Ipertensione e insufficienza renale: prendetevi cura del vostro corpo

7 luglio 2015
Non bisogna assumere farmaci senza la prescrizione medica, in quanto il fegato e i reni non li assimilano in modo corretto.

Sapevate che l’ipertensione è uno dei peggiori nemici dei reni? Un disturbo silenzioso di cui non ci rendiamo conto e che, a poco a poco, causa danni all’organismo, come per esempio l’insufficienza renale.

Oggi vi parleremo delle migliori strategie per evitare l’insufficienza renale e tenere sotto controllo la tensione arteriosa, in modo da godere sempre di una buona qualità di vita. Non perdetevi questi importanti consigli!

Quali sono i danni dell’ipertensione sui reni?

La relazione non è semplice da capire. Il vero problema è che non facciamo sempre attenzione alla pressione arteriosa, fino a quando non manifesta i primi sintomi. A volte, però, può essere troppo tardi.

Tenete in considerazione queste informazioni per capire il collegamento tra ipertensione e insufficienza renale. Prendete nota:

  • La pressione arteriosa elevata sottopone il cuore ad uno sforzo eccessivo. Se quest’organo è in “sovraccarico” per lungo tempo, i vasi sanguigni e le arterie finiscono per danneggiarsi in modo irreparabile.
  • Uno dei maggiori rischi riguarda i vasi sanguigni dei reni, che non riuscirebbero a filtrare correttamente il sangue e, di conseguenza, liquidi e sostanze di rifiuto si accumulerebbero nell’organismo.
  • I liquidi in eccesso sottopongono i vasi sanguigni a forte stress, di conseguenza aumenta la pressione arteriosa. Tutto questo ha conseguenze estremamente pericolose per la salute dell’organismo.

Come capire se soffrite di insufficienza renale?

Reni

Sfortunatamente, una volta che compaiono i primi sintomi di insufficienza renale, è necessario sottoporsi di continuo ai controlli per verificare il buon funzionamento dei reni, in modo che il problema non sia reversibile. Chi soffre di insufficienza renale cronica corre un alto rischio di doversi sottoporre a dialisi e, di conseguenza, di subire un trapianto.

Si tratta di un problema piuttosto grave che vale la pena prevenire. Non basta semplicemente tenere sotto controllo la pressione sanguigna, ma anche fare attenzione all’alimentazione e allo stile di vita. A questo punto, come potete capire se i vostri reni non stanno funzionando in modo corretto? Ve lo spieghiamo:

  • Siete molto stanchi durante la giornata.
  • Avete i piedi e le caviglie gonfie.
  • Siete molto sensibili al freddo.
  • Il colore dell’urina è giallognolo.
  • Sentite l’addome duro e gonfio.

Ovviamente, la conferma di questa diagnosi dipenderà dagli esami delle urine. Chi soffre di insufficienza renale presenta un livello di creatinina molto elevato. Vi chiederete che cos’è la creatinina. Si tratta di un prodotto di scarto che si forma a seguito della decomposizione delle cellule muscolari. Quando i reni funzionano bene, la creatinina passa dal sangue all’urina per essere eliminata dal corpo in maniera naturale, ma se i reni non funzionano come dovrebbero, allora questo prodotto di rifiuto si accumula. Si tratta di un sintomo molto chiaro che, come vi abbiamo anticipato, solo un’accurata analisi delle urine può confermare.

Come tenere sotto controllo la pressione arteriosa per non danneggiare i reni?

Acqua-di-uva-passa

Ora che avete capito che è importante tenere sotto controllo la pressione arteriosa per evitare una possibile insufficienza renale, prendete nota dei consigli da seguire per prendervi cura del vostro corpo:

  • Evitate di prendere peso. Cercate di mantenere un peso equilibrato in base alla vostra altezza e alla vostra età.
  • Aumentate il consumo di frutta e verdura fresca, soprattutto gli ortaggi a foglia verde e tutta la frutta che ha un’azione diuretica, come l’ananas, l’uva, i mirtilli.
  • Evitate i latticini con molti grassi. Preferite piuttosto le bevande vegetali, come il latte di soia, d’avena o di noci.
  • Evitate del tutto il consumo di sale. Eliminate il sodio dai vostri pasti, così come lo zucchero o le farine bianche raffinate.
  • Svolgete almeno mezz’ora di attività fisica al giorno, fate in modo che siano esercizi di intensità moderata che vi obblighino ad attivare il cuore e la circolazione sanguigna. Potete, ad esempio, uscire a camminare per una mezz’ora, oppure andare in bicicletta, nuotare oppure iscrivervi ad un corso di ballo.
  • Potete bere un bicchiere di vino rosso al giorno, ma non superate mai questa quantità.
  • Se siete fumatori, abbandonate oggi stesso questa pericolosa abitudine.
  • Cercate di assumere integratori di vitamina D, che fa molto bene alla salute dei reni.
  • Assumete ogni giorno un cucchiaino di bicarbonato di sodio disciolto in un bicchiere d’acqua. Ha un’azione alcalinizzante ed aiuta a migliorare il funzionamento dei reni.
  • Cercate di non esagerare con l’assunzione di farmaci o di non superare la dose che vi ha prescritto il vostro medico perché, in generale, questi non vengono assimilati bene dal fegato e dai reni.
  • Tenete sotto controllo lo stress e cercate di seguire uno stile di vita equilibrato, imparando a gestire le emozioni. Come sapete, lo stress non fa altro che aumentare la pressione arteriosa, per questo va tenuto sotto controllo.
  • Infine, non dimenticate di sottoporvi a controlli medici periodici per monitorare sia l’ipertensione sia la salute dei reni. Se lo desiderate, potete sempre procurarvi un misuratore di pressione e controllare la pressione comodamente a casa.
Guarda anche