Integratori alimentari per le articolazioni

23 Aprile 2021
Gli integratori alimentari prevengono il dolore articolare. I loro effetti benefici possono ridurre il bisogno di assumere analgesici.

L’artrosi è una delle malattie articolari degenerative più frequenti. È caratterizzata dal deterioramento della cartilagine e dalla conseguente infiammazione della membrana sinoviale. Tra i diversi trattamenti studiati per calmare il dolore articolare, un’ottima opzione è assumere degli integratori alimentari per le articolazioni.

Uno stile di vita sana e un’adeguata nutrizione, che includa l’assunzione di integratori alimentari, ritardano i i problemi alle articolazioni e ne frenano il decorso. È dunque importante tenere a mente quei fattori di rischio che possiamo in parte prevenire, modificare, ridurre o trattare.

Il principale sintomo è un dolore fitto accusato quando si usa l’articolazione; aumenta durante il giorno se si fanno sforzi. Altri possibili sintomi sono:

  • Rigidità dopo il riposo.
  • Scricchiolio dell’articolazione in movimento.
  • Deformità.
  • Gonfiore o perdita di liquido sinoviale.

Possono verificarsi anche atrofia muscolare o contratture muscolari. Nel caso di artrosi alla colonna vertebrale, capita spesso che i nervi, schiacciandosi, provochino dolore lungo tutte le braccia o le gambe.

Trattamento farmacologico dei dolori articolari

Il trattamento dell’artrosi è volto principalmente a calmare il dolore e ritardare il deterioramento della cartilagine. Negli stadi più avanzati il paziente potrebbe dover ricorrere a un intervento chirurgico.

Medicinali per via orale

Tra i farmaci utilizzati contro l’artrosi troviamo:

  • Analgesici ad azione rapida come il paracetamolo, i FANS, gli oppioidi o i corticosteroidi.
  • Farmaci a lento rilascio, tra cui la controiditina solfato, il solfato di glucosamina, diacereina e acido ialuronico.

Trattamento intra-articolare

I farmaci più utilizzati per il trattamento intra-articolare sono l’acido ialuronico, il plasma ricco di piastrine (PRP) o i corticosteroidi a lento rilascio.

Somministrazione topica

L’applicazione di pomate, unguenti o gel a base di FANS, piante vegetali revulsive, controiditina solfato e acido ialuronico, così come i cerotti termici o le tecniche di caldo/freddo, si rivelano efficaci come trattamento complementare contro il dolore.

Chirurgia

Comprende tecniche di chirurgia tradizionale e di chirurgia protesica.

Uomo con problemi alle articolazioni assume integratori alimentari.

Leggete anche: Farmaci analgesici: tipi e meccanismi d’azione

Integratori alimentari per le articolazioni

Collagene e acido ialuronico

Possono essere usati singolarmente o in combinazione, così come essere assunti insieme a dosi inferiori di glucosamina, condroitina solfato o minerali e vitamine.

Grazie alla loro azione protettiva, questi integratori alimentari aiutano a prevenire e ritardare il deterioramento della cartilagine. È stato dimostrato che il loro effetto benefico riducono il bisogno di assumere farmaci FANS.

Anche la fitoterapia, da sola o in combinazione con uno delle sostanze elencate, è utile per il trattamento dei sintomi (dolore e/o infiammazione) lievi e moderati. Sono impiegate soprattutto sostanze vegetali ad azione analgesica e antinfiammatoria:

  • Boswellia
  • Curcuma
  • Arpagofito
  • Zenzero
  • Salice
  • Olmaria

Vitamine e nutrienti presenti negli integratori per le articolazioni

All’interno del gruppo degli integratori utili per trattare i dolori articolari troviamo minerali e vitamine, entrambi nutrienti che sintetizzano il collagene. Le vitamine C, D ed E e minerali come il magnesio, il silicio e lo zolfo sono coinvolti in diversi processi di formazione della cartilagine.

La vitamina C stimola la produzione di collagene e glicosaminoglicani. Dal canto suo, la vitamina D partecipa alla sintesi di proteoglicani, mentre la E migliora la protezione del tessuto cartilagineo grazie all’aumento dei condrociti.

D’altra parte, il gruppo delle vitamine B (B1, B6 e B12) potenzia l’effetto di analgesici come il paracetamolo e degli antinfiammatori.

Tra i minerali, il magnesio si trova nella membrana delle cellule e della struttura ossea. Deve essere correttamente bilanciato al calcio, poiché uno squilibrio tra i due inibisce la sintesi di vitamina D.

Il silicio contribuisce alla sintesi dell’elastina e del collagene. Al contrario, lo zolfo si trova nel collagene, proteina che forma i tendini, le cartilagini e i legamenti.

Può interessarvi anche: La vitamina B6: caratteristiche e benefici

Misure di igiene e prevenzione dei problemi articolari

Diversi tipi di problemi articolari.

In generale, è importante adottare misure preventive quando si accusano dolori lievi o si presentano fattori di rischio di dolore articolare. Tra le misure di prevenzione troviamo:

  • Alimentazione equilibrata e mantenimento del peso forma.
  • Consumo di alimenti ricchi di collagene e mucopolisaccaridi.
  • Regolare esercizio fisico, evitando sport ad alto impatto.
  • Applicare calore in caso di dolore cronico e freddo in caso di dolore acuto.
  • Assumere integratori alimentari a base di nutrienti presenti nelle cartilagini o fitoterapia per ridurre il fastidio.

Conclusioni: integratori alimentari per le articolazioni

Sia in fase di prevenzione sia durante lo stadio lieve e moderato, gli integratori alimentari a base di collagene e acido ialuronico, da soli o combinati, possono migliorare i dolori articolari.

È importante consultare sempre il medico così che possa indicare le sostanze più adatte al proprio caso.

  • González Iturri, J. J. (1998). Lesiones musculares y deporte. Revista Brasileira de Medicina Do Esporte. https://doi.org/10.1590/s1517-86921998000200002

  • Silva, V. R. L. da, Menezes, A. M. B., & Noal, R. B. (2009). Sintomas articulares crônicos em adultos de Pelotas, Rio Grande do Sul, Brasil: prevalência e determinantes. Cadernos de Saúde Pública. https://doi.org/10.1590/s0102-311×2009001200005

  • Allona López, S., Cisneros Larrea, L., Marín Labanda, R., Rubio Castañeda, F. J., & Samper Lamenca, B. (2015). Descripción de la movilidad física en una muestra de personas de 65 a 75 años de una zona de salud de Zaragoza capital. Nure Investigación.