Gaslighting: quando i genitori manipolano i figli

I genitori che usano il gaslighting portano i figli a non fidarsi di se stessi. Questo tipo di manipolazione influisce gravemente sul processo di sviluppo.
Gaslighting: quando i genitori manipolano i figli

Ultimo aggiornamento: 17 settembre, 2022

I figli hanno bisogno che i genitori costruiscano un concetto di loro stessi positivo, di sentire che li apprezzano, che sono degni del loro amore e che possono fidarsi di loro e delle loro intuizioni. Tuttavia, a volte tutto ciò viene negato al bambino. Tra le tante forme di manipolazione che possono manifestarsi all’interno della famiglia, oggi parliamo del gaslighting.

Questo termine è comune nel contesto delle relazioni di coppia. Il gaslighting è una tecnica di manipolazione subliminale ben che porta la vittima a non fidarsi delle proprie percezioni, emozioni e ricordi.

Chi lo esercita, fa dubitare alla vittima di se stesso, delle sue intuizioni e dei suoi istinti. Al punto da ritrovarsi alla mercé dell’altra persona.

Gaslighting: una forma di manipolazione subliminale

Questa forma di controllo e manipolazione non è sempre facile da riconoscere, soprattutto durante l’infanzia. Un bambino si fida a occhi chiusi dei suoi genitori e cerca di compiacerli; non può immaginare di essere vittima di gaslighting.

In alcuni casi, solo quando raggiunge l’età adulta si renderà conto di averne sofferto da bambino e delle conseguenze che ne sono derivate. Riconoscere il gaslighting da parte dei genitori è importante, soprattutto se si ha la tendenza ad esercitarlo con i propri figli. Ecco alcuni dei comportamenti più comuni dei genitori che fanno uso del gaslighting con i figli.

I genitori manipolano la figlia con il gaslighting.
I genitori possono manipolare i propri figli con tecniche subliminali che trasmettono messaggi negativi su chi sono e cosa possono fare.

Danno la colpa ai figli

La colpa è uno dei mezzi di manipolazione più efficaci. I genitori che fanno uso del gaslighting sono esperti nel generare questo sentimento nei loro figli per varie ragioni, al fine di esercitare il controllo su di loro.

In generale, li rendono responsabili di questioni che in realtà non hanno nulla a che fare con loro. Se la relazione dei genitori, ad esempio, va male, tendono ad incolpare il figlio.

È anche molto comune essere ritenuti responsabili dei sentimenti degli adulti. Ad esempio: “Sono arrabbiato e stressato perché mi hai infastidito tutto il pomeriggio”.

Minimizzano e invalidano i loro sentimenti

Questi genitori minimizzano costantemente i sentimenti e le emozioni dei figli. Di fronte a qualsiasi emozione che esprimono, vengono bollati come esagerati, “pesanti” o troppo sensibili. Sembra che non abbiano mai il diritto di sentirsi come si sentono.

Negano la realtà di ciò che i loro figli provano e vivono

Inoltre, negano la realtà e le prove per sbarazzarsi delle loro responsabilità. Ad esempio, se c’è un chiaro favoritismo nei confronti di un figlio e l’altro lo percepisce e lo rivendica, gli verrà detto che è pazzo, che lo sta solo immaginando e che non è affatto così.

È anche molto comune che il genitore manipolatore assuma un ruolo di vittima: “tutto il giorno mi critichi e mi rimproveri, secondo te sono il peggior padre del mondo”. Questo è in realtà un meccanismo di proiezione che aiuta a distogliere l’attenzione dai propri errori e a focalizzare l’attenzione sul figlio.

Sottovalutano e criticano

Questi padri e madri criticano costantemente tutto ciò che il figlio fa, dice o sceglie. Ciò che gli piace, i suoi hobby e interessi vengono costantemente criticati e sottovalutati. Sono bollati come inappropriati.

Invece di incoraggiare lo sviluppo della personalità e dell’identità del bambino, le reprimono e le limitano.

Isolano e controllano i figli

D’altra parte, questi genitori cercano di controllare i propri figli e modellarli alle loro preferenze. Tendono a farli isolare a livello sociale e a limitare le loro relazioni con le altre persone.

Una figlia litiga con i genitori che usano il gaslighting.
I figli vittima di gaslighting vengono isolati dall’ambiente circostante.

Conseguenze del gaslighting

Crescere coinvolti in questo tipo di dinamiche ha conseguenze gravi sullo sviluppo, non solo durante l’infanzia, ma anche nell’età adulta.

Alcune delle più comuni sono:

  • Crescere con una bassa autostima e pieni di insicurezze.
  • Non fidarsi del proprio giudizio e sentirsi disconnessi dalle proprie emozioni e intuizioni. Per lo stesso motivo, diventa difficile sapere cosa vogliono e di cosa hanno bisogno; trovano difficile prendere decisioni e cercare il proprio bene.
  • La dipendenza emotiva e la tendenza a compiacere gli altri sono comuni. Quando non ci si può fidare delle proprie percezioni, istinti e opinioni, ci si rivolge a qualcun altro per farsi controllare e per fargli prendere decisioni. Questo schema può essere ripetuto sia con i genitori che con il partner e le altre persone.
  • Difficoltà nell’esprimere le emozioni, poiché la vittima di gaslighting ha imparato che ciò che sentiva non era giusto e non ha trovato comprensione o empatia. Questa incapacità di gestire gli affetti può portare a condizioni psicosomatiche.

Superare le conseguenze del gaslighting

Ti sei sentito identificato con quanto sopra? Se è così, probabilmente sei cresciuto con dei genitori che hanno usato il gaslighting. Potrebbero continuare a esercitarlo nei tuoi confronti anche in età adulta. Essere consapevoli di ciò che è successo e rendersi conto che si è stati manipolati è essenziale per iniziare a guarire.

È bene cercare un aiuto professionale che si faccia carico della trasformazione. Non aspettarti che i tuoi genitori si assumano la responsabilità di quello che è successo e delle conseguenze.

Ora che sei adulto, fidati di te stesso. Migliorerà la tua qualità di vita.

Potrebbe interessarti ...
Il rifiuto da parte dei genitori: quali effetti sui figli?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Il rifiuto da parte dei genitori: quali effetti sui figli?

Il rifiuto da parte dei genitori ci danneggia profondamente, condiziona la nostra personalità e le relazioni future. Scoprite le conseguenze.



  • Betancourt, D., & Andrade, P. (2011). Control parental y problemas emocionales y de conducta en adolescentes. Revista colombiana de psicología20(1), 27-41.
  • Garciandía, J. & Ibarra, A. (2012). Enfermedad psicosomática y patrones familiares en niños con asma. Revista Colombiana de Psiquiatría, 41(1), 111-138.
  • Sarkis, S. M. (2018). Gaslighting: Recognize Manipulative and Emotionally Abusive People–and Break Free. Hachette UK.