La vitamina D e la sua importanza nella salute cardiovascolare

Sebbene i suoi benefici più noti abbiano a che fare con il metabolismo del calcio e la salute delle ossa, la ricerca scientifica indica un ruolo della vitamina D anche nella salute cardiovascolare.
La vitamina D e la sua importanza nella salute cardiovascolare

Ultimo aggiornamento: 29 maggio, 2022

Sapevate che la vitamina D e la salute cardiovascolare sono correlate? Innanzitutto, va ricordato che questo nutriente fa parte del gruppo delle vitamine liposolubili, che comprendono anche A, E e K. Il corpo umano è in grado di sintetizzarla mediante esposizione alla luce solare.

Tuttavia, la sua produzione è limitata, quindi va integrata con un consumo regolare di alimenti che la contengono, in particolare di pesce. Sebbene i suoi benefici più noti abbiano a che fare con il metabolismo del calcio e la salute delle ossa, l’evidenza scientifica indica che influisce anche su altre funzioni del corpo.

Come viene prodotta la vitamina D?

Dopo l’esposizione alla luce solare, la pelle è in grado di convertire la molecola precursore in colecalciferolo o vitamina D3, una delle forme inattive della vitamina. Tuttavia, il processo dipende da diversi fattori come la stagione dell’anno, il momento della giornata e la latitudine geografica, motivo per cui differisce tra una regione e l’altra.

Anche il grado di pigmentazione cutanea interferisce con la quantità di raggi ultravioletti in grado di stimolare la produzione di vitamina D. Allo stesso modo, età e connotazioni culturali modificano il tempo di esposizione alla luce solare e la quantità di pelle che riceve i raggi ultravioletti. Pertanto, la sintesi è generalmente scarsa.

Alimenti che contengono vitamina D
Sebbene parte della vitamina D si ottenga con l’esposizione al sole, è possibile ricavarla anche dagli alimenti.

In che modo integrarla?

Sebbene la produzione cutanea possa garantire fino al 95% del deposito di vitamina D nell’organismo, la maggior parte della popolazione mondiale presenta una carenza di questa sostanza. Pertanto, è necessario consumarla, cioè ricorrere a fonti esterne per ottenerla. Tra le opzioni ci sono le seguenti:

  • Alimenti naturali come pesce, uova, burro e fegato.
  • Prodotti funzionali, cioè quelli a cui l’industria alimentare aggiunge i nutrienti essenziali.
  • Integratori farmacologici che contengono alcune delle forme di vitamina D.

Metabolismo della vitamina D: attivazione della molecola

Il precursore della vitamina D è il colecalciferolo (vitamina D3), che viene sintetizzato dalla pelle quando ci esponiamo alla luce solare. Ma esiste un’altra forma inattiva, l’ergocalciferolo o vitamina D2, che è sintetizzata dalle piante e può essere consumata come fonte esterna.

L’attivazione della vitamina D può avvenire da ognuna di queste molecole precursori. Per fare ciò, il precursore si lega a una proteina che lo trasporta al fegato, dove avviene una prima trasformazione in calcidiolo.

Tuttavia, la molecola rimane inattiva e richiede una seconda idrossilazione. Questo processo si verifica nel rene. Lì viene generato il calcitriolo, la forma attiva della vitamina D.

Il calcitriolo e il funzionamento dell’organismo

Essendo una molecola liposolubile, la vitamina D attraversa facilmente la membrana plasmatica fino a raggiungere il nucleo cellulare, dove trova il suo recettore. Lì si lega a detto elemento e regola la trascrizione di una serie di geni. Per questo motivo, sono state dimostrate le sue molteplici funzioni.

Azioni classiche: metabolismo del calcio

Grazie alla presenza del calcitriolo, è possibile aumentare l’assorbimento di calcio e fosforo provenienti dal cibo nel lume intestinale. Inoltre, il suo effetto sulle ossa consente l’estrazione del minerale nel flusso sanguigno, aumentando i livelli di calcio a disposizione delle cellule del corpo.

Svolge, inoltre, un’azione aggiuntiva a livello renale, poiché stimola il riassorbimento di calcio e fosforo per evitare che grandi quantità di minerali vengano escreti nelle urine. Per questi motivi, la vitamina D è spesso associata alla funzione ossea, il classico effetto della molecola.

Calcitriolo: una sostanza versatile

Tuttavia, le azioni sul metabolismo del calcio e del fosforo non sono le uniche funzioni della vitamina D. Il recettore della molecola si trova nella maggior parte delle cellule, il che suggerisce un intervento nei processi fisiologici molto più ampio di quanto inizialmente si credeva.

Sono state condotte varie ricerche per chiarire gli altri effetti della vitamina D, che sono stati definiti “non classici”. I ricercatori hanno, ad esempio, legato il calcitriolo alla regolazione del sistema immunitario, associando la sua carenza a malattie infettive e autoimmuni.

Allo stesso modo, è stato dimostrato che esercita un effetto sul funzionamento ormonale. Livelli insufficienti sono legati ad un’alterata funzione del pancreas, fatto che favorisce lo sviluppo del diabete mellito. Infine, essendo un regolatore della crescita cellulare, potrebbe essere coinvolta nello sviluppo del cancro.

Salute cardiovascolare e calcitriolo

È stata dimostrata la presenza di recettori nucleari per la vitamina D nella muscolatura liscia. Nei vasi sanguigni è presente uno strato muscolare che permette loro di contrarsi e dilatarsi per adattarsi alle esigenze del corpo. Questo, consente di modificare il flusso sanguigno a seconda del bisogno.

Dopo la scoperta di questi recettori, sono state effettuate varie ricerche per chiarire gli effetti del calcitriolo sui vasi sanguigni. Sembra essere correlato alla diminuzione della contrazione e al miglioramento della funzione endoteliale.

Carenza di vitamina D: provoca ipertensione?

Il calcitriolo agisce su un importante sistema di regolazione della pressione sanguigna, “il sistema renina-angiotensina-aldosterone”. La molecola attiva è in grado di inibire la renina, quindi non stimola la conversione del tensinogeno in angiotensina. Questo impedisce l’aumento della pressione sanguigna.

Diversi studi hanno collegato bassi livelli di vitamina D con aumenti della pressione sanguigna. Questa evidenza è ancora più marcata nei mesi invernali, quando la sintesi cutanea del colecalciferolo è ridotta.

Oggi si ritiene che la vitamina D abbia un effetto benefico sulla regolazione della pressione sanguigna.

Cardioprotezione con calcitriolo

D’altra parte, la carenza di vitamina D è stata collegata a varie condizioni classificate come fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. In particolare, sindrome metabolica, obesità, diabete mellito, dislipidemia e ipertensione arteriosa.

Queste patologie sembrano essere correlate a bassi livelli di calcitriolo, il che suggerisce che l’ipovitaminosi D sia coinvolta nello sviluppo di queste condizioni.

La vitamina D è essenziale per regolare la pressione arteriosa.
La vitamina D è coinvolta nella salute cardiovascolare. In particolare, è fondamentale per regolare la pressione arteriosa.

Come sapere se abbiamo una carenza di vitamina D?

Poiché sono presenti due molecole precursori, la determinazione del colecalciferolo e dell’ergocalciferolo non sono i test più appropriati per misurare i livelli di vitamina D nel sangue.

Oggi si consiglia di utilizzare i valori di calcidiolo, poiché questa è la forma più abbondante nell’organismo e potrebbe riflettere meglio la concentrazione nel sangue.

Anche così, non esiste consenso su quali livelli di questo nutriente possano essere considerati ottimali. La maggior parte degli studi suggerisce che le concentrazioni inferiori a 20 ng/ml dovrebbero essere classificate come carenti, costituendo così ipovitaminosi D.

Infatti, determinazioni di calcidiolo comprese tra 20 e 30 ng/ml, potrebbero essere associate ad una riserva insufficiente di esso. Occorre considerare altri parametri per valutare oggettivamente il reale stato della vitamina D. Tra questi, i livelli di paratormone e calcio sierico.

Come consumare integratori di vitamina D?

È chiaro che la vitamina D svolge un ruolo importante nella cura della salute cardiovascolare. Pertanto, l’ideale è garantirsi un apporto ottimale del nutriente. Poiché l’esposizione al sole sembra essere insufficiente in molte popolazioni, l’integrazione attraverso la dieta è l’opzione migliore.

Il consumo di cibi fortificati è solitamente la prima scelta. Tra questi spiccano i latticini. Se il medico o il nutrizionista lo richiede, è anche possibile ottenere vitamina D con integratori di colecalciferolo o ergocalciferolo.

Esiste una dose ideale?

La dose giornaliera raccomandata dipende dall’età e dallo stato di salute della persona. Tuttavia, si ritiene che 800 UI al giorno per un adulto siano sufficienti a garantire un’adeguata concentrazione di vitamina D. Nonostante ciò, occorre valutare caso per caso.

L‘ipervitaminosi D è una malattia rara causata dall’intossicazione da integratori di vitamina D. In questa condizione si produce ipercalcemia e i suoi sintomi includono sintomi come:

  • Debolezza.
  • Perdita di appetito e di peso.
  • Nausea.
  • Dolori muscolari e rigidità.
  • Calcoli renali.
  • Ipertensione arteriosa.

È importante sottolineare che la vitamina D apporta benefici alla salute cardiovascolare e ad altri importanti sistemi del corpo. Pertanto, quando si sospetta una carenza di questo nutriente, è meglio rivolgersi al medico; questo determinerà la dose ideale per evitare di passare da un estremo all’altro.

Potrebbe interessarti ...
La vitamina B6: caratteristiche e benefici
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La vitamina B6: caratteristiche e benefici

La vitamina B6 appartiene al gruppo delle vitamine idrosolubili, dunque si scioglie in acqua e che non può essere immagazzinata dall'organismo.



  • Nair R, Maseeh A. Vitamin D: The “sunshine” vitamin. J Pharmacol Pharmacother. 2012;3(2):118-126. doi:10.4103/0976-500X.95506
  • Calle, A.; Torrejón, M.; La Vitamina D y sus Efectos “no Clásicos”; .Revista Española de Salud Pública; 86 (5); 2012.
  • Cesari, Matteo et al. “Vitamin D hormone: a multitude of actions potentially influencing the physical function decline in older persons.” Geriatrics & gerontology international vol. 11,2 (2011): 133-42. doi:10.1111/j.1447-0594.2010.00668.x
  • Moyano, C.; López, F.; Castilla, M.; Vitamina D e Hipertensión Arterial; Medicina Clínica; 138 (9): 397 – 401; 2012.
  • Pajuelo, J.; Bernui, I.; Arbañil, H.; Gamarra, D.; Miranda, M.; Chucos, R.; Vitamina D y su Relación con Factores de Riesgo Metabólicos para Enfermedad Cardiovascular en Mujeres Adultas; Anales de la Facultad de Medicina; 79 (2); 2018
  • Tare M, Emmett SJ, Coleman HA, Skordilis C, Eyles DW, Morley R, Parkington HC. Vitamin D insufficiency is associated with impaired vascular endothelial and smooth muscle function and hypertension in young rats. J Physiol. 2011 Oct 1;589(Pt 19):4777-86. doi: 10.1113/jphysiol.2011.214726. Epub 2011 Aug 1. PMID: 21807617; PMCID: PMC3213423.
  • Vásquez, D.; Cano, C.; Gómez, A.; González, M.; Guzmán, R.; Martínez, J.; Rosero, O.; Rueda, C.; Acosta, J.; Vitamina D. Consenso Colombiano de Expertos;  Med 39 (2): 140 – 157; 2.017.
  • Polly P, Tan TC. The role of vitamin D in skeletal and cardiac muscle function. Front Physiol. 2014;5:145. Published 2014 Apr 16. doi:10.3389/fphys.2014.00145
  • De Oliveira, V.; Muller, G.; Dutra, E.; Boff, B,; Zirbes, G.; Influencia de la Vitamina D en la Salud Humana; Acta Bioquímica Clínica Latinoamericana; 48 (3): 329 – 337; 2014.
  • Mehta V, Agarwal S. Does Vitamin D Deficiency Lead to Hypertension?. Cureus. 2017;9(2):e1038. Published 2017 Feb 17. doi:10.7759/cureus.1038
  • Valero, M.; Hawkins, F.; Metabolismo, Fuentes Endógenas y Exógenas de Vitamina D; REEMO; 16 (4): 63 – 70; 2007.
  • Park, Jung Eun et al. “Vitamin D and Metabolic Diseases: Growing Roles of Vitamin D.” Journal of obesity & metabolic syndrome vol. 27,4 (2018): 223-232. doi:10.7570/jomes.2018.27.4.223