Liberare i seni paranasali: 3 modi efficaci

· 5 Marzo 2019
Anche se non si tratta dell'unica funzione svolta dal naso, poiché si incarica anche di quella difensiva, olfattiva e fonatoria, quella respiratoria è la più importante.

Per portare a termine il processo respiratorio, è necessario inspirare ed espirare. Tuttavia, la presenza di muco in eccesso non sempre lo permette e risulta necessario liberare i seni paranasali.

I seni paranasali sono le ossa che comunicano con la cavità nasale. Sono rivestiti da una mucosa e hanno il compito di mantenere umida la zona, equilibrare il riscaldamento dell’aria che entra e alleviare il peso esercitato dalle ossa.

Questo è particolarmente utile in inverno, quando la congestione nasale diventa il nemico principale. In questo periodo dell’anno, tali cavità si infiammano e ostacolano le attività che deve portare a termine il naso a causa di un’infezione, un virus o un’allergia.

L’aria dovrebbe passare senza complicazioni; se non succede, si manifestano malesseri coma la sinusite, che è causata da raffreddori, influenze o batteri.

Come liberare i seni paranasali? Fate attenzione alle seguenti indicazioni.

Rimedi per liberare i seni paranasali

1. Lavaggi con sale

Sale e acqua

L’eccesso di muco nei seni paranasali peggiora durante la notte. Per evitare questo fastidioso sintomo, si consiglia di realizzare un lavaggio nasale con acqua e sale prima di andare a dormire.

Questo aiuterà a liberare i seni paranasali, pulire la zona e a ridurre l’infiammazione.

Ingredienti

  • 3 cucchiaini di sale (15 g)
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (5 g)
  • 1 tazza di acqua distillata o bollita (250 ml)

Utensili

  • Pera di gomma o contagocce

Preparazione

  • Prima di tutto, aggiungete il sale all’acqua distillata e mescolate bene.
  • Aggiungete il bicarbonato e continuate a mescolare.
  • Dovete ottenere una miscela incolore.

Modo d’uso

  • Dovete solo riempire la pera o il contagocce a metà.
  • Inclinate la testa verso il lato sinistro e inalate tramite la bocca.
  • Versate lentamente la soluzione nella narice destra e aspettate che esca da quella sinistra.
  • Se sentite che la soluzione va nelle orecchie o nella gola, cambiate posizione.
  • Ripetete con la narice sinistra.
  • Infine soffiatevi il naso per rimuovere residui e muco accumulato.

Leggete anche: 7 rimedi casalinghi per il mal di gola 

2. Suffumigi

Ragazza che fa suffumigi

I suffumigi puliscono e idratano in modo naturale. Inoltre, drenano la zona e migliorano il sistema cardiovascolare, perché eliminano le tossine.

Favoriscono anche il rilascio di endorfine rilassando le zone rigide.

Preparazione

  • Mettete a bollire un po’ d’acqua per ottenere il vapore.

Modo d’uso

  • Avvicinate il viso alla pentola.
  • Inalate ed espirate lentamente per pulire la zona.
  • Fatelo per 5 minuti.
  • Inumidite un asciugamano e appoggiatelo al viso.
  • Aspettate che si raffreddi prima di toglierlo.

Leggete anche: Rimedi naturali per la congestione nasale  

3. Massaggi con olio

Oli naturali per liberare i seni paranasali

Uno degli oli terapeutici più efficaci per liberare i seni paranasali è l’olio di origano. Presenta proprietà antiossidanti e sostanze depurative che lo rendono il rimedio perfetto in caso di infezioni 

Se, inoltre, viene unito all’olio di mandorle, il risultato sarà migliore, perché idrata la pelle.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di olio di mandorle (15 g)
  • 2 gocce di olio di origano

Preparazione

  • Prima di tutto, è importante che vi laviate bene mani e viso.
  • Poi unite l’olio di mandorle con le 2 gocce di olio di origano.

Modo d’uso

  • Mettete la miscela nelle mani e sfregate delicatamente i seni paranasali.
  • Mentre realizzate movimenti circolari nella zona, inspirate ed espirate lentamente per poter assorbire l’aroma degli oli e le loro proprietà.
  • Fatelo per 5 minuti e la vostra respirazione migliorerà.

Ulteriori consigli 

  • Consumate vitamine per rafforzare le difese e poter combattere i sintomi.
  • Bevete infusi caldi per decongestionare le vie respiratorie.
  • Collocate 3 volte al giorno compresse calde sui seni paranasali.
  • Aumentate la quantità di liquidi assunta così da mantenervi idratati.
  • Evitate di fumare o di stare in aree fumatori.
  • Non soffiatevi sempre il naso, altrimenti lo seccherete.
  • Non dormite a pancia in giù per evitare la proliferazione di batteri e funghi.
  • Mantenete gli ambienti privi di polvere.
  • Non smettete di fare sport, dato che il rilascio di endorfine allevia il dolore.

La prossima volta che un virus vorrà entrare nel vostro corpo, saprete già come agire. Eliminatelo!

  • Spaeth, J., Krügelstein, U., & Schlöndorff, G. (1997). The paranasal sinuses in CT-imaging: Development from birth to age 25. International Journal of Pediatric Otorhinolaryngology. https://doi.org/10.1016/S0165-5876(96)01458-9
  • Bolger, W. E., Clement, P. A. R., Hosemann, W., Kuhn, F. A., Lanza, D. C., Leopold, D. A., … Zinreich, S. J. (1995). Paranasal sinuses: Anatomic terminology and nomenclature. In Annals of Otology, Rhinology and Laryngology. https://doi.org/10.1177/000348949510410s01
  • Cady, R. K., & Schreiber, C. P. (2004). Sinus headache: A clinical conundrum. Otolaryngologic Clinics of North America. https://doi.org/10.1016/S0030-6665(03)00181-6