Funghi porcini: come si usano in cucina?

Se ti piacciono i funghi, sicuramente avrai assaggiato quelli porcini. Hanno un sapore unico e forniscono abbastanza proteine per soddisfare il fabbisogno giornaliero.
Funghi porcini: come si usano in cucina?

Ultimo aggiornamento: 23 settembre, 2022

I funghi porcini sono commercializzati freschi ed essiccati, e sono molto apprezzati dal punto di vista gastronomico. Sono alimenti di buona qualità che possono essere inseriti regolarmente nella dieta.

Vengono coltivati principalmente in Europa, sebbene si trovino anche in alcune regioni del Nord America e dell’Asia. Si raccolgono principalmente nella stagione autunnale e possono essere saltati in padella e mangiati come contorno di molti piatti.

Prima di iniziare, è fondamentale notare che il consumo di funghi è raccomandato dalla maggior parte degli esperti di nutrizione. Sono ricchi di antiossidanti e coprono il fabbisogno giornaliero di fibre. Grazie a questi elementi, il funzionamento della fisiologia nell’ambiente interno migliora, impedendo così eventuali patologie croniche e complesse.

Caratteristiche dei funghi porcini

Cosa sono i funghi porcini e come si usano in cucina?
I funghi porcini sono gustosi e hanno un’ottima consistenza.

In generale i funghi porcini sono caratterizzati da un cappuccio marrone con spessi steli bianchi. I teli sono di dimensioni abbastanza variabili, ma quando si tratta delle versioni raccolte, di solito non superano i pochi centimetri. La loro forma è convessa durante la fase della giovinezza. Questi funghi sono facili da pulire, basterà un panno umido.

Quando li si utilizza in cucina, è fondamentale notare che non devono essere immersi in acqua o inumiditi eccessivamente prima di includerli nelle ricette. In caso contrario, le sue caratteristiche organolettiche si deterioreranno.

Possono essere saltati in padella o cucinati con le uova strapazzate per sfruttarne al meglio il sapore, caratteristico per il loro gusto umami. La consistenza carnosa li rende perfetti per diversi tipi di piatti.

Valore nutrizionale

I funghi porcini si distinguono soprattutto per il loro contenuto proteico, essendo in grado di fornirne più di 33 grammi ogni 100 di alimento. Si tratta comunque di nutrienti di basso valore biologico, poiché non contengono tutti gli aminoacidi essenziali, né hanno un buon punteggio in termini di digeribilità. In ogni caso, serviranno per aiutare a coprire il fabbisogno giornaliero.

Dal punto di vista dei micronutrienti va segnalata la presenza della vitamina A, elemento che negli anni si è rivelato di grande importanza nel mantenimento della salute visiva. Ma sono anche una fonte di vitamina C e possono coprire il 185% della quantità giornaliera raccomandata. Per quanto riguarda i minerali, spicca il ferro.

Benefici dei funghi porcini

Cosa sono i funghi porcini e come si usano in cucina?
L’apporto dei funghi porcini può aiutare a coprire il fabbisogno giornaliero di proteine e fibre.

Il primo dei benefici dei funghi porcini ha a che fare con la presenza di proteine. Questi nutrienti fanno la differenza quando si tratta di prevenire lo sviluppo di patologie che colpiscono la massa magra, come la sarcopenia. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients.

La sarcopenia è una malattia che provoca una progressiva riduzione della massa muscolare e della forza che può finire per aumentare l’incidenza di altri problemi di salute.

Allo stesso modo, è fondamentale commentare che i funghi porcini hanno fibre. Questo elemento aumenta il volume del bolo fecale, provocando così una maggiore stimolazione dei meccanocettori del tubo digerente. Da qui, il bolo scende in modo molto più efficiente, riducendo il rischio di stitichezza. Uno studio pubblicato sulla rivista BMJ lo conferma.

Da notare inoltre che buona parte della fibra fermenta all’interno del tubo digerente. Non è digeribile, quindi funge da substrato energetico per i microrganismi che vi abitano.

Questo effetto aiuta ad evitare i processi di disbiosi che possono causare alterazioni nella digestione e nell’utilizzo dei nutrienti. Naturalmente, è bene che anche i prodotti lattiero-caseari fermentati che forniscono probiotici a tale scopo appaiano nelle linee guida.

Un alimento dalle ottime proprietà organolettiche

Come avete visto, i funghi porcini sono molto apprezzati in cucina. A casa, puoi cucinarli come vuoi, includendoli nelle uova strapazzate o come contorno.

Sono alimenti di alta qualità che concentrano al loro interno i nutrienti essenziali. Questi composti contribuiranno a garantire che la fisiologia dell’ambiente interno si sviluppi in modo efficiente, prevenendo la comparsa di patologie croniche e complesse nel corso degli anni.

Per finire, va notato che alcuni funghi possono essere una fonte di una forma chimica di vitamina D. Non è il più attivo e utilizzabile, ma può aiutare a soddisfare i requisiti e aumentarne i livelli nel corpo. Ricorda che un deficit prolungato di questo nutriente condizionerebbe negativamente lo stato di salute, aumentando il rischio di ammalarsi.

Potrebbe interessarti ...
Piatti a base di funghi gustosi e nutrienti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Piatti a base di funghi gustosi e nutrienti

Donano un gusto molto piacevole alle ricette e creano un contrasto di sapori eleganti e raffinati per il palato. Vediamo insieme 3 piatti a base di...



  • Saari JC. Vitamin A and Vision. Subcell Biochem. 2016;81:231-259. doi:10.1007/978-94-024-0945-1_9
  • Prokopidis K, Cervo MM, Gandham A, Scott D. Impact of Protein Intake in Older Adults with Sarcopenia and Obesity: A Gut Microbiota Perspective. Nutrients. 2020;12(8):2285. Published 2020 Jul 30. doi:10.3390/nu12082285
  • Tabbers MM, Benninga MA. Constipation in children: fibre and probiotics. BMJ Clin Evid. 2015;2015:0303. Published 2015 Mar 10.