La dieta migliore per ridurre l'infiammazione

La dieta migliore per ridurre l'infiammazione

Ultimo aggiornamento: 07 giugno, 2020

A che cosa può servire seguire una dieta per ridurre l’infiammazione? Prima di tutto, a godere di una qualità di vita migliore e, inoltre, anche a controllare il nostro peso. Una dieta troppo ricca di alimenti confezionati, infatti, causa molte malattie che possiamo imparare a evitare. Nelle righe che seguono vi spieghiamo perché.

1. L’importanza di una dieta contro l’infiammazione

Perché il nostro corpo si infiamma? Di certo ve lo sarete chiesti in più di un’occasione. Tutti noi abbiamo avuto giornate in cui ci svegliamo gonfi e infiammati, afflitti da un malessere indefinito che ci fa sentire lenti e molto stanchi.

Bisogna sapere, per esempio, che mangiare troppi carboidrati o molto zucchero fa sì che l’organismo rilasci più insulina del normale. Una parte andrà nei muscoli per essere conservata, il che può essere positivo se facciamo molto esercizio, perché aiuta a rafforzarli.

Tuttavia, se ne produciamo troppa, questa rimarrà nel sangue come agente tossico, causando infiammazioni e accumulo di grasso. L’infiammazione, quindi, è un meccanismo di difesa naturale volto a proteggerci contro le sostanze tossiche.

A volte è causata da un virus, oppure dall’eccesso di insulina, da sostanze esterne, da urti, da infezioni, ecc. Ma attenzione: anche un meccanismo di difesa non è sempre positivo.

Ci sono casi in cui l’infiammazione è cronica e attacca i tessuti sani, come nel caso del diabete di tipo 1, l’artrite reumatoide, il lupus, ecc., e, di conseguenza, va evitata.

2. Dieta per prevenire l’infiammazione

l'infiammazione colpisce soprattutto le donne

I medici ci dicono che sono le donne a essere generalmente più inclini alle infiammazioni. Alcuni alimenti le fanno stare male, perché il loro corpo li sintetizza in modo diverso da quello degli uomini.

Si tratta di un aspetto che va tenuto in considerazione, perché l’infiammazione, a lungo termine, accelera l’invecchiamento, favorendo l’insorgere di problemi che tutti vogliono evitare, come l’obesità, l’ipertensione, il diabete, l’artrite, il morbo di Alzheimer, le malattie cardiache, ecc. Tenetelo a mente!

Che cosa ne dite, quindi, di prendere nota dei seguenti alimenti per ridurre l’infiammazione?

Gli alimenti ricchi di acidi grassi omega-3

le noci sono ricche di acidi grassi omega-3

Secondo l’American Journal of Clinical Nutrition, gli alimenti ricchi di acidi grassi omega 3 sono ideali per ridurre l’infiammazione. Se vogliamo stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue, dobbiamo nutrirci con cibi a basso indice glicemico e grassi salutari che ci permettono di raggiungere un giusto equilibrio.

Uno dei peggiori errori che possiamo commettere consiste nel mangiare troppi grassi omega-6, che producono composti simili ad alcune varietà di ormoni chiamati eicosanoidi, che causano infiammazione cronica. Quali alimenti ricchi di omega 3 possiamo consumare?

  • Pesce azzurro
  • Salmone
  • Noci
  • Semi di chia
  • Semi di zucca.

I salutari agrumi

gli agrumi sono ottimi per ridurre l'infiammazione dei tessuti

I nutrizionisti ci raccomandano soprattutto un frutto: il pompelmo. Semplicemente meraviglioso. Tuttavia, vanno bene anche le arance, i limoni, il kiwi, il mango… Se sono troppo maturi, però, vanno evitati, perché contengono molto zucchero. Perché gli agrumi ci aiutano quando soffriamo di infiammazioni?

Fondamentalmente perché contengono alte dosi di vitamina C, vitamina E e flavonoidi, ideali per ridurre l’infiammazione dei tessuti. I medici dicono che mangiare un pompelmo al giorno, per esempio, ridurrà i livelli di proteina C-reattiva, una proteina che provoca la tanto temuta infiammazione.

Il succo di pomodoro

succo di pomodoro

Vi piacciono i pomodori? Non esitate a utilizzarli preparando deliziose insalate. Il pomodoro è ricco di licopene che, come sapete, è un ottimo antiossidante ricco di benefici.

Il pomodoro è anche una preziosa fonte di minerali e vitamine, in particolare A e C, ottimo per prenderci cura del nostro sistema digestivo e per disinfettare e purificare il nostro corpo.

Vale la pena prendere in considerazione anche una ricerca pubblicata recentemente sul British Journal of Nutrition, che consiglia di bere un bicchiere di succo di pomodoro al giorno per 12 giorni al mese. Ricordatevi di seguire il consiglio!

Per saperne di più, leggete anche: La dieta del pomodoro

Verdure a foglia verde

la verdura a foglia verde è ricca di vitamina K

Sapete quali sono le verdure a foglia verde? Spinaci e broccoli, in particolare, sono le più sane e vantaggiose. Sono ricche di vitamina K, un elemento essenziale per ridurre l’infiammazione.

Tenete presente che la vitamina K è di solito presente in grandi quantità nel colon, quindi se alziamo i sui livelli nel corpo, rafforzeremo questo organo e miglioreremo la sua capacità di purificare l’organismo, eliminando le tossine che ci infiammano.

I grandi vantaggi del riso nero

il riso nero è uno dei cereali più ricchi di antiossidanti e minerali

Avete mai provato il riso nero? È molto sano e benefico. Si tratta di una varietà di riso che riduce l’infiammazione correlata ad allergie o asma, soprattutto perché, secondo uno studio del Journal of Agricultural and Food Chemistry, diminuisce del 30% il rilascio di istamina.

Bisogna anche considerare che è uno dei cereali più ricchi di antiossidanti e minerali, ottimo per regolare il nostro peso, prenderci cura del cuore, prevenire il diabete e apportare molta energia all’organismo.

Potrebbe interessarti ...
Alimenti da evitare in caso di infiammazione
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alimenti da evitare in caso di infiammazione

Dato che alcuni alimenti possono aggravare l'infiammazione o provocare reazioni avverse, è importante ridurne il consumo e sostituirli.



  • Harshman, S. G., & Shea, M. K. (2016). The role of vitamin K in chronic aging diseases: inflammation, cardiovascular disease, and osteoarthritis. Current nutrition reports5(2), 90-98. Available at: https://link.springer.com/article/10.1007/s13668-016-0162-x. Accessed 09/03/2020.
  • Ludwig, D. S., & Ebbeling, C. B. (2018). The carbohydrate-insulin model of obesity: beyond “calories in, calories out”. JAMA internal medicine178(8), 1098-1103. Available at: https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/article-abstract/2686146. Accessed 09/03/2020.
  • MedlinePlus (2018). Carbohidratos. Available at: https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/002469.htm. Accessed 09/03/2020.
  • MedlinePlus (2018). Respuesta inmunitaria. Available at: https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/000821.htm. Accessed 09/03/2020.
  • Min, S. W., Ryu, S. N., & Kim, D. H. (2010). Anti-inflammatory effects of black rice, cyanidin-3-O-β-D-glycoside, and its metabolites, cyanidin and protocatechuic acid. International immunopharmacology10(8), 959-966. Available at: https://doi.org/10.1016/j.intimp.2010.05.009. Accessed 09/03/2020.
  • Nagendra Prasad, M. N., Sanjay, K. R., Shravya Khatokar, M., Vismaya, M. N., & Nanjunda Swamy, S. (2011). Health benefits of rice bran–a review. J Nutr Food Sci1(3), 1-7. Available at: https://doi.org/10.1016/j.gaost.2019.09.005. Accessed 09/03/2020.
  • Oliveira, M. C., Menezes‐Garcia, Z., Henriques, M. C., Soriani, F. M., Pinho, V., Faria, A. M., … & Ferreira, A. V. (2013). Acute and sustained inflammation and metabolic dysfunction induced by high refined carbohydrate‐containing diet in mice. Obesity21(9), E396-E406. Available at: https://doi.org/10.1002/oby.20230. Accessed 09/03/2020.
  • Reyes, M. (2010). Características inflamatorias de la obesidad. Revista chilena de nutrición37(4), 498-504. Available at: https://scielo.conicyt.cl/scielo.php?pid=S0717-75182010000400011&script=sci_arttext&tlng=en. Accessed 09/03/2020.
  • Rizzo, M. R., Abbatecola, A. M., Barbieri, M., Vietri, M. T., Cioffi, M., Grella, R., … & Paolisso, G. (2008). Evidence for anti-inflammatory effects of combined administration of vitamin E and C in older persons with impaired fasting glucose: impact on insulin action. Journal of the American College of Nutrition27(4), 505-511. Available at: https://doi.org/10.1080/07315724.2008.10719732. Accessed 09/03/2020.
  • Wall, R., Ross, R. P., Fitzgerald, G. F., & Stanton, C. (2010). Fatty acids from fish: the anti-inflammatory potential of long-chain omega-3 fatty acids. Nutrition reviews68(5), 280-289. Available at: https://doi.org/10.1111/j.1753-4887.2010.00287.x. Accessed 09/03/2020.
  • Yaping, Z., Wenli, Y., Weile, H., & Ying, Y. (2003). Anti-inflammatory and anticoagulant activities of lycopene in mice. Nutrition Research23(11), 1591-1595. Available at: https://doi.org/10.1016/S0271-5317(03)00177-5. Accessed 09/03/2020.