Gengive viola: cause e trattamento

Le gengive viola possono indicare che qualcosa non va nella tua bocca. Ti diciamo a cosa è dovuto questo cambiamento di colore e come viene trattato.
Gengive viola: cause e trattamento
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da l'odontoiatra Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre, 2022

Osservare le gengive della bocca che cambiano colore può essere alquanto inquietante. In questo articolo ti spieghiamo le cause delle gengive viola e cosa fare in questi casi.

Il tessuto gengivale sano è di colore rosa pallido, con una consistenza puntinata simile alla buccia d’arancia. I bordi sono affilati e delineano con precisione la corona dei denti. Tuttavia, a volte le gengive acquisiscono un tono violaceo, sia per situazioni fisiologiche che patologiche.

Le gengive svolgono l’importante funzione di coprire e proteggere le zone profonde dei denti dagli agenti esterni. Inoltre, fanno parte dei tessuti che supportano e mantengono i denti in posizione.

Prestare attenzione a questa parte del corpo è essenziale se vuoi evitare altre complicazioni di salute. Quindi, dovresti sapere cosa provoca le gengive viola e cosa fare al riguardo.

Cause delle gengive viola

Le gengive viola possono apparire per diversi motivi. A volte sono dovute a cause fisiologiche e non richiedono cure particolari. Altre volte possono essere la manifestazione di un problema più serio che richiede un’attenzione immediata. Ecco in dettaglio le cause principali.

Gengive scure

Alcune persone hanno le gengive più scure perché quella è la colorazione della loro pelle. Il tessuto gengivale appare naturalmente di colore bruno o addirittura violaceo. In questi casi, non c’è motivo di preoccuparsi.

Come la pelle del corpo, il colore delle gengive varia da persona a persona. Le persone con una carnagione scura di solito hanno gengive più scure o con piccole pigmentazioni irregolari. Ciò è dovuto ad una maggiore produzione di melanina nel corpo ed è naturale.

Invecchiamento

Il passare del tempo è un altro fattore che può far sembrare le gengive viola. Man mano che i tessuti del corpo invecchiano, subiscono dei cambiamenti, inclusi quelli riguardanti la colorazione del tessuto gengivale.

In questo caso, le gengive sono uniformi su tutto lo spessore del tessuto. Inoltre, non ci sono altri sintomi associati, come infiammazione, sanguinamento o dolore. Sebbene sia qualcosa di naturale, conviene consultare il dentista per escludere eventuali problemi associati.

Cause delle gengive viola
Le gengive viola possono essere una manifestazione dell’invecchiamento.

Leggi anche: Denti macchiati: quali sono le cause?

Problemi parodontali

Le gengive viola possono essere un’indicazione di gengivite o parodontite. Questi disturbi nei tessuti di supporto non solo influenzano l’aspetto del tessuto gengivale, ma possono anche portare alla perdita dei denti.

Allo stesso modo, la sua presenza è legata alla comparsa e alle complicazioni di malattie sistemiche. Diabete, problemi cardiaci, respiratori e neurologici sono alcune condizioni che peggiorano con la parodontite.

La placca batterica e il tartaro sono le principali cause di gengiviti e parodontiti. Questi residui sui tessuti orali irritano le gengive e provocano infezioni profonde che possono distruggere le aree di supporto e l’osso.

I suoi primi sintomi includono gengive rosse e gonfie che sanguinano facilmente e sono doloranti o doloranti. Se questa fase iniziale, nota come “gengivite”, non viene risolta in tempo, il processo progredisce in aree più profonde e si evolve in parodontite.

In tal caso, l’infezione diventa più profonda, si verifica una marcata distruzione dei tessuti di supporto e si perde l’osso. Altri sintomi caratteristici sono le tasche gengivali, la presenza di pus, l’alitosi, il cattivo sapore in bocca e la mobilità dei denti.

Quando l’infezione nell’area è grave, le gengive infiammate, gonfie e sanguinanti possono apparire violacee, viola o scolorite. Questo non è il più comune ed è un’indicazione di un grave processo infettivo che richiede un’attenzione immediata.

Consultare il dentista il prima possibile è fondamentale per migliorare la prognosi. Quando il processo è appena iniziato, è possibile invertirlo con adeguate misure igieniche e pulizie professionali.

D’altra parte, se la condizione progredisce ed è più profonda, saranno necessari altri interventi più complessi, come il ridimensionamento e la levigatura radicolare e gli interventi chirurgici parodontali. Molte volte è necessario integrare con l’assunzione di antibiotici e antisettici per uso locale.

Mancanza di nutrienti

Le carenze nutrizionali, soprattutto quelle legate alla carenza di vitamine e minerali, provocano manifestazioni nel tessuto gengivale. Le carenze di vitamina C e ferro possono far apparire viola le gengive.

Un esame dentistico approfondito e domande sulle abitudini alimentari guidano il dentista o il medico a determinare l’origine di questo sintomo. Test di laboratorio che mostrano carenze nutrizionali confermeranno l’eziologia del problema.

Il riadattamento della dieta per seguire una dieta più equilibrata è generalmente sufficiente per ripristinare la salute delle gengive. Tuttavia, in alcuni casi potrebbe essere necessario integrare il nutriente mancante.

Cambiamenti ormonali

Gengive molto rosse che assumono un aspetto violaceo possono essere legate ad un problema del sistema endocrino o ad alterazioni ormonali tipiche di alcuni stati della vita.

La gravidanza, l’allattamento e il ciclo mestruale provocano alterazioni degli ormoni femminili che possono causare gengiviti e colorazione viola dei tessuti. Lo stesso vale per le fluttuazioni ormonali della pubertà.

Queste trasformazioni possono manifestarsi sia nelle donne che negli uomini. Il dentista può ritenere opportuno avere una valutazione con l’endocrinologo per determinare se esiste un disturbo ormonale correlato.

Ortodonzia

Gli apparecchi ortodontici e le protesi dentarie, se mal posizionati o disallineati, sfregano contro le mucose della bocca e possono causare ferite e irritazioni. Il tessuto gengivale traumatizzato, come qualsiasi lesione, apparirà viola e causerà dolore.

Inoltre, questi accessori nel cavo orale rendono difficile l’igiene orale quotidiana, che favorisce l’accumulo di placca batterica. Con questo, aumentano le possibilità che le gengive si infiammino e appaiano gonfie, rosse o viola.

Quando si indossa questo tipo di apparecchio, è importante prendersi cura dell’igiene orale e partecipare a regolari controlli dentistici. Se perde la regolazione e provoca un infortunio, devi andare dal dentista il prima possibile per risolverlo.

Prodotti per l’igiene orale

Alcune persone, quando usano dentifrici o collutori molto forti o con determinate sostanze chimiche, avvertono infiammazioni e irritazioni alle gengive. Questo li fa sembrare viola. Può verificarsi anche in caso di uso troppo frequente o eccessivo di questo tipo di prodotto.

Gli agenti sbiancanti per i denti o alcuni composti che rimuovono la placca possono innescare questo tipo di effetto indesiderato. Questo dipende dalla sensibilità che ogni persona ha nei confronti dei diversi ingredienti dei prodotti.

Se le gengive diventano viola quando si utilizzano determinati integratori per l’igiene orale, è importante interromperne l’uso. Inoltre, dovresti consultare il dentista per trovare un’alternativa che non causi danni.

Medicinali

L’uso di alcuni farmaci provoca, come effetto collaterale, l’allargamento e lo scolorimento delle gengive. Farmaci per curare la depressione, anticonvulsivanti e alcuni rimedi per le condizioni cardiovascolari possono causare queste manifestazioni in bocca.

In questi casi è importante parlare con il medico per rivedere il farmaco e discutere altre alternative. Se le gengive viola persistono dopo il passaggio a un farmaco diverso, sarà necessario visitare il dentista per trovare l’origine del problema.

Intossicazioni

Le gengive viola possono essere la manifestazione di avvelenamento con un prodotto chimico o il morso di un animale, come un serpente. In questi casi, altre zone del corpo come le labbra, le mani e altre mucose tendono a diventare viola.

Possono comparire anche altri sintomi, come vomito, eruzioni cutanee o macchie rosse sulla pelle, mal di stomaco, sanguinamento e difficoltà respiratorie. È necessario rivolgersi immediatamente a un medico.

Tabacco

Il fumo può causare lo scolorimento delle mucose della bocca, comprese le gengive. È comune che i fumatori soffrano di parodontite e il tessuto gengivale è infiammato e scuro.

Inoltre, esiste una condizione molto comune in queste persone, nota come “melanosi del fumatore”. È il cambiamento nella pigmentazione dei tessuti orali che diventano marroni, viola o neri, in risposta all’irritazione causata dalla nicotina e dal calore in bocca. È comune osservare gengive, palato e guance scurite.

Anche il fumo è associato al cancro orale. Come ti diremo più avanti, le lesioni maligne sulle gengive possono farle diventare viola. Se sei un fumatore e noti che le tue gengive sono viola o nere, dovresti visitare immediatamente il tuo dentista. Inoltre, sarebbe opportuno considerare di smettere di fumare.

Cancro alla bocca

Sebbene non sia una causa comune, le gengive viola possono indicare la presenza di un pericoloso cancro chiamato melanoma maligno orale. Appare con una macchia marrone, rossa, viola, grigia o nero-bluastra sul tessuto gengivale.

Può presentarsi ovunque in bocca, comprese le gengive. La sua forma e dimensione cambiano man mano che la lesione progredisce e cresce. Sebbene sia una malattia rara, può essere fatale. Pertanto, in caso di sospetto, è necessario consultare immediatamente un medico.

I trattamenti possono essere chirurgici, con chemioterapia o radioterapia, a seconda del grado e della prognosi della lesione.

Trattamenti per le gengive viola

I trattamenti per risolvere i problemi delle gengive viola dipendono dalla causa che ha causato il cambiamento di colore. Come abbiamo già accennato, è fondamentale recarsi dal dentista in modo che il professionista possa determinare l’origine della condizione e la terapia più appropriata.

Queste sono alcune delle procedure che possono aiutare a ripristinare l’aspetto e la salute del tessuto gengivale:

  • Pulizia professionale: la rimozione della placca batterica e dei depositi di tartaro consente di trattare i problemi parodontali nelle loro fasi iniziali.
  • Risciacqui con acqua salata calda: se il colore viola è dovuto a un’infiammazione, i risciacqui con acqua salata calda aiutano a pulire la bocca e ridurre la condizione.
  • Levigatura radicolare: quando la malattia parodontale è più avanzata, questo trattamento permette di rimuovere tasche, infezioni e depositi di tartaro dai settori più profondi.
  • Innesti gengivali: per riparare le gengive danneggiate o per nascondere la pigmentazione viola per scopi cosmetici, può essere eseguito un innesto. Attraverso un intervento chirurgico, un tessuto sano prelevato dal palato viene posizionato sulla zona gengivale.
  • Dieta equilibrata: una dieta varia, contenente frutta, verdura, carne e cereali aiuta a compensare le carenze nutrizionali e ad attenuare il colore violaceo delle gengive.
  • Correggere i fattori esterni: se le gengive viola sono dovute a parentesi graffe, protesi dentarie, prodotti per l’igiene orale o farmaci, correggere, eliminare o sostituire queste cause esterne consentirà alle gengive di riprendersi.
  • Microabrasione o bisturi: è un trattamento cosmetico che consiste nel rimuovere la pigmentazione dello strato superficiale delle gengive in modo che recuperino un aspetto più estetico.
Trattamenti per le gengive viola
L’approccio ideale per le gengive viola dipende dalla sua causa. Pertanto, è importante consultare il dentista.

Come prevenire le gengive viola?

Uno dei modi migliori per evitare problemi gengivali è attraverso una corretta igiene orale. Usando correttamente lo spazzolino da denti, il dentifricio al fluoro e il filo interdentale, puoi ridurre il rischio che le gengive diventino gonfie e violacee.

Comodo anche evitare dolci, bibite e cibi ultralavorati che favoriscono la proliferazione dei batteri. Smettere di fumare è un altro aspetto importante. Questo cambiamento non solo protegge la bocca e riduce il rischio di cancro orale, ma avvantaggia anche tutto il corpo.

Infine, è fondamentale visitare il dentista ogni 6 mesi, o prima se necessario. Il professionista sarà in grado di rilevare qualsiasi problema che si presenti in bocca per trovare una soluzione tempestiva.

In caso di dubbi, consultare il dentista

Le gengive viola possono essere dovute a cause benigne o problemi che possono essere invertiti con alcune semplici cure. Tuttavia, possono anche essere il sintomo di qualcosa di più pericoloso, come il cancro orale.

Se noti un cambiamento di colore in un punto qualsiasi della tua bocca, è meglio consultare presto il tuo dentista. L’intervento del professionista consentirà di raggiungere una diagnosi accurata ed effettuare il trattamento più conveniente.

Potrebbe interessarti ...
Gengive che sanguinano: cause principali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Gengive che sanguinano: cause principali

Possono essere diversi i motivi per cui le gengive sanguinano, ma se il problema è frequente, allora conviene andare dal dentista per una diagnosi



  • Moscoso, A. C., & Lara, M. D. R. B. (2020). Presentación clínica de pigmentación melánica fisiológica. Revista de la Asociación Dental Mexicana77(4), 227-230.
  • Bolaños, O. M. M. (2010). Envejecimiento bucodental. Anales en Gerontología6(6), 59-67.
  • Sojod, B., Périer, J. M., Zalcberg, A., Bouzegza, S., El Halabi, B., & Anagnostou, F. (2022). Enfermedad periodontal y salud general. EMC-Tratado de Medicina.
  • Machtei, E. E., Mahler, D., Sanduri, H., & Peled, M. (2004). The effect of menstrual cycle on periodontal health. Journal of periodontology75(3), 408-412.
  • Vereau, N. C., & Palacios, M. A. (2012). Enfermedad gingival en adolescentes: Diagnóstico y tratamiento. Revista Estomatológica Herediana22(3), 167-170.
  • Secumbino, M. B. J. (2021). El tabaquismo y su asociación con la salud bucal (Bachelor’s thesis).
  • Vigil, F. J. D. L., Carapia, E. A., Garcia, Z. F., & Anaya, Y. B. (2021). Hiperplasia gingival farmacoinducida. Revista Tamé8(26), 1056-1059.
  • Valerdi, M. L., Resendiz, J., Labastida, S., Gallegos, F., & Kimura, T. (2018). Melanoma primario en mucosa de cavidad bucal. Oral18(58), 1526-1529.
  • Vega Godoy, S. A. (2022). Tabaquismo como factor causal del cáncer oral. Revisión de literatura.
  • Espinoza Ortiz, E. (2019). Factores de riesgo en pacientes con cáncer oral (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).