La cervicalgia: sintomi e trattamento

13 Febbraio 2021
La cervicalgia a volte è la conseguenza di una cattiva postura o dell'invecchiamento. Altre volte appare a seguito di lesioni o malattie della colonna vertebrale. Se il dolore al collo dura più di una settimana, consultate il medico.

La cervicalgia è un dolore che interessa il collo e le aree adiacenti. Nella maggior parte del mondo è al secondo posto nell’elenco dei dolori associati alla colonna vertebrale, superato solo dal dolore nella parte bassa della schiena.

La cervicale è l’are con la maggiore mobilità e flessibilità dell’intera colonna vertebrale. Questo dinamismo la rende più esposta a deterioramento, lesioni o sforzi eccessivi. Questi e altri fattori provocano la cosiddetta cervicalgia.

Nella maggior parte dei casi, non è una grave condizione. Normalmente risponde bene ai trattamenti convenzionali e non presenta recidive. Solo raramente i sintomi si acuiscono e sono associati a un problema di salute più grave.

Cos’è la cervicalgia?

La cervicalgia è ciò che comunemente chiamiamo “dolore al collo”. A volte corrisponde a dolore localizzato al collo, ma in altre occasioni si estende alla testa, alla schiena o alle braccia. Può causare dolore alla parte posteriore del collo, formicolio e intorpidimento delle dita e persino vertigini e nausea.

Questo dolore può presentare varie intensità, da un lieve disagio a una sensazione invalidante. È un problema più comune nelle persone con più di 40 anni e colpisce fino al 50% degli over 60. Esistono due tipi di cervicalgia:

  • Acuta: meglio nota come torcicollo. Compare all’improvviso ed è il risultato di una contrattura muscolare. I sintomi scompaiono a breve termine.
  • Cronaca: il dolore persiste per diverse settimane. Si stima che il 10% della popolazione adulta soffra di questo problema.

Leggete anche: Alleviare il dolore cervicale con 3 posizion yoga

Donna con dolore collo.
Con cervicalgia si intende il dolore al collo. Si presenta comunemente con il noto torcicollo.

Cause della cervicalgia

Questo problema è spesso il risultato di un sovraccarico muscolare o di una lesione ai nervi. Entrambi i fattori, a loro volta, possono avere varie cause:

  • Muscolare. Si verifica in presenza di sovraccarichi, sforzi continui, affaticamento o contrattura dei muscoli cervicali. Il trauma provoca anche dolore al collo. Se la causa persiste, i dischi intervertebrali, le vertebre o i nervi potrebbero lesionarsi.
  • Nervosa. Quando i dischi intervertebrali sono lesionati schiacciando un nervo. Traumi, malattie reumatiche o invecchiamento contribuiscono al dolore di natura nervosa. Possono anche provocare un’ernia del disco.

D’altra parte, alcune malattie presentano la cervicalgia tra i vari sintomi. Le più comuni includono: malattie del disco intervertebrale cervicale, stenosi cervicale, artrosi e traumi, in particolare il cosiddetto colpo di frusta.

Scoprite: 5 rimedi naturali per ridurre il dolore cervicale

Sintomi

Il sintomo principale della cervicalgia è sicuramente il dolore al collo. Questa parte del collo appare rigida e fa male durante il movimento. Non è raro che compaiano altri sintomi come:

  • Mal di testa
  • Sensazione di stanchezza o debolezza
  • Nausea e vomito
  • Febbre
  • Vertigini
  • Disturbi visivi
  • Ronzio alle orecchie
  • Formicolio a spalle e mani

Se il dolore è molto forte, compare dopo un colpo o è accompagnato da febbre o vertigini, è meglio consultare un medico il prima possibile. Lo specialista eseguirà un esame oculistico e manuale per valutare la mobilità del rachide cervicale e la funzionalità dei muscoli e delle articolazioni.

Molto spesso richiederà anche radiografie e analisi del sangue. In alcuni casi sarà necessario eseguire una TAC o una risonanza magnetica nucleare. Allo stesso modo, a volte può essere necessaria una puntura lombare se si sospetta la meningite.

Donna con la cervicalgia.
Il sintomo caratteristico della cervicalgia è il dolore al collo. In alcuni casi, tuttavia, è accompagnato da altri disturbi come mal di testa, nausea e vomito, febbre, vertigini e così via.

Cura

Per curare il dolore al collo in genere si procede con un trattamento fisioterapico conservativo al fine di migliorare la mobilità cervicale e rilassare l’area. Di solito include massaggi al collo e l’applicazione di calore sull’area interessata, così come docce a pressione sul collo e sulle spalle.

Il fisioterapista in genere indica una serie di esercizi e indica precise raccomandazioni sull’igiene posturale. In alcuni casi, risultano necessari farmaci leggeri, come antinfiammatori, analgesici o miorilassanti.

I casi più gravi richiedono un intervento chirurgico. Lo scopo è stabilizzare la colonna vertebrale quando il dolore è dovuto a un trauma. Altre volte, si cerca di ridurre la pressione sul midollo spinale o sulle radici nervose.

  • Martín, Y. P., Pulido, B. D., & Pérez, G. L. (2002). Efectividad del tratamiento fisioterápico en pacientes con cervicalgia mecánica. Fisioterapia, 24(3), 165-174.
  • Hurwitz EL, Carragee EJ, van der Velde G, et al. Treatment of Neck Pain: Noninvasive Interventions: Results of the Bone and Joint Decade 2000–2010 Task Force on Neck Pain and Its Associated Disorders. Eur Spine J. 2008;17(Suppl 1):123–152. doi:10.1007/s00586-008-0631-z
  • Binder AI. Neck pain. BMJ Clin Evid. 2008;2008:1103. Published 2008 Aug 4.
  • InformedHealth.org [Internet]. Cologne, Germany: Institute for Quality and Efficiency in Health Care (IQWiG); 2006-. What can you do about non-specific neck pain? 2015 Dec 2 [Updated 2019 Feb 14]. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK338118/
  • Cohen, S. P. (2015). Epidemiology, diagnosis, and treatment of neck pain. In Mayo Clinic Proceedings (Vol. 90, pp. 284–299). Elsevier Ltd. https://doi.org/10.1016/j.mayocp.2014.09.008