Cos’è l’ipotiroidismo e come combatterlo con alimenti adatti?

22 luglio 2016
Per stimolare la produzione di ormoni tiroidei ed evitare l'ipotiroidismo, è fondamentale includere nella dieta alimenti ricchi di iodio ed altri che favoriscano la sua assunzione e rinforzino l'organismo.

L’ipotiroidismo è un problema che si produce quando la ghiandola tiroidea si debilita e riduce la quantità di ormoni segregati.  

Di conseguenza, si presentano diversi sintomi, poiché questa attività ormonale è incaricata di regolare le reazioni metaboliche, neuronali e cardiocircolatorie di tutto il corpo.

Il suo sviluppo è relazionato alla cattiva alimentazione, all’esposizione alle tossine, allo stress e ad altre abitudini poco sane che attaccano la salute.  

Quali sono i sintomi dell’ipotiroidismo

Una persona che soffre di questa malattia presenta poco a poco diversi cambiamenti nel corpo causati dallo squilibrio ormonale. 

I sintomi più comuni sono:

  • Bruschi cambiamenti d’umore
  • Sensibilità al freddo
  • Aumento o perdita di peso
  • Depressione ed ansia
  • Mestruazioni irregolari o eccessive
  • Difficoltà nell’evacuare
  • Sensazione di stanchezza e debolezza
  • Pelle secca
  • Capelli, pelle ed unghie deboli
  • Perdita eccessiva dei capelli

Non dimenticate di leggere: 5 modi per prendersi cura della salute tiroidea e immunitaria

Come combattere l’ipotiroidismo accelerando il metabolismo?

Uno dei punti chiave per alleviare i sintomi dell’ipotiroidismo è adottare abitudini che permettano di accelerare il ritmo metabolico.  

Questo insieme di reazioni chimiche si incarica di trasformare l’energia degli alimenti nel combustibile di cui abbiamo bisogno per vivere. 

Il metabolismo influisce anche sulla funzione digestiva, sul sistema cardiovascolare e su molte altre funzioni vitali del corpo.

Il vantaggio è che la sua funzione può essere modificate con facilità, adattandola alle nostre necessità per poter perdere peso e migliorare la salute.  

Uno dei modi migliori per riuscirci è aumentare il consumo di alimenti sani e ricchi di sostanze che ne stimolano la funzione.

È inoltre importante realizzare molta attività fisica e dormire dalle 7 alle 8 ore al giorno, senza interruzioni.

Alimenti che accelerano il metabolismo per trattare l’ipotiroidismo

Dopo che vi verrà diagnosticato l’ipotiroidismo, la vostra dieta dovrà subire alcuni cambiamenti, in modo da evitare l’eccessivo aumento di peso e altre conseguenze dovute alla riduzione degli ormoni tiroidei.

Gli alimenti ed i nutrienti che menzioneremo a seguire sono tutti efficaci per supportare la funzione della tiroide durante questa condizione.

Alimenti ricchi di iodio

alimenti vari contro ipotiroidismo

Lo iodio è una sostanza fondamentale per la funzione tiroidea e molti dei casi di ipotiroidismo sono dovuti alla sua carenza.

Il suo consumo contribuisce a controllare l’ansia e i problemi digestivi dovuti a parassiti, infiammazione ed indigestione.

Potete ottenerlo tramite:

  • Alghe
  • Mirtilli
  • Yogurt natural
  • Fagioli bianchi di Spagna
  • Fragole biologiche
  • Sale dell’Himalaya
  • Latticini
  • Patate
  • Integratori

Olio di cocco

Questo alimento ha la capacità di accelerare il metabolismo e di stimolare la produzione di ormoni tiroidei.   

Le sue proprietà antibiotiche e antimicotiche combattono i funghi e i batteri come l’H. pylori e la candida.

Ciò nonostante, è importante che questo sia biologico al 100% e non sottoposto ai processi di raffinamento.

Come assumerlo?

Iniziate prendendone un cucchiaino tutti i giorni e aumentate le quantità poco a poco, fino a raggiungere i 3 cucchiaini.

Vitamine del gruppo B

avocado lime uova e cavoli ipotiroidismo

Tutte le vitamine del gruppo B sono essenziali per preservare il buono stato della tiroide, anche se ognuna svolge un ruolo diverso.

  • La tiamina (B1): necessaria in caso di tiroide iperattiva.
  • La riboflavina (B2): fondamentale per l’adeguata produzione di ormoni tiroidei.
  • La niacina (B3): necessaria per il buon funzionamento di tutte le cellule e ghiandole del corpo.
  • La piridossina (B6): senza questa vitamina la ghiandola tiroidea non può utilizzare lo iodio in maniera efficiente.
  • La cobalamina (B12): l’ipotiroidismo impedisce l’assorbimento di questa vitamina. Il problema è che quando manca, si incrementa il rischio di soffrire di malattie neurologiche. 

Vitamina D

La carenza di vitamina D è relazionata a diverse patologie autoimmuni, incluse le malattie tiroidee.

Assumetela tramite integratori o prendendo il sole per qualche minuto ogni giorno.

Zinco

Sia l’ipotiroidismo sia l’ipertiroidismo possono svilupparsi a causa di una carenza di zinco nell’organismo.

Questo minerale partecipa alla risposta immunitaria del corpo e al processo mediante il quale si elimina il peso in eccesso.

Leggete anche: Rituali mattutini che accelerano il metabolismo

Rame

alghe per ipotiroidismo

Il rame aiuta a bilanciare la tiroide e a combattere sintomi come la riduzione dei globuli rossi, la debilitazione delle pelle e i problemi alle unghie e ai capelli.

Una buona fonte di questo minerale è la clorofilla, che si trova in alghe, verdure a foglia verde ed integratori.

Olio di pesce

L’olio di pesce è consigliato per incrementare l’assorbimento degli ormoni tiroidei.

Contiene acidi grassi omega 3 che riducono l’infiammazione e migliorano la salute cardiovascolare.  

Fibra

fibre per combattere ipotiroidismo

Gli alimenti ricchi di fibre sono ottimi complementi per evitare il sovrappeso e gli elevati livelli di zuccheri nel sangue.   

La sua assunzione migliora la digestione, controlla l’appetito e aiuta a regolare i livelli elevati di colesterolo.

Se sospettate di soffrire di ipotiroidismo, la cosa migliore è che vi rivolgiate al vostro medico, per ricevere una diagnosi specifica. 

Gli alimenti qui citati sono solo complementi per la dieta e il loro consumo dev’essere supervisionato da un esperto.

Guarda anche