Piramide NAOS: strategie per prevenire l'obesità giovanile

È stato lanciato un programma educativo con l'obiettivo di prevenire lo sviluppo dell'obesità giovanile: la piramide NAOS. Vi diciamo tutto in questo articolo.
Piramide NAOS: strategie per prevenire l'obesità giovanile

Ultimo aggiornamento: 20 luglio, 2022

L’obesità giovanile è un problema sanitario globale che deve essere risolto. Per questo sono state create strategie, come la piramide NAOS, inserita all’interno di un piano completo che mira a migliorare il funzionamento del corpo umano dei più piccoli.

Ha lo scopo di porre un’enfasi speciale sulla necessità di mangiare correttamente.

La prima cosa da tenere a mente è che la piramide NAOS prevede una serie di raccomandazioni generali riguardanti l’alimentazione. In molti casi sarà necessario individualizzare e adattare in base alle particolari esigenze. Ad esempio, gli adolescenti che sono regolarmente attivi fisicamente potrebbero aver bisogno di un apporto proteico maggiore.

Punti chiave della piramide NAOS

Alla base della piramide NAOS ci sono le buone abitudini di vita. Sarà determinante mantenersi attivi dal punto di vista fisico per raggiungere efficienza nella fisiologia dell’ambiente interno.

Anche in questo modo si spenderà più energia alla fine di ogni giornata, che aiuterà a prevenire l’accumulo di tessuto adiposo. Dormire 8 ore al giorno sarà fondamentale quando si tratta di fare la differenza in termini di salute.

All’interno delle sezioni specifiche della nutrizione, la piramide NAOS si impegna al consumo regolare di alimenti di origine vegetale. Questi prodotti si sono rivelati molto positivi per la salute grazie al loro contenuto di antiossidanti e micronutrienti essenziali, come le vitamine. Questi sono elementi che possono aiutare a prevenire lo sviluppo di patologie croniche e complesse.

In generale, il piano NAOS privilegia sempre la presenza di cibo fresco. Gli alimenti industriali ultra-lavorati contengono zuccheri semplici, grassi trans e additivi. Questi elementi aumentano i livelli di infiammazione nell’ambiente interno, che causa la sofferenza di molti organi. Secondo uno studio pubblicato sul BMJ, potrebbero aumentare il rischio di diabete nel corso degli anni.

D’altra parte, si impegna anche nell’assunzione di carboidrati di buona qualità, di tipo complesso. Il consumo di alimenti come pasta, riso, tuberi e legumi è prioritario. Anche i cereali.

C’è qualche polemica nella comunità scientifica su questo punto. Non tutte le persone hanno bisogno di zuccheri complessi in grandi quantità. Sì per chi fa esercizio fisico frequente, ma nei casi di giovani più sedentari sarebbe bene ridurre il contributo.

Riso per i bambini della piramide NAOS.
Il riso fornisce carboidrati complessi. Nei bambini che fanno attività fisica, come proposto dalla piramide NAOS, sono un grande apporto energetico.

Leggete anche: Malattie associate all’obesità infantile

Svantaggi della piramide NAOS

Purtroppo non è tutto oro quel che luccica. La piramide NAOS ha anche alcune raccomandazioni che non sono supportate dalle prove scientifiche più recenti.

Ad esempio, nella linea guida viene data poca importanza alla presenza di proteine ad alto valore biologico. Queste provengono da alimenti di origine animale. Hanno tutti gli aminoacidi essenziali e hanno un buon punteggio in termini di digeribilità.

Le proteine sono macronutrienti essenziali affinché i muscoli rimangano attivi negli anni. Ottenere un’assunzione adeguata aiuterà a prevenire problemi futuri, come la sarcopenia. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista BioMed Research International.

La piramide NAOS non dà molta importanza ai prodotti lattiero-caseari fermentati. Questi sono legati ad un migliore stato di salute dovuto alla loro concentrazione nei probiotici.

Questi batteri possono colonizzare selettivamente il tubo digerente, riuscendo a ridurre l’incidenza di molte patologie infiammatorie. Saranno determinanti per evitare costipazione, diarrea e per migliorare l’assorbimento di alcuni nutrienti.

In ogni caso, limitare gli alimenti ultra-lavorati nella dieta aiuterà a prevenire alterazioni negative del microbiota intestinale. I grassi trans e gli additivi potrebbero ridurre la densità e la diversità dei microrganismi che abitano il tubo.

Obesità infantile trattata con piramide NAOS.
La piramide NAOS promuove una dieta sana e la pratica dell’esercizio fisico per prevenire l’obesità infantile.

Leggere anche: Obesità nei bambini: quando è il caso di preoccuparsi?

Usare varie strategie è l’opzione migliore

La piramide NAOS si concentra sull’offerta di una serie di raccomandazioni sanitarie generali con l’obiettivo di prevenire l’obesità giovanile. Ma ciò non significa che funzioni per tutti, poiché in molti casi è bene osservare da vicino i singoli casi. In caso di dubbi, è meglio rivolgersi ad un nutrizionista per ottenere una dieta su misura.

Per finire, va posta un’enfasi speciale sulla necessità di promuovere le buone abitudini nel loro insieme. Non basta concentrarsi solo sulla dieta. Sarà fondamentale praticare regolarmente attività fisica per consolidare uno stato di salute ottimale.

Potrebbe interessarti ...
Sedentarietà infantile: un’epidemia in aumento
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sedentarietà infantile: un’epidemia in aumento

La sedentarietà infantile è un problema in aumento in quasi tutto il mondo e proprio per questo viene catalogata come una malattia.



  • Aune, D., Giovannucci, E., Boffetta, P., Fadnes, L. T., Keum, N., Norat, T., Greenwood, D. C., Riboli, E., Vatten, L. J., & Tonstad, S. (2017). Fruit and vegetable intake and the risk of cardiovascular disease, total cancer and all-cause mortality-a systematic review and dose-response meta-analysis of prospective studies. International journal of epidemiology46(3), 1029–1056. https://doi.org/10.1093/ije/dyw319
  • de Souza, R. J., Mente, A., Maroleanu, A., Cozma, A. I., Ha, V., Kishibe, T., Uleryk, E., Budylowski, P., Schünemann, H., Beyene, J., & Anand, S. S. (2015). Intake of saturated and trans unsaturated fatty acids and risk of all cause mortality, cardiovascular disease, and type 2 diabetes: systematic review and meta-analysis of observational studies. BMJ (Clinical research ed.)351, h3978. https://doi.org/10.1136/bmj.h3978
  • Martone, A. M., Marzetti, E., Calvani, R., Picca, A., Tosato, M., Santoro, L., Di Giorgio, A., Nesci, A., Sisto, A., Santoliquido, A., & Landi, F. (2017). Exercise and Protein Intake: A Synergistic Approach against Sarcopenia. BioMed research international2017, 2672435. https://doi.org/10.1155/2017/2672435