La cannabis per alleviare i sintomi della SM: che effetti ha?

L'uso della cannabis potrebbe essere una buona opzione per trattare molti dei sintomi causati dalla sclerosi multipla. Tuttavia, dovrebbe essere un medico a prescriverne l'uso.
La cannabis per alleviare i sintomi della SM: che effetti ha?

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

Molti pazienti in tutto il mondo hanno riferito che l’uso della cannabis li aiuta ad alleviare i sintomi della sclerosi multipla (SM). Tuttavia, le prove sono alquanto ambigue. Al momento non c’è una conclusione definitiva, ma tutto indica che i segnali sono positivi.

La sclerosi multipla è una malattia degenerativa grave e incurabile. Porta all’iperattività nel sistema immunitario che a sua volta provoca gravi danni ai neuroni.

Negli ultimi anni, l’uso della cannabis terapeutica si è diffuso per una serie di condizioni, inclusa la sclerosi multipla. Tutto indica che questa sostanza è in grado di ridurre i problemi muscolari e neuropatici e persino di migliorare la qualità del sonno. Tuttavia, le prove non sono ancora conclusive.

La cannabis per alleviare i sintomi della SM

La SM è una malattia autoimmune che può danneggiare il cervello, il midollo spinale e i nervi ottici. Provoca vari sintomi e questi variano da persona a persona. Tuttavia, è comune che abbia alcune manifestazioni molto fastidiose, come dolore muscolare, spasmi e intorpidimento.

L’uso della cannabis per alleviare i sintomi della SM è noto da tempo. Nello specifico, viene usato un derivato di questa pianta noto come cannabidiolo o CBD. Non contiene tetraidrocannabinolo (TCH), quindi non altera la coscienza.

Esistono 3 tipi di cannabidiolo sul mercato:

  • Isolato di CBD: è cannabidiolo puro e non contiene nessun’altra sostanza presente nella Cannabis spp.
  • CBD ad ampio spettro: non contiene THC, ma contiene altri composti di Cannabis spp.
  • CBD a spettro completo: contiene tracce di THC. Pare che sia il più efficace per i sintomi della SM.

Benefici dell’uso di cannabis per i sintomi della SM

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche sull’uso della cannabis per i sintomi della SM, istituzioni come la National Multiple Sclerosis Society degli Stati Uniti supportano il suo uso. Allo stesso modo, uno studio del 2018 ha rilevato che la maggior parte dei pazienti tollera bene la sostanza.

È stato inoltre indicato che gli effetti avversi erano rari, sebbene avvertendo che in casi specifici questi potevano essere presi in considerazione.

Paziente con sclerosi multipla che perde mobilità.
La SM impedisce le funzioni di base del paziente come la mobilità e provoca problemi respiratori.

Contribuisce al recupero del controllo muscolare

Una ricerca condotta nel 2014 ha concluso che l’uso di cannabis riduce i problemi di rigidità e spasmi muscolari nei pazienti con SM. Pare che l’estratto di cannabis orale (OCE) abbia un effetto positivo.

Tuttavia, una revisione basata su 11 indagini sull’uso della cannabis ha raggiunto risultati diversi: 5 di tali studi hanno indicato che non vi erano prove sufficienti sui benefici della sostanza.

La cannabis può alleviare il dolore

I dati disponibili indicano che l’uso di cannabis è una misura efficace per ridurre il dolore. Questo effetto è stato verificato sia nei pazienti che hanno fumato la sostanza che in quelli che l’hanno ingerita per via orale. Una revisione di una ricerca del 2018 lo ha confermato.

Un utile antinfiammatorio

Sugli animali, sono state condotte varie ricerche sugli effetti della cannabis. Ciò ha permesso di stabilire che l’uso della sostanza riduce i livelli di infiammazione e le sue conseguenze. Tuttavia, sono necessari maggiori studi sull’uomo per corroborare questi risultati.

Aiuta a ridurre i problemi alla vescica

Molte persone con sclerosi multipla hanno problemi di disfunzione vescicale. Secondo una ricerca condotta nel 2014, l’uso della cannabis aiuta a ridurre e gestire i sintomi causati da questa difficoltà.

Altri benefici

Diversi dati indicano che l’uso della cannabis è utile anche nel ridurre altri sintomi comuni nella sclerosi multipla, come affaticamento e prurito. Apparentemente, i pazienti che usano questa sostanza hanno anche meno segni di depressione e dormono meglio.

Possibili rischi e controindicazioni

Uno dei rischi dell’uso della cannabis per trattare i sintomi della SM è che non abbia alcun effetto. Allo stesso modo, questa sostanza non aiuta a controllare una delle manifestazioni più frequenti di questa malattia, ovvero i tremori.

Apparentemente, la maggior parte delle persone non soffre di effetti collaterali dall’uso di questa sostanza, ma in alcuni casi possono verificarsi i seguenti disagi:

  • Frequenza cardiaca elevata.
  • Nausea e vomito.
  • Confusione mentale.
  • Bocca e occhi asciutti.
  • Maggiore appetito.
  • Sonnolenza.
  • Vertigini.
  • Fatica.

Le donne in gravidanza o che allattano non dovrebbero ricorrere all’uso di cannabis. Nemmeno le persone con problemi cardiaci, morbo di Parkinson o coloro che hanno avuto psicosi o assumono determinati farmaci, come il clobazam o l’acido valproico.

Olio di cannabis per la sclerosi multipla.
Gli estratti e gli oli di CBD sono stati legalizzati in diversi paesi.

Scoprite di più: Sclerosi multipla: 14 campanelli d’allarme

Ulteriori raccomandazioni

La cannabis si presenta sotto diversi formati e i suoi derivati medicinali hanno composizioni diverse. Dovrebbe essere il medico ad indicare quale prodotto è indicato per ogni persona. In caso contrario, il trattamento potrebbe risultare inefficiente o rischioso.

Si raccomanda che il preparato non contenga più dello 0,3% di TCH e che sia conforme allo standard ISO 17025. Allo stesso modo, la cannabis che proviene da un laboratorio riconosciuto è più affidabile.

In genere, l’uso della cannabis per alleviare i sintomi della SM è raccomandato sotto forma di oli o creme. Gli oli vengono aggiunti al cibo o applicati direttamente sulla lingua. Esistono anche capsule o spray nasali, ma ci sono poche prove della loro efficacia.

Potrebbe interessarti ...
CBD contro il morbo di Crohn e la colite ulcerosa
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
CBD contro il morbo di Crohn e la colite ulcerosa

Il consumo di CBD è associato a benefici per il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Funziona davvero? Scopritelo!



  • Marijuana FAQs. (s. f.). National Multiple Sclerosis Society. https://www.nationalmssociety.org/Treating-MS/Complementary-Alternative-Medicines/Marijuana/Marijuana-FAQs.
  • Rice J, Cameron M. Cannabinoids for Treatment of MS Symptoms: State of the Evidence. Curr Neurol Neurosci Rep. 2018 Jun 19;18(8):50. doi: 10.1007/s11910-018-0859-x. PMID: 29923025.
  • Koppel, B. S., Brust, J. C., Fife, T., Bronstein, J., Youssof, S., Gronseth, G., & Gloss, D. (2014). Systematic review: efficacy and safety of medical marijuana in selected neurologic disorders: report of the Guideline Development Subcommittee of the American Academy of Neurology. Neurology, 82(17), 1556–1563. https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000000363.
  • Nielsen S, Germanos R, Weier M, Pollard J, Degenhardt L, Hall W, Buckley N, Farrell M. The Use of Cannabis and Cannabinoids in Treating Symptoms of Multiple Sclerosis: a Systematic Review of Reviews. Curr Neurol Neurosci Rep. 2018 Feb 13;18(2):8. doi: 10.1007/s11910-018-0814-x. PMID: 29442178.
  • Vučković, S. (2018). Cannabinoids and Pain: New Insights From Old Molecules. Frontiers. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fphar.2018.01259/full.
  • Koppel, B. S., Brust, J. C., Fife, T., Bronstein, J., Youssof, S., Gronseth, G., & Gloss, D. (2014). Systematic review: efficacy and safety of medical marijuana in selected neurologic disorders: report of the Guideline Development Subcommittee of the American Academy of Neurology. Neurology, 82(17), 1556–1563. https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000000363.
  • Hernández Mendoza, L. M. (2019). Cannabinoides y esclerosis múltiple.