L'obesità riduce l'aspettativa di vita?

L'obesità riduce l'aspettativa di vita perché aumenta il rischio di malattie gravi come diabete, ipertensione e cancro. Anche il sovrappeso ha effetti simili.
L'obesità riduce l'aspettativa di vita?
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 31 ottobre, 2022

Diversi studi hanno dimostrato che l’obesità riduce l’aspettativa di vita. Questo dato è preoccupante se si tiene conto che negli ultimi anni il numero di persone obese o in sovrappeso nel mondo è notevolmente aumentato.

L’obesità è nota da tempo per causare malattie cardiovascolari, diabete e cancro. L’OCSE -Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico- stima che entro il 2050 potrebbero esserci 95 milioni di morti premature dovute all’eccesso di peso corporeo.

Secondo le stime di tale organizzazione, il Messico è il Paese che risentirà maggiormente della riduzione dell’aspettativa di vita dovuta all’obesità. Seguono, nell’ordine, Russia, Polonia, Stati Uniti, Giappone e India. Oggi, una persona su quattro è obesa.

L’obesità riduce l’aspettativa di vita

Relazione tra obesità e aspettativa di vita.

Attualmente, l’obesità è vista come un’epidemia globale che continua a crescere. Si ritiene che circa 1,9 miliardi di adulti nel mondo soffrano di questa condizione, mentre circa 340 milioni di bambini e adolescenti ne soffrono.

L’obesità, di per sé, diventa un fattore di rischio per contrarre malattie. Tra questi possiamo evidenziare i seguenti, che, a loro volta, sono strettamente correlati tra loro:

  • Diabete di tipo 2: attualmente, otto persone con diabete su 10 sono anche in sovrappeso o obese.
  • Ipertensione: è una malattia comune nelle persone con peso eccessivo.
  • Malattie cardiache: comprende diverse condizioni cardiache, molte delle quali a rischio di morte.
  • Ictus: l’ipertensione è il suo principale fattore di rischio.
  • Apnea notturna: aumenta il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiache.
  • Sindrome metabolica: comprende un gruppo di condizioni che aumentano il rischio di malattie cardiache, diabete e ictus.
  • Malattie del fegato grasso: aumentano il rischio di gravi danni al fegato, cirrosi o insufficienza epatica.
  • Artrosi: il peso esercita pressione sulle articolazioni e sulla cartilagine.
  • Problemi alla cistifellea: aumenta il rischio di sviluppare calcoli biliari e colecistite.
  • Malattia renale: l’obesità promuove e accelera la malattia renale.
  • Problemi durante la gravidanza: le madri obese sono a maggior rischio di complicazioni durante la gravidanza.
  • Cancro: alcuni tipi di cancro sono stati associati al sovrappeso e all’obesità.

Cosa dicono gli studi?

Uno studio sulla rivista FMC pubblicato nel 2013 ha mostrato i risultati di un follow-up di 40 anni di 3.457 persone con obesità, di cui 1.550 uomini e 1.907 donne. Tutti loro hanno iniziato a studiare tra i 30 e i 49 anni.

La ricerca ha concluso che l’obesità riduce l’aspettativa di vita. Sottolinea che gli uomini perdono circa 5,3 anni di vita e le donne 7,1 anni. Se anche queste persone fumavano, la perdita raggiungeva i 6,7 anni negli uomini e 7,2 nelle donne.

Un altro studio condotto dal National Cancer Institute (NCI) degli Stati Uniti, pubblicato nel 2014 sulla rivista PLOS Medicine, ha concluso che le persone con più di 100 libbre in sovrappeso vivono tra i 6,5 e i 13,7 anni in meno rispetto a quelle normopeso.

Il rapporto dell’OCSE

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico -OCSE- ha presentato nel 2019 un rapporto secondo il quale il solo fatto di essere in sovrappeso riduce l’aspettativa di vita di circa tre o quattro anni. In questo caso non si parla di persone obese, ma solo di chi è in sovrappeso.

L'obesità riduce l'aspettativa di vita.

Il rapporto rileva inoltre che tre persone obese su cinque vivono in paesi ricchi. Tra questi spiccano i dati degli Stati Uniti, dove circa il 40% degli adulti e il 20% dei bambini hanno un peso corporeo eccessivo. A sua volta, nel Regno Unito tre persone su cinque sono in sovrappeso.

L’OCSE richiama l’attenzione sul fatto che il 50% delle persone nel mondo segue una dieta malsana. Due persone su cinque non mangiano abbastanza frutta e verdura; Inoltre, una persona su tre non svolge abbastanza attività fisica.

Questa organizzazione ha avvertito che, se questa situazione non cambia, nei prossimi 30 anni il 60% dei nuovi casi di diabete sarà causato dall’obesità, così come il 18% da malattie cardiovascolari, l’11% da demenze e l’8% da diversi tipi di cancro.

Potrebbe interessarti ...
Bambini in sovrappeso: cause e prevenzione
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Bambini in sovrappeso: cause e prevenzione

Negli ultimi quarant'anni il numero di bambini in sovrappeso e obesi è aumentato di dieci volte, e il dato continua a crescere.



  • Orozco, P. (2013, abril 3). El sobrepeso y la obesidad reducen la esperanza de vida. Recuperado 22 de abril de 2020, de https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1134207203759556
  • Kitahara, C. M., Flint, A. J., Berrington de Gonzalez, A., Bernstein, L., Brotzman, M., MacInnis, R. J., Moore, S. C., Robien, K., Rosenberg, P. S., Singh, P. N., Weiderpass, E., Adami, H. O., Anton-Culver, H., Ballard-Barbash, R., Buring, J. E., Freedman, D. M., Fraser, G. E., Beane Freeman, L. E., Gapstur, S. M., Gaziano, J. M., … Hartge, P. (2014). Association between class III obesity (BMI of 40-59 kg/m2) and mortality: a pooled analysis of 20 prospective studies. PLoS medicine, 11(7), e1001673. https://doi.org/10.1371/journal.pmed.1001673
  • Moreno, G. M. (2012). Definición y clasificación de la obesidad. Revista Médica Clínica Las Condes, 23(2), 124-128.