I benefici della vitamina D per il corpo?

Sapevate che la vitamina D è anche conosciuta come antirachitica o vitamina del sole? È anche coinvolta nella formazione delle ossa. Oggi scopriamo tutte le sue funzioni e come evitare un deficit.
I benefici della vitamina D per il corpo?

Ultimo aggiornamento: 01 maggio, 2021

I benefici della vitamina D per il corpo sono numerosi. Agisce come un ormone ed è per questo che attiva un gran numero di funzioni molto importanti per il corpo umano. Inoltre, a differenza di molte altre vitamine, può essere sintetizzata per via endogena.

I recettori della vitamina D sono presenti in oltre 50 tessuti diversi e sono coinvolti nella regolazione di più di 200 geni. Questo la rende una vitamina chiave per mantenersi in salute. È formata da un insieme di composti liposolubili e possiamo trovarla sotto forma di ergocalciferolo (D2) e colecalciferolo (D3).

Benefici della vitamina D per la salute

Secondo un articolo pubblicato sull’International Journal for Vitamin and Nutrition Research, le funzioni più importanti della vitamina D sono le seguenti:

  • Aiuta a mantenere l’equilibrio di calcio e fosforo.
  • Facilita l’assorbimento intestinale del calcio.
  • È coinvolta nello sviluppo cellulare.
  • È un potente modulatore del sistema immunitario.
  • Partecipa alla trasmissione degli impulsi nervosi ai muscoli.

Non ci sono dubbi sulla relazione tra vitamina D e salute delle ossa. Un grave deficit può manifestarsi sotto forma di rachitismo nei bambini o osteomalacia negli adulti.

Magari queste condizioni non siano comuni nella società occidentale, ma purtroppo l’osteoporosi è una patologia piuttosto diffusa. Livelli adeguati di vitamina D possono prevenire lo sviluppo di questa malattia che indebolisce le ossa e aumenta il rischio di fratture.

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno raccolto numerose prove scientifiche del suo ruolo per la salute umana. Si conosce sempre di più la sua possibile implicazione nello sviluppo di malattie autoimmuni (lupus, artrite reumatoide o sclerosi multipla), ipertensione, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro. Lo afferma una ricerca pubblicata sulla rivista Acta Medica Portuguesa.

Ossa della mano.
La vitamina D è un nutriente coinvolto nella salute delle ossa. Inoltre, partecipa ad altre funzioni come la trasmissione degli impulsi nervosi ai muscoli.

Carenza di vitamina D

Il deficit di vitamina D è un problema di salute globale. A causa del ruolo importante che questa vitamina svolge nel corpo, non possiamo sottovalutare le conseguenze di questa situazione.

Sicuramente la causa principale di questo deficit è la mancata di esposizione al sole. Come vedremo più avanti, questo è il modo principale per ottenere la vitamina D. Esistono alcune condizioni che possono aumentare il rischio di sviluppare un deficit di vitamina D:

  • Problemi intestinali che rendono difficile l’assorbimento, come quelli che possono verificarsi nella malattia di Crohn o nella celiachia.
  • Problemi ai reni o al fegato. Il corpo ha bisogno di convertire la vitamina D in una forma attiva, e per questo è necessario un corretto funzionamento di questi organi.
  • Età.
  • Alcuni farmaci ne riducono l’assorbimento.
  • Scarsa esposizione al sole.
  • Persone con la pelle scura.
  • Persone con obesità.

Principali fonti di questa vitamina

Per ottenere i benefici della vitamina D, è importante sapere quali sono le fonti che ci permettono di ottenerla in quantità adeguate. Ci sono due modi per ottenerla: attraverso il cibo e attraverso la sintesi cutanea.

La vitamina D negli alimenti

Le fonti di vitamina D a livello alimentare sono un po’ scarse e alcuni di questi alimenti non vengono consumati regolarmente (come gli organi interni degli animali o il burro). Gli alimenti più ricchi di questa vitamina sono:

  • Pesce grasso: aringhe, sgombro, sarde, tonno, salmone.
  • Fegato e altri viscere, anche in paté e foie gras.
  • Formaggi grassi e burro.
  • Uova: la vitamina D si trova nei tuorli d’uovo.
  • Funghi.
  • Alimenti arricchiti: gli alimenti arricchiti di vitamine e minerali stanno diventando sempre più comuni. In questo caso possiamo trovare latte, bevande vegetali, succhi o cereali per la colazione arricchiti con vitamina D.
Piatto di pesce.
Il pesce è fonte di vitamina D. Inoltre, possiamo trovare questo nutriente in altri alimenti come formaggio, uova, cereali e così via.

Sintesi cutanea e radiazione solare

Questa è la fonte che fornisce più vitamina D al nostro corpo. La radiazione solare ultravioletta stimola la produzione di vitamina D3 nell’epidermide.

È stato stimato che un’esposizione da 5 a 15 minuti al sole diretto, su viso e braccia, sarebbe sufficienti per prevenire la carenza di vitamina D. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che rendono difficile questa sintesi:

  • Invecchiando perdiamo la capacità di sintetizzare la vitamina D.
  • Più scuro è il tono della pelle, più aumenta il tempo di esposizione al sole.
  • I fattori di protezione superiori a 8 rendono difficile la penetrazione dei raggi solari nella pelle.
  • L’intensità della luce solare, che non influisce allo stesso modo in estate piuttosto che in inverno; né in tutte le regioni.

Sebbene una regolare esposizione al sole sia necessaria per ottenere dei livelli ottimali di vitamina D, dobbiamo essere consapevoli degli eventuali rischi. Il più grave è il cancro della pelle e l’invecchiamento precoce. Pertanto, è importante seguire i consigli degli esperti quando ci esponiamo al sole.

Vitamina D, un nutriente essenziale

La carenza di vitamina D è rilevabile attraverso le analisi del sangue, il metodo migliore per scoprire se è necessario assumere degli integratori o meno. Prendere il sole seguendo le raccomandazioni del medico e mangiare cibi ricchi di vitamina D è il modo migliore per prevenire un eventuale deficit.

Potrebbe interessarti ...
Ipervitaminosi: conseguenze dell’eccesso di vitamine
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Ipervitaminosi: conseguenze dell’eccesso di vitamine

L'ipervitaminosi è una condizione rara causata da un eccessivo apporto di vitamine nell'organismo che se non sono smaltite creano tossicità.



  • Stöcklin, E., & Eggersdorfer, M. (2013). Vitamin D, an essential nutrient with versatile functions in nearly all organs. International Journal for Vitamin and Nutrition Research83(2), 92–100. https://doi.org/10.1024/0300-9831/a000151
  • Religi A., Backes C., Chatelan A., Bulliard JL., et al., Estimation of exposure durations for vitamin D production and sunburn risk in Switzerland. J Expo Sci Environ Epidemiol, 2019. 29 (6): 742-752
  • Cardoso AT., Nanji L., Costa J., Vaz Carneiro A., Analysis of the cochrane review: vitamin D supplementation for prevention of cancer in adults. Acta Med Port, 2014. 27 (4): 411-3.