La dieta Optavia: cosa è e a cosa serve?

La dieta Optavia è diventata popolare tra chi desidera perdere peso. Tuttavia, solleva molti dubbi. Scoprite perché.
La dieta Optavia: cosa è e a cosa serve?

Ultimo aggiornamento: 10 giugno, 2022

La dieta Optavia è un programma dimagrante che combina un basso apporto calorico e di carboidrati con esercizi personalizzati. È un piano che include prodotti alimentari preconfezionati, noti come Optavia Fueling e altri piatti principali che sono solitamente fatti in casa.

Per saperne di più su questa dieta, continuate a leggere l’articolo. Vi diremo a cosa serve, i pro, i contro e se funziona davvero.

Cos’è è la dieta Optavia?

Questo programma per la perdita di peso, creato dall’azienda americana Medifast, sostituisce i pasti con gli spuntini; vengono chiamati carburanti e sono prodotti dalla stessa azienda.

Prevede 6 pasti confezionati al giorno ricchi di verdure verdi, fibre e proteine. Ma è un piano a basso contenuto di carboidrati, legumi e cereali. Ha tre obiettivi principali:

  1. perdere peso.
  2. Mangiare sano.
  3. Mantenere il peso.

A fare la differenza è quanto mangiamo e quanto ci alleniamo. In tutte le sue forme limita l’alcol, i dolci ipercalorici e le bibite.

Si segue il seguente schema:

  • per dimagrire: 4 pasti Optavia, 2 con verdure e proteine magre e 1 spuntino sano.
  • Mangiare più sano: 5 pasti Optavia e 1 con carni magre e verdure.
  • Per mantenere il peso: 3 pasti Optavia e 3 pasti ricchi di proteine e verdure.

Nonostante tutto, è una dieta dimagrante molto controversa. Essendo un regime ad alto contenuto proteico, può causare alcuni effetti collaterali a livello intestinale.

Perdi peso con la dieta Optavia.
L’obiettivo principale della dieta Optavia è perdere peso. Quindi si può continuare per mantenere il peso raggiunto.

Potenziali benefici della dieta Optavia

La dieta ha potenziali benefici per la salute. Esaminiamo una per una le basi scientifiche.

Stimola la perdita di peso

Poiché si tratta di ridurre calorie e carboidrati con porzioni controllate, è considerata efficace per la perdita di peso. In effetti, limita l’assunzione giornaliera tra le 800 e le 1.000 calorie.

Vari studi confermano che la riduzione dell’apporto calorico totale è efficace per la perdita di peso. Uno studio che ha coinvolto 609 partecipanti randomizzati in due gruppi (uno con una dieta sana a basso contenuto di grassi per 12 mesi e uno con una dieta sana a basso contenuto di carboidrati) ha rilevato che il gruppo che seguiva il regime a basso contenuto di carboidrati ha perso più peso.

Un altro studio è giunta alla stessa conclusione. 60 partecipanti, divisi in due gruppi con una dieta a basso contenuto di carboidrati e una dieta a basso contenuto di grassi, hanno ottenuto lo stesso risultato.

In un altro studio specifico sui piani commerciali di perdita di peso, i partecipanti che hanno utilizzato la dieta Optavia per 16 settimane hanno ottenuto una significativa perdita di peso.

Può essere facile da seguire

L’azienda Medifast assicura che la dieta è facile da seguire, poiché occorre solo attenersi al programma alimentare e a registrare ogni pasto. Inoltre, include ricette specifiche e occorre cucinare solo una volta al giorno.

Tra gli alimenti ammessi nei pasti preparati in casa troviamo:

  • uova.
  • Tofu.
  • Carne.
  • Oli vegetali.
  • Grassi sani
  • Pesce e crostacei.
  • Condimenti ed erbe aromatiche.
  • Verdure a basso contenuto di carboidrati.
  • Bevande e snack senza zucchero.

Non sono consentiti:

Aiuta a regolare la pressione

L’azienda afferma che il suo programma è progettato per migliorare la pressione arteriosa. Ciò sarebbe motivato dalla perdita di peso e dall’assunzione limitata di sodio.

Gli studi concludono che una maggiore assunzione di sodio è associata a pressione alta e malattie cardiache. Tuttavia non è provato scientificamente che la dieta Optavia migliori la salute cardiovascolare.

Svantaggi della dieta Optavia

Oltre ad offrire benefici, la dieta Optavia è associata anche ad alcuni problemi noti.

Ristretto apporto calorico

Il corpo ha bisogno tra 2.000 e 2.400 calorie per funzionare correttamente. Il programma Optavia fornisce solo tra 800 e 1.400 calorie.

È stato dimostrato in studi scientifici che le diete ipocaloriche, se portano alla perdita di peso, causano anche una significativa perdita di massa muscolare.

Il problema sarebbe anche un inadeguato apporto di nutrienti. Ciò ha un impatto sulle donne in gravidanza, sugli atleti o su coloro che svolgono poca attività fisica.

Inoltre, le diete ipocaloriche aumentano la fame e la voglia di cibo. Secondo le ricerche, questi piani possono favorire il recupero a lungo termine del peso perso, come effetto di rimbalzo.

Può essere difficile da seguire

Essendo restrittiva e facendo affidamento in gran parte sui pasti confezionati, è facile stancarsi della dieta e cominciare a barare. Inoltre, non è controllata da un nutrizionista e non è previsto un monitoraggio rigoroso.

Ha un costo elevato

I piani offerti dalla dieta sono diversi. I prezzi variano a seconda del numero di porzioni.

Il piano più costoso, che contiene 140 porzioni, ha un prezzo di circa 472,95 dollari. Il più economico, che contiene solo 7 porzioni, costa 20,75 dollari.

L'uomo paga per una dieta Optavia.
I costi della dieta Optavia non sono indifferenti. Richiedono una notevole spesa per l’acquisto delle porzioni.

I prodotti sono altamente elaborati

Questa è una delle grandi preoccupazioni di chi non è d’accordo con la dieta. I pasti Optavia contengono alti livelli di sostituti dello zucchero, additivi alimentari e oli vegetali trasformati.

Numerosi studi hanno scoperto che gli additivi alimentari hanno un impatto sul sistema immunitario, alterano il metabolismo e contribuiscono all’obesità. Ulteriori ricerche rivelano che i dolcificanti influiscono sul microbiota intestinale, causando problemi digestivi.

Inoltre, nei pasti sostitutivi si possono trovare addensanti come la carragenina. È stato dimostrato che negli animali questa sostanza può causare infiammazioni intestinali.

Nessun monitoraggio da parte di un esperto

Per seguire la dieta Optavia, la prima cosa da fare è parlare al telefono con un trainer: sarà lui a progettare un piano sulla base dei vostri obiettivi.

Ad esempio, nel piano 5:1, mangerete 5 Optavia Nutritious Foods e 1 Lean Green Food ogni giorno. Inoltre, farete esercizio ad alta intensità 30 minuti al giorno.

Tuttavia, il tutor è solitamente una persona che ha avuto successo nella dieta e nella perdita di peso. Non è un professionista della salute o un nutrizionista.

Poiché al tutor viene pagata una commissione in base ai pasti che vende, probabilmente vi spingerà ad acquistare il più possibile.

Esistono di due tipi di pasti sostitutivi: essenziali ed elettivi. I primi sono versioni dietetiche dei piatti classici di una dieta americana. Gli elettivi sono “sapori diversi e deliziosi da tutto il mondo.

Meglio farsi seguire da un nutrizionista, se scegliete la dieta Optavia

Il consiglio è sempre quello di seguire una dieta affidandovi ad un nutrizionista.

Questo vi garantirà un monitoraggio del vostro stato di salute prima, durante e dopo il piano alimentare. In questo modo sarete sicuri che la perdita di peso e il processo siano sani e non danneggino il corpo.

Potrebbe interessarti ...
Perdere peso con l’aceto di mele, è possibile?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Perdere peso con l’aceto di mele, è possibile?

Perdere peso con l'aceto di mele è possibile solo se lo consideriamo il complemento di uno stile di vita sano. Ecco tutte le sue proprietà.



  • Christopher D Gardner. Effect of Low-Fat vs Low-Carbohydrate Diet on 12-Month Weight Loss in Overweight Adults and the Association With Genotype Pattern or Insulin Secretion: The DIETFITS Randomized Clinical Trial. JAMA. 2018 Feb 20;319(7):667-679. doi: 10.1001/jama.2018.0245.
  • Bazzano L. Effects of low-carbohydrate and low-fat diets: a randomized trial. Ann Intern Med. 2014 Sep 2;161(5):309-18. doi: 10.7326/M14-0180.
  • LM Arterburn. Randomized controlled trial assessing two commercial weight loss programs in adults with overweight or obesity. Obes Sci Pract. 2019 Feb; 5(1): 3–14.
  • William B. Farquhar. Dietary Sodium and Health: More Than Just Blood Pressure. J Am Coll Cardiol. 2015 Mar 17; 65(10): 1042–1050. doi: 10.1016/j.jacc.2014.12.039
  • Edda Cava. Preserving Healthy Muscle during Weight Loss. Adv Nutr. 2017 May 15;8(3):511-519. doi: 10.3945/an.116.014506. Print 2017 May
  • Christopher L. Melby. Attenuating the Biologic Drive for Weight Regain Following Weight Loss: Must What Goes Down Always Go Back Up?. Nutrients. 2017 May; 9(5): 468. Published online 2017 May 6. doi: 10.3390/nu9050468
  • Heitor A. Effects of Food Additives on Immune Cells As Contributors to Body Weight Gain and Immune-Mediated Metabolic Dysregulation. Front Immunol. 2017; 8: 1478. Published online 2017 Nov 6. doi: 10.3389/fimmu.2017.01478
  • Francisco Javier Ruiz-Ojeda. Effects of Sweeteners on the Gut Microbiota: A Review of Experimental Studies and Clinical Trials.
    Adv Nutr. 2019 Jan; 10(Suppl 1): S31–S48. Published online 2019 Feb 5. doi: 10.1093/advances/nmy037
  • John Vincent Martino. The Role of Carrageenan and Carboxymethylcellulose in the Development of Intestinal Inflammation.
    Front Pediatr. 2017; 5: 96. Published online 2017 May 1. doi: 10.3389/fped.2017.00096