.

Valore nutritivo

Ogni 100 grammi di funghi cremini apportano circa 94 calorie. Per questo motivo sono ideali da inserire nell’ambito di una dieta ipocalorica con l’obiettivo di dimagrire. La maggior parte di loro sono costituiti da acqua, che causerà un importante effetto saziante.

All’interno dei macronutrienti, spiccano i carboidrati, con 4 grammi per 100. Tuttavia, anche la concentrazione proteica è notevole, fornendo un totale di 3 grammi.

Funghi e funghi.
A causa del loro basso apporto calorico, è possibile includere i funghi cremini nella dieta per dimagrire.

Le proteine presenti in questi alimenti sono a basso calore biologico. Non hanno tutti gli aminoacidi all’interno e non hanno un punteggio elevato in termini di digeribilità.

Per questo motivo non servono a soddisfare pienamente le esigenze quotidiane, ma piuttosto sono un complemento. Tieni presente che almeno 0,8 grammi di proteine per chilo di peso dovrebbero essere forniti nelle persone sedentarie, secondo uno studio pubblicato negli Annals of Nutrition & Metabolism.

Benefici

Il consumo regolare di funghi cremini può fornire una serie di benefici per la salute. Innanzitutto, questi alimenti contengono sostanze fitochimiche con capacità antiossidante.

Questi composti neutralizzano la formazione di radicali liberi e il loro successivo accumulo nei tessuti dell’organismo. Questo effetto può prevenire lo sviluppo di molte patologie complesse, come confermato da una ricerca pubblicata sull’European Journal of Medicinal Chemistry.

D’altra parte, la presenza di fibre all’interno di questi alimenti riesce ad aumentare la sensazione di sazietà. Lo dice uno studio pubblicato sulla rivista Nutrition Reviews. In questo modo si sperimenterà meno ansia per il cibo, il che consentirà alle linee guida ipocaloriche di essere molto più praticabili contribuendo all’aderenza, che è la chiave per raggiungere il successo nel medio termine.

Inoltre, parte della fibra fermenta all’interno del tubo digerente funge da substrato energetico per i batteri che vivono lì. Grazie a ciò, migliora la densità dei microrganismi e vengono prevenuti i processi di disbiosi, che possono influire negativamente sulla digestione e sul funzionamento dell’intestino. Ora, per completare questo effetto, è bene garantire la presenza di alimenti con probiotici nella linea guida, come nel caso dei latticini fermentati.

Funghi cremini, cibo di alta qualità

Come abbiamo visto, i funghi cremini possono essere inseriti regolarmente ella dieta. Aiutano a coprire il fabbisogno giornaliero di fibre e sono in grado di conferire a molti piatti buone caratteristiche organolettiche, ritenute essenziali per ottenere l’aderenza al modello alimentare. Dopotutto, la varietà è uno dei punti chiave di una dieta sana.

Infine, è importante porre un accento particolare sulla necessità di garantire la presenza di alimenti di origine vegetale nelle linee guida. Almeno 5 porzioni di frutta e verdura devono essere consumate ogni giorno per soddisfare il fabbisogno di micronutrienti e per fornire sufficienti antiossidanti. Se c’è un deficit di quest’ultimo, potrebbero verificarsi complesse alterazioni fisiologiche, come la disfunzione mitocondriale.

Potrebbe interessarti ...
Funghi porcini: come si usano in cucina?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Funghi porcini: come si usano in cucina?

I funghi porcini sono molto apprezzati a livello gastronomico. Inoltre, riescono a fornire diversi nutrienti essenziali per l'organismo.



  • Richter M, Baerlocher K, Bauer JM, et al. Revised Reference Values for the Intake of Protein. Ann Nutr Metab. 2019;74(3):242-250. doi:10.1159/000499374
  • Neha K, Haider MR, Pathak A, Yar MS. Medicinal prospects of antioxidants: A review. Eur J Med Chem. 2019;178:687-704. doi:10.1016/j.ejmech.2019.06.010
  • Rebello CJ, O’Neil CE, Greenway FL. Dietary fiber and satiety: the effects of oats on satiety. Nutr Rev. 2016;74(2):131-147. doi:10.1093/nutrit/nuv063