Il lupus eritematoso: la malattia dalle ali di farfalla

14 Agosto 2020
Il 10 maggio è la Giornata Mondiale del Lupus, un evento che si celebra dal 2004. Questa patologia, conosciuta anche come eritema a farfalla, è una delle malattie autoimmuni più comuni.

Attraverso un’iniziativa della World Lupus Federation, dal 2004 si svolgono ogni 10 maggio attività internazionali in onore della Giornata Mondiale del Lupus. Questa organizzazione è un punto di riferimento tra gli specialisti e i pazienti con lupus eritematoso.

L’obiettivo della Giornata Mondiale del Lupus promossa dalla WLF è quello di sensibilizzare i governi e gli investitori sull’importanza della ricerca. Dobbiamo ricordare che la malattia è stata oggetto di studio, ma a oggi non ha ancora una cura.

La forma più comune di questa patologia è il lupus eritematoso sistemico, molto più frequente tra le donne (90% dei casi); gli afroamericani sono il gruppo etnico maggiormente colpito.

Le cause del lupus non sono ancora del tutto chiare, ma è noto che si tratta di una malattia autoimmune. Sono tuttavia stati identificati alcuni fattori scatenanti, tra cui la luce del sole, alcune infezioni e farmaci.

La classica eruzione cutanea sul viso, che ricorda le ali di una farfalla, si deve all’esposizione al sole. La persona deve proteggersi dalle radiazioni e applicare la protezione solare quasi di continuo.

I sintomi del lupus eritematoso

Sebbene l’identificazione precoce della malattia non porti alla cura, a differenza di altre condizioni di salute, ne migliora la gestione cronica riducendo gli episodi acuti.

L’eruzione cutanea da lupus interessa l’osso zigomatico, detto anche osso malare. La pelle del naso e delle guance si arrossa dando l’impressione di una farfalla. Pur essendo i zigomi l’area più colpita, anche gli arti e il tronco possono essere interessati dalle eruzioni.

Un altro sintomo tipico del lupus eritematoso sistemico è il dolore articolare a causa dell’artrite che accompagna la reazione autoimmune del corpo. Si verificano episodi acuti di dolore articolare, che si alternano a periodi di assenza del dolore ad altri molto dolorosi.

Infine, quasi il 90% dei pazienti riferisce di provare estrema spossatezza. Questo sintomo è difficile da misurare in maniera oggettiva e a tal fine si fa ricorso a questionari sulla qualità della vita. Questo stato di debolezza è determinato da molti fattori, tra cui i dolori articolari e l’insonnia, entrambi legati al lupus.

Artrite nel ginocchio a causa del lupus eritematoso.
Oltre alle manifestazioni cutanee, il dolore articolare è uno dei sintomi principali del lupus.

Vi potrebbe interessare: Le malattie autoimmuni più frequenti

Altri tipi di lupus

Come indicato, il lupus eritematoso sistemico è la forma più comune della malattia, ma non è l’unica. Ne esistono, di fatto, altri tipi:

  • Neonatale: la donna affetta da lupus trasmette al figlio gli anticorpi, che ne attaccano i tessuti. Questa forma di lupus può causare malattie al cuore.
  • Cutaneo: questa forma interessa solo la pelle. In genere, il soggetto non soffre di artrite o complicazioni in altri organi. Si tratterebbe di una forma localizzata di lupus, altamente dipendente dall’esposizione alla luce solare.
  • Indotto da farmaci: alcuni lo considerano un effetto indesiderato dei farmaci, piuttosto che una malattia in sé.

Scoprite anche: Lupus in gravidanza: cosa c’è da sapere

Trattamenti per il lupus

Il lupus può essere di entità lieve o grave, ciò definirà l’approccio terapeutico. La Giornata Mondiale del Lupus promuove la ricerca al fine di ottenere trattamenti migliori. Finora, tuttavia, disponiamo solo di protocolli di controllo e non di cura.

Quando il lupus è in forma lieve, i farmaci e le creme antinfiammatorie orali sono indicati per le eruzioni cutanee. Alcuni pazienti hanno ottenuto miglioramenti con l’idrossiclorochina e altri nuovi farmaci di origine biologica come il belimumab.

Anche nei casi più gravi si prevede l’uso di farmaci antinfiammatori, ma le dosi sono maggiori. Insieme ai corticosteroidi, i medici prescrivono l’azatioprina e la ciclofosfamide, medicinali immunoregolatori.

Convivere con il lupus eritematoso

Il lupus è una condizione che influisce sulla qualità di vita della persona. Dolori articolari, reazioni cutanee ed estrema spossatezza impediscono il corretto svolgimento delle attività quotidiane.

Se la patologia progredisce, è importante trovare i farmaci adatti per tenere sotto controllo i sintomi. È compito dei medici sostenere chi è affetto dalla malattia fornendo tutti gli strumenti necessari per vivere meglio.

  • Colmán, Isabel Acosta, et al. “Manifestaciones clínicas y laboratoriales en el Lupus Eritematoso Sistémico-LES.” Memorias del Instituto de Investigaciones en Ciencias de la Salud 14.1 (2016).
  • Gómez-Puerta, José A., and Ricard Cervera. “Lupus eritematoso sistémico.” Medicina & laboratorio 14.05-06 (2008): 211-223.
  • Sánchez-Rodríguez, Sergio H., et al. “Lupus eritematoso: enfermedad autoinmune sistémica y órgano específica.” Revista Biomédica 15.3 (2004): 173-180.
  • Ondarza Vidaurreta, Raul N. “Lupus eritematoso sistémico (LES).” Revista de Educación Bioquímica 36.1 (2017): 21-27.