I popcorn fanno ingrassare davvero?

4 Ottobre 2020
I popcorn sono uno spuntino facile da preparare, motivo per cui molte persone li consumano regolarmente. Ma è proprio vero che fanno ingrassare?

Chi li consuma spesso si chiederà senz’altro se i popcorn fanno ingrassare. Si tratta di uno spuntino consentito quando si segue una dieta dimagrante?

Su questo alimento esistono false convinzioni e polemiche. I nutrizionisti, invece, lo considerano una scelta sana, uno spuntino che può offrire diversi benefici. Scopriamo di più al riguardo.

I popcorn fanno ingrassare?

Si ottengono da una varietà di mais da popcorn e, se esposti al calore, esplodono a causa del surriscaldamento dell’acqua e dell’amido contenuti all’interno. In questo modo si forma la massa spugnosa e dall’odore caratteristico che ben conosciamo.

Sono così facili da preparare che si sono diffusi in tutto il mondo. Ideali per spezzare la fame o da sgranocchiare davanti a un bel film. Ma perché si pensa che facciano ingrassare?

Forse perché i popcorn che troviamo in commercio hanno, in genere, un valore energetico aggiuntivo. A differenza di quelli fatti in casa, contengono maggiori quantità di sale, zucchero, caramello o burro.

Quando li prepariamo in casa, utilizziamo la quantità d’olio necessaria per non farli attaccare e poi li condiamo secondo il gusto personale. Uno studio pubblicato sulla rivista Antioxidants ne ha analizzato la composizione e indica che una tazza di questo gustoso snack apporta soltanto 30 calorie.

Mano prende un popcorn da una ciotola.
I popcorn preparati in casa contengono poche calorie e non fanno male alla salute.

Leggete anche: Snack sani da portare al lavoro: 6 idee

Come si preparano?

Se non li avete mai fatti, sappiate che sono molto facili da preparare. Vi occorreranno due cucchiai di olio, una padella larga con il coperchio e mezza tazza di mais da popcorn. In meno di cinque minuti saranno pronti da gustare.

  • Fate scaldare a fuoco medio l’olio nella padella.
  • Appena sarà caldo, aggiungete il mais, mescolatelo all’olio, quindi mettete il coperchio.
  • Sentirete che i chicchi cominciano a scoppiettare. Aspettate che cessi il rumore per assicurarvi che siano pronti.
  • Per insaporire potete aggiungere sale, zucchero o caramello, ma sono buoni anche al naturale. Ricordate che è meglio non eccedere con il condimento. 

Leggete anche: Mais dolce: 5 piatti deliziosi e facili

Quali nutrienti apportano i popcorn?

Oltre a essere una scelta veloce ed economica, i popcorn apportano anche diversi nutrienti. Contengono carboidrati, fibre, grassi, proteine, vitamine e sali minerali. Secondo i dati forniti da Nutrition Data contengono:

  • Vitamina B1, B3 e B6.
  • Vitamina E.
  • Sali minerali come ferro, magnesio, manganese, zinco e rame.
  • Fosforo e potassio.
  • Fibre.
  • Polifenoli.

Inoltre, la ricerca suggerisce che rispetto ad avena, frumento e riso, il mais contiene maggiori proprietà antiossidanti grazie al suo contenuto di composti fenolici (protettori delle cellule). Lo scoppio provocato dal calore, per fortuna, non li degrada né altera.

Quali benefici otteniamo dal loro consumo?

Non tutti sanno che i popcorn offrono alcuni benefici all’organismo poiché sono cereali integrali. Ecco alcuni degli effetti positivi sulla salute:

I popcorn non fanno ingrassare, aiutano a controllare il peso e favoriscono la digestione

I popcorn sono una buona scelta per chi non riesce a controllare la fame. Oltre a contenere poche calorie, infatti, offrono fibre dall’effetto saziante. Se mangiati tra i pasti, aiutano a ridurre l’appetito.

Questo permette un maggiore controllo sul peso corporeo. Al tempo stesso, migliorano il transito intestinale e riducono eventuali problemi di flatulenza.

Prevenzione delle malattie

Le fibre e i composti fenolici abbassano i livelli di colesterolo nel sangue e prevengono la formazione dell’ateroma. Forniscono, quindi, un’azione protettiva contro l’arteriosclerosi, il che si traduce in un minor rischio cardiovascolare.

Abbassano inoltre la pressione arteriosa se non si aggiunge sale e regolano i livelli di glucosio. Alcuni studi scientifici sottolineano il rapporto tra consumo di cerali integrali e prevenzione delle malattie cardiache e del diabete, anche in questo caso se non si aggiunge né sale né zucchero.

Proprietà nutritive dei popocorn.
Le versioni commerciali dei popcorn contengono aromi poco sani come il sale o gli zuccheri semplici.

 I popcorn fanno ingrassare? No!

Smettiamola di pensare che i popcorn facciano ingrassare. Consideriamoli, invece, un’alternativa sana e completa rispetto a molti altri snack. Hanno un basso apporto calorico e contengono nutrienti che contribuiscono al nostro benessere.

Se desiderate calmare la fame, tenere sotto controllo il peso o perfino combattere l’ansia, consumate tranquillamente i popcorn. Evitate, tuttavia, quelli industriali: gli additivi sono nocivi. Preparateli in casa in un attimo.

  • Gear, J. R. (2006). El cultivo del maíz en la Argentina. Serie de Informes Especiales de ILSI Argentina, Volumen II: Maíz y Nutrición, 4.
  • Nguyen, V., Cooper, L., Lowndes, J., Melanson, K., Angelopoulos, T. J., Rippe, J. M., & Reimers, K. (2012). Popcorn is more satiating than potato chips in normal-weight adults. Nutrition Journal11(1), 71.
  • Coco, M. G., & Vinson, J. A. (2019). Analysis of Popcorn (Zea Mays L. var. Everta) for Antioxidant Capacity and Total Phenolic Content. Antioxidants8(1), 22.
  • Nutrition Data. Snacks, popcorn, air-popped Nutrition Facts & Calories. Disponible en https://nutritiondata.self.com/facts/snacks/5356/2.
  • Bautista-Ramírez, E., Salinas-Moreno, Y., Santracruz-Varela, A., Córdova-Téllez, L., & López-Sánchez, H. (2019). Características físicas y químicas de la raza de maíz Palomero Toluqueño. Revista mexicana de ciencias agrícolas10(2), 441-446.
  • Grandjean, A. C., Fulgoni III, V. L., Reimers, K. J., & Agarwal, S. (2008). Popcorn consumption and dietary and physiological parameters of US children and adults: analysis of the National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 1999-2002 dietary survey data. Journal of the American Dietetic Association108(5), 853-856.