Piante medicinali per alleviare la fibromialgia

25 gennaio 2015

Al giorno d’oggi non sono ancora chiare le cause della fibromialgia, quindi per alleviarne i sintomi bisogna intervenire su più fronti. Adottare abitudini di vita sane, seguire le indicazioni del vostro medico e una corretta alimentazione, oltre a ricorrere alle piante medicinali di cui vi parleremo in questo articolo sono strategie che insieme possono aiutarvi a contrastare i sintomi della fibromialgia.

Piante medicinali che possono alleviare i sintomi della fibromialgia

Fibromialgia2

Sicuramente vi chiederete se queste piante medicinali siano davvero efficaci. I ricercatori del Dipartimento di Fisiologia dell’Università Federale di Sergipe, in Brasile, hanno scoperto che esistono diversi rimedi naturali per ridurre gli effetti di una malattia come la fibromialgia. Sappiate che questi rimedi non rappresentano una cura definitiva e non ristabiliscono le normali funzioni dell’organismo in modo da permettervi di condurre una vita normale senza tracce di dolore o stanchezza.Semplicemente attenuano i sintomi della stessa, rendendoli più sopportabili in combinazione con altri trattamenti: farmaci, terapie psicologiche e un’alimentazione adeguata. Vediamo in dettaglio come possono esservi d’aiuto queste piante:

  • Migliorano la qualità del sonno
  • Riducono i sintomi della depressione
  • Attenuano il dolore
  • Riducono la rigidità delle articolazioni
  • Diminuiscono le infiammazioni
  • Riducono l’ansia
  • Combattono lievemente la sensazione di stanchezza

Vediamo a questo punto quali sono le piante che possono aiutarvi a ridurre i sintomi della fibromialgia.

1. L’arpagofito

Questa pianta è conosciuta anche come “l’artiglio del diavolo”, potete trovarla in qualsiasi negozio di prodotti naturali, ma anche in farmacia, in forma di compresse oppure in bustine da infuso già pronte. La commissione del Ministero della Salute tedesco, ad esempio, ne sottolinea l’utilità per tutte quelle persone che soffrono di dolori articolari, reumatismi, artrosi e artrite. L’arpagofito è un potente antinfiammatorio ed aiuta a ridurre il dolore in maniera considerevole. E sapete qual è la cosa positiva? Non ha effetti collaterali, cosa che con i farmaci, invece, non sempre possiamo evitare.

Favorisce il recupero a seguito di traumi, è una pianta digestiva che fa bene allo stomaco in caso di problemi gastrointestinali. L’arpagofito è altamente indicato per chi soffre di fibromialgia. Ideale da assumere tutte le mattine.

2. L’iperico

L’iperico è conosciuto anche come “erba di San Giovanni” ed è un rimedio naturale molto efficace in caso di tristezza, scoraggiamento e forme lievi di depressione. Ma non è tutto. L’infuso di iperico fa bene all’organismo in caso di fibromialgia, apporta acidi organici, oli essenziali, cheratina, limonene e tannini. Una meravigliosa erba medicinale che vale la pena assumere tutti i giorni, la mattina e la sera.

3. Il pepe di Cayenna

Forse vi sorprenderà, ma alimenti come il peperoncino, l’aglio, lo zenzero o la senape sono molto salutari, anche se solitamente si pensa che infiammino. Le virtù del peperoncino o pepe di Cayenna sono legate ad un elemento chiamato capsaicina che blocca il rilascio della sostanza P che trasmette il dolore al cervello. Di sicuro conoscete creme che contengono capsaicina tra i loro ingredienti e che vengono impiegate proprio per il trattamento di malattie dolorose. Cosa aspettate, quindi, a bere due infusi di pepe di Cayenna al giorno?

Una ricetta molto semplice, che prevede la combinazione di altri ingredienti, consiste nello scaldare un bicchiere di acqua calda, mettervi in infusione una bustina di tè verde, un pizzico di pepe di Cayenna e infine qualche goccia di succo di limone. Una volta raggiunta l’ebollizione, lasciate riposare l’infuso per qualche minuto e poi aggiungetevi un cucchiaino di miele. Vi sentirete subito meglio.

Tè-pepe-Cayenna

Guarda anche