Insulina basale: tutto quello che c'è da sapere

L'insulina basale aiuta a mantenere i livelli di glucosio nel sangue entro limiti normali. Le sue forme artificiali fanno parte del trattamento per il diabete.
Insulina basale: tutto quello che c'è da sapere
Maryel Alvarado Nieto

Scritto e verificato da la dottoressa Maryel Alvarado Nieto.

Ultimo aggiornamento: 06 ottobre, 2022

L’insulina è un ormone secreto dal pancreas, la cui funzione principale è quella di stimolare le cellule a catturare il glucosio circolante nel sangue. La secrezione continua genera una concentrazione nota come insulina basale, che mantiene normali livelli di zucchero nel sangue durante il periodo tra i pasti.

Inoltre, quando il cibo viene consumato, dal pancreas vengono rilasciati carichi extra di insulina per far fronte all’aumento del glucosio dovuto alla dieta. Questo produce livelli ormonali superiori all’insulina basale, chiamata postprandiale.

Quanto è importante l’insulina basale?

In alcuni pazienti i valori di insulina possono essere aumentati, predisponendoli allo sviluppo del diabete mellito di tipo 2. Questa situazione è nota come insulino-resistenza.

Per vari motivi, la normale concentrazione dell’ormone non è sufficiente a mantenere livelli di glucosio nel sangue adeguati. Pertanto, il pancreas cerca di compensare questo difetto, rilasciando ancora più molecole di insulina.

Al contrario, nei pazienti con diabete mellito di tipo 1, il pancreas smette di produrre insulina, rilevando una diminuzione dei livelli dell’ormone. In questi casi è necessario attuare terapie con insulina esogena per prevenire le complicazioni del diabete. È qui che l’insulina basale diventa importante come farmaco.

Tipi di insulina disponibili

Attualmente sono disponibili diverse opzioni di insulina, classificate in base alla durata dell’effetto che producono. L’insulina a breve durata d’azione, detta anche regolare, ha analoghi: lispro, aspart e glulisina. Prevengono i picchi di glucosio nel sangue post-prandiali, imitando l’effetto dell’insulina postprandiale.

Dal canto loro, le insuline ad azione intermedia (NPH) e ad azione prolungata (glargine, detemir e degludec) cercano di mantenere i valori di insulina durante i periodi di digiuno. Per questo motivo, questo gruppo di sostanze è considerato l’insulina basale dei pazienti diabetici. Lo scopo di questa terapia è quello di consentire alle cellule un apporto costante di glucosio come fonte di energia, ma senza provocare ipoglicemia.

È importante notare che esistono dispositivi progettati per somministrare insulina in modo continuo e automatico (pompa di insulina). Sono piccoli dispositivi e utilizzano insulina ad azione rapida. Tuttavia, fornendo concentrazioni costanti durante il giorno e la notte, sono spesso considerati parte dell’insulina basale.

insulina iniettata.
La varietà di insuline sul mercato è in aumento.

Caratteristiche dell’insulina basale

Essendo un farmaco a lunga durata d’azione, l’ insulina basale è solitamente indicata una o due volte al giorno. La scelta del programma di somministrazione dipende dalle caratteristiche di ciascun tipo di insulina e dai fattori intrinseci di ciascun paziente.

Per questo motivo la terapia insulinica e i suoi aggiustamenti devono essere sempre effettuati da un medico specialista. Meglio, con un professionista che ha esperienza nella gestione del diabete mellito.

NPH (protamina neutra Hagedorn): insulina ad azione intermedia

L’insulina NPH è una sospensione biancastra che contiene zinco e protamina. Quest’ultima molecola ritarda l’assorbimento dell’insulina, prolungandone l’effetto.

La durata della sua azione può durare fino a 16 ore, motivo per cui di solito viene indicata due volte al giorno. Tuttavia, la somministrazione notturna non ha mostrato buoni valori di glucosio nel sangue la mattina successiva.

Analoghi ad azione prolungata

Gli analoghi dell’insulina umana hanno modifiche in alcuni amminoacidi dell’ormone, che producono un effetto prolungato. Generalmente non hanno un picco massimo di azione, riducendo così il rischio di ipoglicemia.

Le caratteristiche più rilevanti sono descritte di seguito:

  • L’insulina glargine viene disciolta in un mezzo acido, conferendole un aspetto cristallino, come quello dell’insulina normale. La somministrazione sottocutanea fornisce un’adeguata concentrazione di insulina basale, quindi può essere indicata solo una volta al giorno. Non deve essere miscelato con altri tipi di insulina.
  • Detemir è un’insulina che ha un acido grasso in una delle sue catene. Questa molecola si lega alle proteine del sangue quando viene assorbita, prolungandone l’azione. Ha il vantaggio di produrre meno ipoglicemia rispetto alla glargine. Di solito dovrebbe essere somministrato 2 volte al giorno.
  • L’insulina degludec, dal canto suo, quando iniettata nel tessuto sottocutaneo, crea grosse molecole che lentamente si dissociano, producendo un effetto prolungato. Inoltre, si lega anche all’albumina, ritardandone l’effetto. Può essere indicato solo una volta al giorno.

Terapia insulinica: cosa dovresti sapere

In generale, circa il 50% della dose giornaliera di insulina in un paziente con diabete di tipo 1 dovrebbe essere somministrata come insulina basale, mentre il restante 50% dovrebbe coprire i pasti. Tuttavia, alcuni fattori devono essere presi in considerazione. L’obiettivo principale è quello di mantenere adeguati livelli di glucosio nel sangue.

Allo stesso modo, il calcolo della dose giornaliera raccomandata dall’American Diabetes Association (ADA) varia tra 0,4 e 1 unità internazionale (UI) per ogni chilogrammo di peso del paziente. Anche la scelta della dose è individualizzata, poiché dipende dall’età e dalla presenza di qualche condizione associata.

In quei pazienti con diabete mellito di tipo 2 per i quali è indicata la terapia insulinica, l’ADA raccomanda che il fabbisogno ormonale sia coperto con insulina basale associata a un ipoglicemizzante orale. In queste persone, la dose è stimata tra 0,1 e 0,2 UI per chilogrammo di peso al giorno.

Dose di insulina.
La dose di insulina è calcolata in dettaglio in modo da non causare effetti avversi. Ogni paziente dovrebbe ricevere uno schema in base alle sue particolarità.

Fattori importanti da considerare con l’insulina basale

La via di somministrazione dell’insulina è sottocutanea, e durante il trattamento sono necessarie iniezioni multiple. Il sito preferito è il tessuto adiposo dell’addome, ma sono adatte anche le cosce, i glutei e le braccia.

È importante cambiare frequentemente la posizione per evitare lo sviluppo della lipoipertrofia. Allo stesso modo, devono essere utilizzati speciali aghi per insulina, che sono corti, per evitare la somministrazione intramuscolare.

D’altra parte, è necessario stimolare il miglioramento dello stile di vita del paziente. È stato dimostrato che l’integrazione di una dieta equilibrata con adeguati consigli nutrizionali e l’esercizio fisico regolare hanno un effetto positivo sul controllo glicemico.

Follow-up dei pazienti in terapia insulinica

I pazienti diabetici dovrebbero essere istruiti sulla loro condizione in modo che abbiano la capacità di partecipare attivamente al loro trattamento. Il controllo capillare della glicemia è una risorsa essenziale, poiché consente un attento monitoraggio, in tempo reale, dell’effetto dell’insulina sul paziente.

Allo stesso modo, il rilevamento regolare dell’emoglobina serve a valutare l’efficacia del trattamento con insulina a medio termine. Oggi è un metodo essenziale per decidere di mantenere o modificare lo schema terapeutico.

Potrebbe interessarti ...
Il diabete di tipo 2 potrebbe essere reversibile, secondo Cambridge
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Il diabete di tipo 2 potrebbe essere reversibile, secondo Cambridge

Un'équipe dell'Università di Cambridge ha scoperto che è possibile invertire i sintomi del diabete di tipo 2 con la perdita di peso.



  • Diabetes Care ® The Journal of Clinical and Applied Research and Education; Standards of Medical Care in Diabetes – 2022; American Diabetes Association; 45 (Supplement 1); 2022.
  • Brunton, L.; Hilal, R.; Knollmann, B.; Powers, A.; D’Alessio, D.; Goodman & Gilman Las Bases Farmacológicas de la Terapéutica; Capítulo 47; Decimotercera Edición; McGraw Hill; 2018.
  • Katzung, B.; Vanderah, T.; Masharani, U.; Kroon, L.; Farmacología Básica y Clínica; Capítulo 41; Decimoquinta Edición; 2022.
  • Domarus, A.; Farreras, P.; Rozman, C.; Cardelach, F.; Nicolás, J; Cervera, R.; Farreras Rozman. Medicina Interna; 19na Edición; Elsevier; 2020.