I cerotti di rivastigmina per trattare la demenza

La rivastigmina sotto forma di cerotti transdermici si è dimostrata efficace contro la demenza. È necessario utilizzare un cerotto ogni giorno, rimuovendo preventivamente quello del giorno precedente.
I cerotti di rivastigmina per trattare la demenza

Scritto da Equipo Editorial

Ultimo aggiornamento: 03 gennaio, 2023

La rivastigmina è un medicinale indicato nel trattamento delle persone affette da demenza. Questo farmaco appartiene al gruppo degli inibitori della colinesterasi.

Nei pazienti con demenza, parte dei neuroni muore. Come conseguenza di questa degenerazione neuronale, i livelli di un neurotrasmettitore chiamato acetilcolina sono inferiori rispetto alle persone che non soffrono di questa malattia.

Come funzionano i cerotti di rivastigmina e a cosa servono?

Questo farmaco esercita il suo effetto bloccando gli enzimi responsabili della distruzione dell’acetilcolina. Nei pazienti con Alzheimer, i livelli di acetilcolina sono ridotti. Tra gli enzimi responsabili della distruzione dell’acetilcolina ci sono l’acetilcolinesterasi e la butirrilcolinesterasi.

Persona con demenza.

L’acetilcolina è un neurotrasmettitore che permette ai neuroni di comunicare tra loro. Quando la rivastigmina blocca gli enzimi, provoca un aumento dei livelli di acetilcolina nel cervello. Pertanto, come conseguenza del suo meccanismo d’azione, questo farmaco aiuta a ridurre i sintomi dell’Alzheimer.

Quando sono indicati?

I cerotti di rivastigmina sono indicati nei seguenti casi:

  • Demenza: malattia che colpisce la capacità di ricordare, pensare chiaramente, comunicare e svolgere le attività quotidiane.
  • Alzheimer: colpisce il cervello e distrugge progressivamente la memoria e la capacità di pensare.
  • Demenza nelle persone con morbo di Parkinson: il morbo di Parkinson è una malattia degenerativa che colpisce il sistema nervoso e la demenza si manifesta nel corso della malattia.

Come iniziare il trattamento con i cerotti di rivastigmina

La rivastigmina si presenta sotto forma di cerotti transdermici e può essere di diverse dosi di principio attivo. Devi usare un cerotto ogni giorno e, naturalmente, rimuovere in precedenza quello che hai su.

Cerotti transdermici di buprenorfina.
Se esposti al calore, la dose dei cerotti di rivastigmina potrebbe alterarsi.

Per applicare correttamente il cerotto, bisogna incollarlo e premere con il palmo della mano per alcuni secondi. Normalmente, la dose iniziale del trattamento con Rrvastigmina è di 4,6 mg ogni 24 ore. Tuttavia, la dose giornaliera raccomandata da raggiungere è di 9,5 mg ogni 24 ore.

Se per qualsiasi motivo deve interrompere l’assunzione di cerotti di rivagtismina, può ricominciare a usare i cerotti alla stessa dose che aveva interrotto. Puoi farlo se non sono trascorsi più di tre giorni dall’interruzione del trattamento.

Tuttavia, se interrompi il trattamento per più di tre giorni, devi parlare con lo specialista per dirti come ricominciare a indossarlo.

Dove applicarli?

Prima di applicare un cerotto di rivastigmina e assicurarsi che aderisca bene, controlla che l’area sia pulita, asciutta e priva di peli.  Tutti questi fattori possono impedire al cerotto di aderire bene e di non avere l’effetto desiderato.

Come abbiamo detto , un cerotto viene applicato al giorno in una delle seguenti zone del corpo:

  • Zona del braccio destro o sinistro.
  • Torace superiore sinistro o destro.
  • Zona superiore sinistra o destra della schiena.
  • Parte bassa della schiena sinistra o destra.

Consigliamo di evitare di applicare il cerotto transdermico sulla coscia e sull’addome. Sia la coscia che l’addome sono zone che devono essere evitate perché applicandole lì la bio disponibilità del principio attivo e quindi il suo effetto diminuisce.

Dovresti aspettare almeno due settimane per ripetere l’area della pelle in cui hai applicato il cerotto. Se si stacca un cerotto, ne metta uno nuovo, in questo modo si copre la dose giornaliera.

Effetti collaterali

Le reazioni avverse più frequenti sono:

  • Reazioni gastrointestinali: tra queste reazioni ce ne sono alcune come nausea, vomito o perdita di appetito.
  • Reazioni cutanee: arrossamento, prurito o irritazione nell’area di applicazione del cerotto.

Il verificarsi di una qualsiasi di queste reazioni avverse dipende da diversi fattori, tra cui:

Durante il trattamento con cerotti di rivastigmina, se si verificano reazioni avverse gastrointestinali come quelle sopra menzionate, è necessario interrompere il trattamento fino alla risoluzione dei sintomi.

Conclusioni

In sintesi, la rivastigmina può essere utile nel trattamento delle persone con malattia di Alzheimer. In generale, l’uso di un cerotto transdermico ha meno effetti collaterali rispetto al trattamento con medicinali assunti per via orale.

Potrebbe interessarti ...

La menopausa precoce aumenta il rischio di demenza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La menopausa precoce aumenta il rischio di demenza

Sapete che la menopausa precoce può essere collegata alla demenza? In questo articolo vi spieghiamo perché e quali sono le giuste misure di prevenz...




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.