La bronchite è una malattia contagiosa?

20 Ottobre 2020
La bronchite può presentarsi in forma acuta o cronica. In base al quadro clinico, questa malattia può essere considerata contagiosa o non contagiosa. Continuate a leggere per capire perché.

La bronchite è una patologia potenzialmente contagiosa e caratterizzata da infezione delle vie respiratorie inferiori. Si verifica quando i bronchi dei polmoni si infiammano a causa di un’infezione o per altri motivi, come il tabagismo o l’inalazione prolungata di polveri e gas tossici.

Bisogna distinguere tra due tipi di bronchite: cronica e acuta. Secondo studi epidemiologici, la prima, dalla natura prolungata e di difficile approccio, può colpire fino all’11% della popolazione tra i 20 e i 70 anni di età.

Per questo motivo, è normale chiedersi se la bronchite è contagiosa. A seguire cercheremo di dare una risposta a questo interrogativo.

Tipologie di bronchite

Come anticipato, esistono due tipi di bronchite. Per riassumere, la bronchite acuta è contagiosa, mentre quella cronica non lo è. Continuate a leggere, perché questa affermazione richiede una lunga lista di precisazioni di cui tenere conto.

Infezioni delle vie aeree.
La variante infettiva della bronchite è contagiosa perché causata da batteri o virus.

Tipo acuto

Secondo fonti bibliografiche, oltre 10 milioni di persone negli Stati Uniti si rivolgono ogni anno al proprio medico per richiedere una consulenza su questa malattia. Dunque, potremmo affermare che si tratta di una patologia piuttosto comune.

Così come affermato da altre fonti attendibili, gli agenti infettivi responsabili della bronchite acuta sono nel 90% dei casi virus (adenovirus, virus dell’influenza, virus parainfluenzali, VRS, rinovirus, bocavirus, coxsackie o herpes simplex); nel restante 10% dei casi si tratta di batteri (spicca lo Streptococcus pneumoniae). Si tratta pertanto di una patologia contagiosa.

Secondo gli studi citati, proprio perché associate a infezioni virali, le bronchiti acute seguono uno schema di stagionalità. Vale a dire che si presentano molto spesso nei mesi invernali, in quanto i climi freddi e secchi sono correlati a un maggiore contagio virale.

Prendiamo a esempio il virus dell’influenza, che presenta un indice di riproduzione di base, detto R0, attorno all’1,3 (secondo quanto riportato dal New York Times). Ciò significa che una persona infettar trasmette la malattia ad altre 1,3 persone. La bronchite acuta è soggetta a questi parametri epidemiologici.

Secondo la Mayo Clinic, i sintomi della bronchite acuta si possono riassumere nella seguente lista:

  • Tosse con catarro.
  • Affaticamento.
  • Difficoltà respiratorie.
  • Febbre leggera e brividi.
  • Fitte al petto.

Bisogna dire che questa variante della bronchite è per natura autolimitante; questo significa che passa da sola dopo 10-14 giorni dalla comparsa dei primi sintomi.

Sebbene sia associata soprattutto ad agenti patogeni, la bronchite acuta può essere dovuta anche a processi non infettivi (allergie, inalazioni o reflusso gastroesofageo). Proprio per questo, non tutti i casi di bronchite acuta sono contagiosi, ma la maggior parte sì.

Potrebbe interessarvi anche: Rafforzare i polmoni e respirare meglio: 4 rimedi

Tipo cronico

In questo caso ci troviamo dinnanzi a una patologia a lunga durata, caratterizzata da un’infiammazione ricorrente delle vie aeree, con danni secondari. Come spiega Il National Hearth, Lung and Blood Institute (NIH), la tosse persiste per diversi mesi. Inoltre, spesso si ripresenta per due o più anni consecutivi.

In questo caso non ci muoviamo nel terreno di agenti patogeni. Fonti come la Mayo Clinic assicurano che fino al 75% dei casi sono associati al tabagismo; altri fattori di rischio possono essere l’asma, la fibrosi cistica, l’età o la predisposizione genetica. Inoltre, di solito rientra nel quadro di una grave infezione che prende il nome di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Secondo la Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti (U.S. National Library of Medicine), i sintomi della bronchite cronica sono più gravi e duraturi di quelli della variante acuta. Tra questi si trovano:

  • Tosse prolungata, continua e recidiva, responsabile di catarro in eccesso.
  • Respiro sibilante: un fischio o un sibilo quando si respira.
  • Respiro corto, soprattutto durante gli sforzi fisici.
  • Pressione sul petto.

Nonostante questa patologia sia associata ad agenti non infettivi, non sempre è così. La bronchite cronica può essere causata anche da vari microrganismi, come lo Streptococcus pneumoniae, l’Haemophilus influenzae, Moraxella catarrhalis e Mycoplasma pneumoniae.

Questo rischio è una complicazione che si aggiunge all’infezione delle vie respiratorie e colpisce soprattutto persone che hanno subito una tracheotomia o immunodepresse.

Come prevenire la bronchite?

Per rispondere alla domanda iniziale, ovvero se la bronchite è contagiosa, la risposta è chiara: la variante acuta è in genere di natura infettiva, dunque contagiosa, a differenza di quella cronica. Le misure di prevenzione dipenderanno dal tipo da cui stiamo cercando di tutelarci.

A ogni modo, la Mayo Clinic ha raccolto alcune considerazioni generali di cui tenere conto. Alcune di queste sono le seguenti:

  1. Evitare il contatto ravvicinato con persone affette da influenza e da altre patologie respiratorie. Il contagio dei virus avviene tramite le microparticelle di saliva espulse mediante tosse e starnuti.
  2. Lavarsi spesso le mani con sapone o con disinfettante, soprattutto in inverno e in periodi in cui il rischio epidemiologico è elevato.
  3. Non toccarsi occhi, naso e bocca senza prima avere eseguito una corretta igienizzazione.
  4. Vaccinarsi ogni anno contro l’influenza, soprattutto se si appartiene alle categorie a rischio, come gli anziani al di sopra dei 65 anni.

Queste misure sono atte a prevenire la bronchite acuta, per natura più infettiva. Per prevenire una bronchite cronica, è chiaro che non fumare è la migliore misura preventiva.

Medico che osserva una radiografia polmonare.
La variante cronica rientra nel quadro della BPCO e richiede un trattamento mirato.

Potrebbe interessarvi anche: Polmonite: tipologie e terapie

Conclusioni

A differenza di quanto si possa pensare, i due tipi di bronchite non si distinguono a seconda dell’agente che le cause, bensì per la durata dell’infiammazione dei bronchi.

Proprio per questo, non tutti i casi acuti sono causati da patogeni né tutti quelli cronici lo sono dal fumo. Esistono delle eccezioni, sebbene di solito i virus dell’influenza siano associati alla variante acuta.

In presenza di tosse grassa recidiva, con una durata superiore alle due settimane, bisogna rivolgersi al medico. Il professionista formulerà una diagnosi di bronchite cronica o di altre patologie delle vie respiratorie superiori.

  • Jaén, A., Ferrer, A., Ormaza, I., Rué, M., Domingo, C. H., & Marín, A. (1999). Prevalencia de bronquitis crónica, asma y obstrucción al flujo aéreo en una zona urbano-industrial de Cataluña. Archivos de Bronconeumología35(3), 122-128.
  • CAPÍTULO 67: Bronquitis aguda e infecciones de vías respiratorias altas, ACCESS medicina. Recogido a 11 de septiembre en https://accessmedicina.mhmedical.com/content.aspx?bookid=1532§ionid=101540225
  • Sanz, J. P. (2016). Bronquitis y bronquiolitis. Pediatría integral, 28-37.
  • Coronavirus VS gripe. New York Times. Recogido a 11 de septiembre en https://www.nytimes.com/es/article/coronavirus-vs-gripe.html
  • Bronquitis aguda, mayoclinic.org. Recogido a 11 de septiembre en https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/bronchitis/symptoms-causes/syc-20355566
  • Bronquitis, NIH. Recogido a día 11 de septiembre en https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/espanol/bronquitis
  • Bronquitis crónica, Medlineplus.gov. Recogido a 11 de septiembre en https://medlineplus.gov/spanish/chronicbronchitis.html
  • ¿Es la bronquitis contagiosa? Clinica Mayo. Recogido a 11 de septiembre en https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/bronchitis/expert-answers/acute-bronchitis/faq-20057839#:~:text=S%C3%AD.,contagiosos)%20pueden%20causar%20bronquitis%20aguda.
  • Escarrabill, J. “Enfermedad pulmonar obstructiva crónica (EPOC): visión global y continuidad de cuidados.” Anales de Medicina Interna. Vol. 20. No. 7. Arán Ediciones, SL, 2003.
  • Afione, Cristina, Alejandra Della Sala, and Laura Frank. “Manifestaciones pulmonares en pacientes con sida.” Revista argentina de radiología 72.1 (2008): 93-105.
  • Trigo, José Antonio López, et al. “Vacunación frente a la gripe estacional en las personas mayores. Evaluación de la vacuna tetravalente. Informe de posicionamiento.” Revista Española de Geriatría y Gerontología 53 (2018): 185-202.