Ormone della colecistochinina: cos'è e a cosa serve?

Lo sapevi che la sensazione di sazietà che proviamo quando mangiamo ha a che fare con l'ormone della colecistochinina? Continua a leggere per scoprire quali altre funzioni svolge nel corpo.
Ormone della colecistochinina: cos'è e a cosa serve?

Ultimo aggiornamento: 03 ottobre, 2022

La colecistochinina è un ormone, noto anche come CCK (colecistochinina). In precedenza era chiamata pancreocimina, per la sua azione stimolante sulla secrezione del pancreas.

Viene prodotto nel duodeno, dalle cellule che rivestono questa porzione dell’intestino tenue, ma è secreto anche nel cervello da alcuni neuroni e persino nell’ipotalamo. Ha recettori nel sistema nervoso centrale e nel sistema digestivo.

In generale, le funzioni dell’ormone della colecistochinina sono legate al controllo dell’appetito e della digestione. Allo stesso modo, è considerato un neurotrasmettitore, motivo per cui ricerche recenti attribuiscono un ruolo nei disturbi d’ansia.

Come si forma l’ormone della colecistochinina?

I primi studi sulla colecistochinina risalgono a quasi un secolo fa. Questo ormone è stato identificato nel 1928 da Ivy e Oldberg, nelle secrezioni della mucosa gastrica di cani e gatti. Nel 1964, Jorpes e Mutt lo isolarono per la prima volta e ne descrissero la sequenza di amminoacidi.

La colecistochinina è un peptide secreto dalle cellule della mucosa del duodeno. Sebbene sia generato anche in altri segmenti dell’intestino tenue, proprio come ci sono i nervi che producono nel colon.

La colecistochinina è stimolata da vari polipeptidi, trigliceridi, carboidrati, ioni idrogeno e calcio, attraverso la via parasimpatica. Le molecole CCK sono sintetizzate e rilasciate in vari modi. Il gene codificante si trova sul cromosoma 3. Inoltre, nell’intestino tenue è stato identificato un precursore della colecistochinina.

I peptidi bioattivi CCK sono derivati dall’ultima porzione amminoacidica di questo precursore. A seconda del tessuto in cui si trova, esistono diverse miscele con lunghezze diverse. Sono state descritte formule molecolari che differiscono per il numero di amminoacidi: CCK-8, CCK-39, CCK-58. Il principale è il CCK-33.

È nel cervello che viene prodotta la maggior parte della colecistochinina. E i neuroni che lo compongono sono i più abbondanti rispetto a qualsiasi altro neuropeptide.

Intestino tenue che produce colecistochinone.
Il CCK è prodotto nell’apparato digerente, ma anche nel cervello, motivo per cui è considerato sia un neurotrasmettitore che un ormone.

Leggi anche: Tiroxina: cos’è e a quali malattie è associata?

Funzioni della colecistochinina

La colecistochinina si trova in proporzioni uguali nella mucosa intestinale e nel cervello. Pertanto, si presume che le sue funzioni nell’apparato digerente siano tanto importanti quanto quelle nel sistema nervoso, sebbene quest’ultimo non sia ancora compreso in dettaglio.

1. Regolamentazione dell’appetito

Tra i diversi tipi di ormoni, ci sono i cosiddetti enterormoni, di cui fa parte la colecistochinina, insieme alla secretina e alla gastrina. Regolano le funzioni secretorie e la motilità dell’apparato digerente, partecipando ai meccanismi di controllo della fame e della sazietà.

Secondo la ricerca, gli stimoli che hanno la capacità di agire sull’ipotalamo, diminuendo l’appetito e aumentando il dispendio energetico, provengono dal sistema gastrointestinale. Le sostanze coinvolte sono glucagone, bombesina, colecistochinina e glucosio.

Quindi la funzione principale della colecistochinina ha a che fare con la digestione. In questo senso, questo ormone regola la velocità con cui il cibo viene svuotato dallo stomaco, agendo sullo sfintere pilorico. Stimola anche la produzione e la consegna della bile, aumentando gli enzimi rilasciati dal pancreas.

Allo stesso modo, favorisce il rilascio degli acidi dello stomaco che partecipano alla decomposizione del cibo ingerito. Inoltre, svolge le seguenti funzioni metaboliche:

  • Aiuta a regolare il passaggio della bile, rilassando lo sfintere di Oddi.
  • Rilassa lo sfintere esofageo inferiore.
  • Aumenta la motilità dell’intestino tenue e del colon.
  • Aumenta la secrezione di acqua ed elettroliti nell’intestino.
  • Stimola il rilascio di insulina.

2. Fame e sazietà

La colecistochinina esercita funzioni di neurotrasmettitore e neuromodulatore a livello cerebrale. Si ritiene che agisca sul centro della sazietà, situato nell’ipotalamo mediale, diminuendo l’appetito. L’effetto di sazietà è mediato dalla concentrazione di enzimi pancreatici nell’intestino e dura da circa 80 a 90 minuti.

La ricerca suggerisce che la risposta anoressica è mediata dalla stimolazione dei recettori CCK1 situati nel nervo vago. Questo segnale raggiunge il centro di sazietà attraverso il nucleus tractus solitarius e riduce la necessità di mangiare cibo.

3. Disturbi dell’umore e d’ansia

L’azione della colecistochinina sul sistema nervoso centrale non è stata ancora completamente compresa. Apparentemente svolge funzioni ansiogeniche e modulanti delle emozioni nei circuiti neuronali.

È stato riscontrato che la colecistochinina rilasciata nel cervello può avere un impatto sull’ansia, poiché le risposte ansiose vengono prodotte quando vengono somministrati gli agonisti del CCK. D’altra parte, potrebbe svolgere un ruolo nell’inibire o aumentare i livelli di dopamina, che a sua volta avrebbe un impatto sull’umore.

Cosa succede quando ci sono alterazioni nei livelli di colecistochinina?

In alcune persone obese sono stati trovati livelli di colecistochinina inferiori al normale. Questa carenza di CCK è stata descritta come parte della sindrome polighiandolare autoimmune.

Finora, è noto che concentrazioni sieriche elevate di colecistochinina alterata possono indicare un’insufficienza pancreatica esocrina, quindi i livelli di CCK sono testati per la diagnosi o il rilevamento di questa patologia. D’altra parte, gli studi hanno analizzato il ruolo fisiologico della CCK nel sarcoma di Ewing, dimostrando che agisce come un fattore di crescita maligno.

Livelli alterati di colecistochinina sono stati determinati anche nelle persone con tumori endocrini. Soprattutto quando si tratta di formazioni ipofisarie, carcinomi tiroidei e tumore del pancreas.

Infine, ci sono prove che l’espressione della colecistochinina all’interno del cervello possa svolgere un ruolo chiave nella patogenesi di alcuni tipi di schizofrenia. Sebbene siano necessari ulteriori studi.

Il pancreas è il sito d'azione del colecistochinone.
Il pancreas è uno degli organi bersaglio dell’azione del CCK.

Relazione tra colecistochinina e Alzheimer

Un recente studio pubblicato sulla rivista Nerubiology of Aging ha mostrato che livelli elevati di colecistochinina potrebbero prevenire il morbo di Alzheimer. Essendo sintetizzato nell’ippocampo, funziona come un neurotrasmettitore fondamentale nel mantenimento della memoria.

Lo studio è stato condotto su 287 persone diverse. Punteggi elevati della colecistochinina erano associati a una minore probabilità di declino cognitivo e di Alzheimer. Inoltre, queste persone avevano punteggi globali migliori, una maggiore quantità di materia grigia e una memoria migliore.

L’ormone dell’appetito e dell’ansia

L’ormone della colecistochinina ha a che fare con il controllo dell’appetito. Anche se si ritiene che possa anche essere correlato all’ansia e al panico.

Ci sono persone con alti livelli di colecistochinina che non mostrano sintomi di alcun disturbo o malattia. Tuttavia, sono ancora in corso studi per scoprire quanto sia determinante per l’obesità e per la salute in generale.

Se pensi di soffrire di ansia o disturbi dell’appetito, puoi consultare un endocrinologo per valutare se i tuoi ormoni potrebbero influire su di te. Un semplice laboratorio chiarirà alcuni dubbi.

Potrebbe interessarti ...
Malattie della tiroide e umore: in che modo sono collegati?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Malattie della tiroide e umore: in che modo sono collegati?

Il complesso rapporto tra malattie della tiroide e umore è dimostrato da tempo e confermato dall'attuale ricerca scientifica.



  • Arteche I. Trastornos de la motilidad: una visión desde la sintergética. Medwave. 2007; 7(8): e3252. doi: 10.5867/medwave.2007.08.3252.
  • Carranza L. Fisiología del apetito y el hambre. Enfermería Investiga. 2016; 1(3): 117-124.
  • Crawley J, Corwin R. Biological actions of cholecystokinin. Peptides. 1994; 15(4): 731–755.
  • Dockray G. Cholecystokinin. Current Opinion in Endocrinology, Diabetes and Obesity. 2012; 19(1): 8-12.
  • González M, Ambrosio K, Sánchez S. Regulación neuroendócrina del hambre, la saciedad y mantenimiento del balance energético. Medigraphic Artemisa. 2006; 8(3): 191-200.
  • Rehfeld J. Cholecystokinin-From local gut hormone to ubiquitous messenger.Frontiers in Endocrinology. 2017; 8: 1-8.
  • Strader A, Woods S. Gastrointestinal hormones and food intake. Gastroenterology 2005; 128: 175-191.
  • Smith J, Solomon T. Cholecystokinin and pancreatic cancer: The chicken or the egg? American Journal of Physiology – Gastrointestinal and Liver Physiology. 2014; 306(2): 1-46.
  • Crespo C, González M, Fontans S,  Romaní M, et al. Las hormonas gastrointestinales en el control de la ingesta de alimentos. Endocrinología y nutrición. 2009; 56 (6): 317-330.
  • Plagman A, Hoscheidt S, McLimans KE, Klinedinst B et al. Cholecystokinin and Alzheimer’s disease: a biomarker of metabolic function, neural integrity, and cognitive performance. Neurobiol Aging. 2019 Apr;76:201-207.