Immunonutrizione: definizione e benefici per la salute

Ci sono prove che indicano una relazione tra nutrizione e immunità. Per quanto riguarda alcuni integratori, sono ancora necessari ulteriori studi. Cosa dovremmo sapere al riguardo?
Immunonutrizione: definizione e benefici per la salute

Ultimo aggiornamento: 30 giugno, 2021

L’immunonutrizione è la scienza che studia la relazione tra i nutrienti contenuti nel cibo e la risposta immunitaria del corpo. Il suo principale obiettivo consiste nel conoscere i marcatori immunologici associati allo stato nutrizionale. Mira a sviluppare un modello su come le sostanze presenti negli alimenti influenzino la risposta immunitaria dell’organismo contro virus, batteri, tossine.

Immunonutrizione: alcuni nutrienti stimolano il sistema immunitario

Alcune sostanze hanno la proprietà di potenziare le funzioni del sistema immunitario, o quantomeno di stabilire con esso una serie di interazioni. Vediamo di seguito i nutrienti che stimolano il sistema immunitario, secondo le prove che abbiamo a disposizione.

Glutammina

Pillole di glutammina.
Gli integratori di glutammina beneficiano il tratto digestivo.

Il primo esempio è la glutammina, un amminoacido non essenziale che svolge funzioni legate alla protezione dell’apparato digerente. Secondo recenti studi, gli integratori a base di questa sostanza migliorano la mucosa intestinale e riducono le tempistiche di degenza ospedaliera per i pazienti che hanno subito un trapianto di midollo osseo.

Arginina

L’arginina è un altro amminoacido in grado di migliorare la funzione immunitaria, soprattutto a livello cellulare, e di accelerare la guarigione delle ferite. Tuttavia, gli studi realizzati finora indicano che gli integratori a base di questa sostanza potrebbero ridurre l’efficacia della risposta infiammatoria. Per questo motivo sono necessari ulteriori studi per garantirne l’efficacia.

Acidi grassi Omega-3

Gli acidi grassi Omega-3 regolano la sintesi degli eicosanoidi che, a loro volta, agiscono da mediatori della risposta immunitaria. Inoltre, hanno un importante effetto protettivo che serve a contrastare l’azione infiammatoria degli omega 6, presente nei cibi processati.

Studi scientifici sottolineano l’importanza di mantenere equilibrato l’apporto di entrambi i nutrienti per non rischiare un’infiammazione.

Come favorire l’assunzione di questi nutrienti?

Per ottimizzare la risposta immunitaria, è consigliabile assumere quotidianamente un apporto proteico di qualità. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda alle persone sedentarie di ingerire almeno 0,8 g di proteine ​​per kg di peso corporeo. Queste raccomandazioni aumentano nel caso degli atleti.

Inoltre, è necessario tenere in considerazione che il 50% dell’apporto proteico deve essere di origine animale per garantire l’assunzione di tutti gli amminoacidi essenziali nella loro corretta proporzione.

A questo proposito, dovremmo dare la priorità al pesce rispetto alla carne. In questo modo, mangiando regolarmente il pesce azzurro, è più probabile che si raggiungano le raccomandazioni di consumo di omega 3.

Possiamo trovare questo nutriente anche negli oli vegetali e nella frutta come l’avocado. Certo, gli oli è meglio consumarli crudi per evitare la formazione di composti tossici che possono danneggiare la nostra salute.

Immunonutrizione o integratori?

Probiotici sulla tavola.
Gli unici integratori che sembrano essere benefici per gran parte della popolazione sono i probiotici. Per quanto riguarda gli altri integratori, sono necessarie ulteriori prove.

In linea di massima, l’integrazione di nutrienti è sconsigliata se non in caso di particolari esigenze, carenze o patologie. Gli effetti a lungo termine dell’assunzione di integratori a base di determinate vitamine, ad esempio, non sono noti con certezza.

Gli unici integratori che sembrano avere effetti benefici su un ampio spettro della popolazione sono i probiotici. Non a caso, queste sostanze sono strettamente correlate alla risposta immunitaria. Sono in corso una serie di indagini al riguardo e non ci vorrà molto per giungere a delle conclusioni definitive.

Salvo questo caso, e quello della vitamina D che per sua natura è carente, si raccomanda di non assumere degli integratori se non strettamente necessario. Un caso a parte sarebbe quello degli atleti, soprattutto quando lo scopo è migliorare la performance sportiva.

Per quanto riguarda le persone sedentarie che vogliono migliorare la risposta immunitaria, si raccomanda di seguire una dieta varia ed equilibrata e di praticare esercizio fisico regolarmente. Tuttavia, l’immunonutrizione è un argomento molto vasto e resta ancora molto da esplorare al riguardo.

Cosa ricordare sulla immunonutrizione?

L’immunonutrizione è una scienza relativamente nuova con molta strada da percorrere davanti a sé. Nonostante ciò, ci sono già alcune scoperte al riguardo, come ad esempio il fatto che alcuni nutrienti hanno la capacità di migliorare e modulare la risposta immunitaria.

Inoltre, vale la pena ricordare il caso dei probiotici, che promette di rivoluzionare questo settore nei prossimi anni. Con una migliore conoscenza del genoma e di quest’area, la tendenza è quella di evolvere verso un’alimentazione personalizzata e individualizzata.

Ad ogni modo, le prove che abbiamo a disposizione oggi ci portano ancora a scommettere su una dieta varia ed equilibrata, che garantisca il giusto contributo di proteine ​​e di acidi grassi omega 3. È importante anche ridurre il consumo di cibi trasformati e pieni di tossine come l’alcol.

Per quanto riguarda gli integratori, finora solo i probiotici hanno dimostrato di essere benefici per la maggior parte della popolazione. Nel caso degli integratori di aminoacidi, invece, è sempre meglio valutare i casi nello specifico.

Potrebbe interessarti ...
La carne rossa fa male alla salute?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
La carne rossa fa male alla salute?

Anni fa giornalisti sono giunti a conclusioni sbagliate per cui si è diffusa l'idea che la carne rossa fa male alla salute. Leggete di più.



  • Wang B., Wu G., Zhou Z., Dai Z., et al., Glutamine and intestinal barrier function. Amino Acids. 2015. 47 (10): 2143-54.
  • Li J., Zhang Z., Huang X., L-Arginine and allopurinol supplementation attenuates inflammatory mediators in human osteoblasts osteoarthritis cells. Int J Biol Macromol, 2018. 118: 716-721.
  • Tortosa Caparros E., Navas Carrillo D., Marín F., Orenes Piñero E., Anti inflammatory effects of omega 3 and omega 6 polyunsaturated fatty acids in cardiovascular disease and metablic syndrome. Crit Rev Food Sci Nutr, 2017. 57 (16): 3421-3429.