Acatisia: sintomi, cause e trattamenti

Il problema più grave dell'acatisia è che molto spesso viene confusa con altre condizioni e i sintomi vengono trascurati.
Acatisia: sintomi, cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 16 settembre, 2022

L’acatisia è una sindrome che provoca un irrefrenabile bisogno di muoversi. Le persone colpite trovano sollievo solo se si muovono costantemente. Se rimangono ferme, provano un profondo disagio.

Tra le cause principali c’è un effetto collaterale di alcuni farmaci, in particolare antipsicotici. Si stima che fino a un terzo delle persone che assumono regolarmente questo tipo di farmaci abbia la sindrome.

Si ritiene che l’acatisia sia sottovalutata, poiché i sintomi spesso vengono ignorati. A causa di questa negligenza di diagnosi, molti dei farmaci che causano questa reazione non vengono ritirati dal mercato.

Cos’è l’acatisia?

L’acatisia è un disturbo del movimento caratterizzato da una grande difficoltà a stare fermi, accompagnata da una sensazione soggettiva di irrequietezza. Se la persona non si muove, prova angoscia o sensazione di prurito, per esempio.

Questa sindrome colpisce la qualità della vita in modo noto. È stato associato a comportamenti aggressivi e persino a un aumentato rischio di suicidio.

Negli anziani è un fattore di rischio per le cadute. Si stima che l’acatisia sia presente nel 20-75% delle persone che assumono antipsicotici.

A seconda di quando si verifica la condizione, può essere di diversi tipi:

  • Acuta: si verifica subito dopo l’inizio dell’assunzione di un medicinale e dura meno di 6 mesi.
  • Cronica: quando dura più di 6 mesi.
  • Tardiva: compare mesi o anni dopo l’inizio dell’assunzione del farmaco in questione.
  • Per astinenza: si verifica durante le 6 settimane successive all’abbandono di un farmaco.

L’acatisia è talvolta confusa con un altro disturbo chiamato discinesia tardiva. Quest’ultimo è anche un effetto collaterale degli antipsicotici.

La differenza tra l’uno e l’altro è che, nella discinesia, la persona non è consapevole di muoversi, mentre nell’acatisia sì.

Gli antipsicotici causano acatisia.
L’acatisia è considerata un effetto collaterale degli antipsicotici.

Sintomi e diagnosi

Il sintomo principale dell’acatisia è il desiderio di movimento costante e l’incapacità di stare fermi. Questo colpisce il tronco, le mani, le braccia e le gambe; soprattutto quest’ultimo. Per questo motivo, a volte viene confusa con la sindrome delle gambe senza riposo.

Altri sintomi sono i seguenti:

  • Nausea.
  • Aggressività e agitazione.
  • Depressione e ansia.
  • Difficoltà a dormire.
  • Sensazione di irrequietezza e disagio mentale.
  • Perdita di appetito e talvolta perdita di peso.
  • Nei casi più gravi, pensieri o comportamenti suicidi.
  • Esecuzione di movimenti ripetitivi. Può essere oscillante, strascicato, oscillante.

La diagnosi si basa sull’anamnesi e su un esame fisico. Il medico chiederà informazioni sui farmaci che la persona sta assumendo.

Inoltre, osserverai i movimenti e le reazioni quando rimani fermo. È possibile utilizzare uno strumento di valutazione chiamato Barnes Akathisia Rating Scale.

In alcuni casi, vengono eseguiti test aggiuntivi per escludere problemi simili:

  • Mania.
  • Psicosi.
  • Discinesia tardiva.
  • Depressione agitata.
  • Ansia o insonnia.
  • Astinenza da farmaci.
  • Sindrome delle gambe senza riposo.
  • Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Potrebbe interessarti anche: Acquistare farmaci online è sicuro?

Cause e fattori di rischio dell’acatisia

L’acatisia è più ricorrente nelle persone che assumono antipsicotici di prima generazione. Questi tipi di farmaci sono i più antichi e comprendono farmaci come clorpromazina, aloperidolo e Loxitane ®.

Anche gli antidepressivi e gli antiemetici possono causare acatisia.

Questo effetto è stato rilevato, sebbene in misura minore, anche negli antipsicotici di seconda generazione e anche in quelli più moderni. La scienza non ha specificato il motivo per cui ciò accade. Si ritiene che possa essere dovuto al fatto che questi farmaci bloccano i recettori della dopamina, un neurotrasmettitore che influisce sul movimento.

Tuttavia, si sospetta che anche altri neurotrasmettitori, come la serotonina, l’acetilcolina e il GABA, svolgano un ruolo nell’acatisia. Questo effetto collaterale si verifica anche nelle persone che assumono altri farmaci:

  • Sedativi.
  • Anti vertigini.
  • Calcio-antagonisti.
  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Questa condizione è più probabile nelle persone che assumono dosi elevate del farmaco, che aumentano le dosi molto rapidamente o sono adulti di mezza età o anziani. Ci sono altre condizioni mediche che possono causare questo disturbo, come il morbo di Parkinson, l’encefalite e la lesione cerebrale traumatica.

Acatisia e tremore di Parkinson.
Tra le patologie con disturbi del movimento, il Parkinson è una di quelle che possono portare all’acatisia.

Trattamento per l’acatisia

La prima opzione di trattamento per l’acatisia è ridurre la dose del farmaco che causa il disturbo. Questa misura è più efficace nei casi lievi, ma potrebbe volerci del tempo prima che il miglioramento arrivi.

Se non è possibile eliminare il farmaco, è bene cambiarlo con un altro che non produca questo effetto collaterale.

Se si tratta di un caso più grave, potrebbe essere necessario introdurre un farmaco specifico per il trattamento dell’acatisia. Tuttavia, questo può comportare il rischio di polifarmacia. Quando si opta per questa alternativa, è normale utilizzare beta-bloccanti, benzodiazepine o alcuni antidepressivi.

Le persone con questo disturbo traggono beneficio dall’aumento dell’assunzione di vitamina B6, che si trova in alimenti come carne, pesce, noci e verdure. Si consiglia inoltre di fare esercizio fisico per ridurre lo stress.

Da ricordare

È molto importante che se una persona nota i sintomi dell’acatisia, consulti il medico il prima possibile. Questo è più importante se ci sono sintomi di depressione o pensieri suicidi.

Allo stesso modo, ci sono alcune misure che possono essere adottate per controllare e ridurre gli effetti:

  • Prevenire la depressione e l’ansia: sono utili la psicoterapia, l’attività fisica regolare, gli hobby, la riduzione dell’assunzione di zucchero, un riposo adeguato, una dieta sana ricca di omega 3 e gruppi di sostegno.
  • Pratica la gestione dello stress: include misure come dormire a sufficienza, prendere rilassanti tisane, pianificare attività, praticare tecniche di meditazione.
  • Integratore: può essere una buona idea introdurre un integratore di vitamina B6 o magnesio.

L’acatisia è una malattia reversibile. Tuttavia, il problema principale è che molte persone colpite non parlano al proprio medico dei loro sintomi.

La prognosi è molto più favorevole quando il trattamento viene iniziato precocemente. Va notato che casi gravi e non trattati possono portare a complicazioni molto gravi, come la paralisi.

Potrebbe interessarti ...
Epilessia: cos’è e come conviverci
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Epilessia: cos’è e come conviverci

L'epilessia è un disturbo neurologico del sistema nervoso centrale in cui l'attività cerebrale diventa anomala causando episodi di crisi.



  • Escobar-Córdoba, F., Álvarez-Vanegas, C., & Torres-Espinosa, L. (2015). Farmacoterapia de la acatisia aguda inducida por neurolépticos. Acta Neurol Colomb31(4), 447-453.
  • Caqueo-Urízar, A., Urzúa, A., & Rus-Calafell, M. (2017). Efectos secundarios de la medicación antipsicótica y calidad de vida en pacientes con esquizofrenia latinoamericanos. Terapia psicológica35(1), 111-114.
  • Martínez-Aguayo, J. C., Silva, H., Arancibia, M., Angulo, C., & Madrid, E. (2016). Antipsicóticos y suicidio. Revista chilena de neuro-psiquiatría54(2), 141-150.
  • Molero-Mateo, P., & Molina-Rueda, F. (2022). Tratamiento fisioterápico del paciente con trastorno del movimiento funcional: una revisión sistemática. Neurología.
  • Gómez, M. A., & Rivas, S. A. (2014). La acatisia: algo más que un trastorno del movimiento. Revista española de trastornos del movimiento, 6(2), 6-9.