Gli integratori alimentari per l'iperlipidemia

L'iperlipidemia è l'aumento dei valori di colesterolo nel sangue, con i conseguenti problemi che ne derivano. Il problema può essere affrontato con farmaci, cambiamenti nello stile di vita e integratori alimentari.
Gli integratori alimentari per l'iperlipidemia
Leonardo Biolatto

Revisionato e approvato da il dottore Leonardo Biolatto.

Scritto da Equipo Editorial

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

L’iperlipidemia e la dislipidemia si manifestano con un aumento del livello dei lipidi nel sangue. I lipidi vengono trasportati dalle lipoproteine ai tessuti dove vengono immagazzinati. Sono una riserva di energia e l’organismo le utilizza quando ha bisogno di coprire i fabbisogni metabolici dei tessuti.

Il colesterolo è un lipide che svolge un ruolo importante nel corretto funzionamento dell’organismo. Inoltre, fa parte della membrana plasmatica delle cellule. I trigliceridi sono un’importante riserva di energia nel corpo. Sono trasportati nel sangue, attaccati alle lipoproteine prodotte dal fegato e dall’intestino.

Cause di aumento del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue

L’aumento dei livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue al di sopra di quanto considerato adeguato o normale costituisce un fattore di rischio significativo per l’aterosclerosi. L’aterosclerosi è un fattore di rischio molto importante; È associato ad incidenti cardiovascolari e cerebrovascolari.

Cause evitabili

Tra le cause che possono essere evitate e aiutano a controllare i livelli di colesterolo e trigliceridi ci sono le seguenti:

  • Dieta squilibrata: se la tua dieta è ricca di grassi saturi, acidi grassi trans e colesterolo, il rischio è maggiore.
  • Sovrappeso e obesità: con l’eccesso di peso, il colesterolo cattivo e i trigliceridi tendono ad aumentare, mentre i valori di colesterolo buono diminuiscono.
  • Consumo di tabacco e alcol: il consumo di tabacco influisce sulla circolazione sanguigna.

Cause inevitabili

Tra le cause inevitabili, che sono quelle su cui si può agire, ci sono fattori come la genetica, l’età e il sesso. Va inoltre tenuto presente che l’ipercolesterolemia, in alcuni casi, è correlata ad altre malattie, che provocano indirettamente un aumento dei livelli di colesterolo.

L’ipercolesterolemia genetica è una malattia ereditaria che viene rilevata dalla nascita e le persone che ne hanno hanno alti livelli di colesterolo nel sangue.

Fattori di rischio per l'iperlipidemia.
Il colesterolo si accumula nelle arterie, bloccando il passaggio del sangue, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari.

Potrebbe interessarti anche: La dieta corretta per abbassare i trigliceridi

Segni e sintomi di iperlipidemia

L’iperlipidemia non si manifesta con sintomi, passa inosservata fino a quando non viene rilevata da un’analisi o semplicemente si verifica un incidente cardiovascolare. Tuttavia, i sintomi più frequentemente associati a queste patologie sono:

  • Xantomi: che sono depositi di grasso sulla pelle delle mani, dei gomiti o di altre parti del corpo, anche intorno alla cornea dell’occhio.
  • Xantelasmi: depositi di grasso sulle palpebre.
  • Crampi: soprattutto ai polpacci, quando si cammina.
  • Piaghe sulle dita dei piedi che non guariscono.

L’iperlipidemia deve essere rilevata il prima possibile per prevenire gli effetti che può causare. Si consiglia di effettuare test preventivi, soprattutto nelle persone che hanno una storia familiare o fattori di rischio.

Alcuni dei fattori considerati di rischio sono i seguenti:

  • Età: uomini sopra i 45 anni e donne sopra i 55 anni o in menopausa precoce.
  • Anamnesi familiare di incidenti cardiovascolari.
  • Fumare.
  • Alta tensione.
  • Colesterolo HDL < 35 mg/dL.
  • Diabete mellito.

Gli integratori alimentari per l’iperlipidemie

statine per il trattamento dell'iperlipidemia
Insieme al trattamento convenzionale con farmaci e integratori, si raccomanda l’esercizio e una dieta equilibrata.

I principali farmaci utilizzati per controllare i livelli di colesterolo sono le statine, le resine scambiatrici, i fibrati e gli acidi omega-3. La scelta del farmaco viene effettuata in base al parametro da trattare e quale sarà quello che rappresenterà il maggior rischio per la salute.

Può essere affrontato anche il trattamento con integratori alimentari e fitoterapia. Questi sono preparati a base di erbe che possono essere utili . Tra le sostanze vegetali utilizzate per curare la dislipidemia troviamo le seguenti opzioni:

  • Specie vegetali con fibra: come Plantago ovata, forssk, konjac e koch.
  • Integratori alimentari puri: come acidi omega-3 a catena lunga, EPA e DHA, di pesce o olio di krill.
  • Coenzima Q10 e lievito di riso rosso: monocolina K contenuta nel lievito di riso rosso.
  • Specie che migliorano il profilo lipidico: come Garcinia cambogia o Garcinia gummi-gutta, soia, lecitina e isoflavoni.

L’iperlipidemia e i cambiamento delle abitudini

La maggior parte delle dislipidemie sono dovute a fattori su cui si può agire, evitandole. Sono per lo più dovuti a una dieta squilibrata, a uno stile di vita sedentario e a fattori legati allo stile di vita. Pertanto, la prima cosa da fare è cambiare lo stile di vita.

Potrebbe interessarti ...
Trigliceridi alti: cause e sintomi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Trigliceridi alti: cause e sintomi

La presenza di trigliceridi alti in un esame del sangue dovrebbe avvisarci del rischio cardiovascolare che ciò comporta.



  • Jovanovski E, Yashpal S, Komishon A, Zurbau A et al. Effect of psyllium (Plantago ovata) fiber on LDL cholesterol and alternative lipid targets, non-HDL cholesterol and apolipoprotein B: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr. 2018 Nov 1;108(5):922-932.
  • Kim MG, Yang I, Lee HS, Lee JY et al. Lipid-modifying effects of krill oil vs fish oil: a network meta-analysis. Nutr Rev. 2020 Sep 1;78(9):699-708.
  • Nguyen TPT, Garrahan MA, Nance SA, Seeger CE, Wong C. Assimilation of Cholesterol by Monascus purpureus. J Fungi (Basel). 2020 Dec 9;6(4):352.
  • Poli A, Marangoni F, Corsini A, Manzato E et al. Phytosterols, Cholesterol Control, and Cardiovascular Disease. Nutrients. 2021 Aug 16;13(8):2810.
  • Huang LH, Liu CY, Wang LY, Huang CJ et al. Effects of green tea extract on overweight and obese women with high levels of low density-lipoprotein-cholesterol (LDL-C): a randomised, double-blind, and cross-over placebo-controlled clinical trial. BMC Complement Altern Med. 2018 Nov 6;18(1):294.
  • Ried K. Garlic Lowers Blood Pressure in Hypertensive Individuals, Regulates Serum Cholesterol, and Stimulates Immunity: An Updated Meta-analysis and Review. J Nutr. 2016 Feb;146(2):389S-396S.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.