Polifenoli del caffè: proprietà contro il diabete

5 Aprile 2021
Numerosi studi sostengono che alcuni polifenoli presenti nel caffè hanno proprietà antidiabetiche. Si ritiene dunque che questa bevanda possa intervenire positivamente nella regolazione del glucosio nel sangue. Scoprite di più in questo articolo.

Diversi studi sostengono che i polifenoli del caffè, ma non solo, hanno proprietà antidiabetiche. Ciò indica che possono aiutare a prevenire e trattare il diabete di tipo 2. Per lo stesso motivo, è noto che i polifenoli del caffè che sono coinvolti nella regolazione del glucosio nel sangue.

Questa bevanda è stata demonizzata per molti anni. Tuttavia, attualmente sono noti i benefici derivanti dal suo consumo regolare. Quindi, la sua assunzione moderata è raccomandata nella dieta.

Proprietà dei polifenoli del caffè

Il caffè si ottiene dai chicchi contenuti nelle bacche dell’omonima pianta (genere Coffea). In seguito, questi semi vengono tostati e macinati per ottenere la famosa bevanda. Lo conferma anche un articolo pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.

Infatti, è una delle bevande più consumate al mondo ed è composta da più di mille sostanze chimiche diverse che includono:

  • Aminoacidi e altri composti azotati.
  • Polisaccaridi e zuccheri.
  • Triacilgliceroli.
  • Acido linoleico.
  • Diterpeni (cafestol e kahweol). Sono stati attribuiti loro effetti sfavorevoli sui livelli di colesterolo totale e LDL nel sangue.
  • Composti fenolici con attività antiossidante (acido clorogenico, caffeico, ferulico e p-cumarico).
  • Caffeina che riduce la fatica, aumenta la vigilanza, la memoria e la capacità di concentrazione.
  • Vitamine del complesso B e minerali come potassio, magnesio, fosforo e ferro.
Ragazza che beve caffè.
Il caffè è una bevanda composta da più di mille sostanze chimiche con proprietà benefiche per la salute.

Consumo di caffè

Il caffè è stato considerato come un elemento molto importante nella dieta, poiché è una delle bevande analcoliche più consumate in tutto il mondo. Per esempio, la Finlandia è il più grande consumatore di caffè sul mercato, seguita dal Brasile, che consuma 5,9 kg di caffè pro capite.

La bevanda a base di chicchi di caffè è una miscela di numerosi composti bioattivi funzionali che hanno un grande impatto su numerosi fattori di rischio per la salute come:

  • Pressione sanguigna alta.
  • Dislipidemia (in particolare, colesterolo a bassa densità o LDL).
  • Resistenza all’insulina e iperglicemia (glicemia alta).
  • Infine, l’incidenza del diabete di tipo 2.

Leggete anche: Migliorare la dieta in caso di diabete: 7 consigli

Polifenoli del caffè e diabete

Il diabete è una malattia cronica che risulta da un’alterata secrezione di insulina o quando il corpo non la utilizza in modo efficace. Infatti, è una malattia molto diffusa che è accompagnata da complicazioni cardiovascolari, retinopatia, nefropatia, neuropatia, ulcere e cancrene negli arti.

Secondo uno studio pubblicato su Diabetes Research and Clinical Practice, si stima che entro il 2035 ci saranno 592 milioni di persone che ne soffriranno nel mondo.

L’identificazione dei trattamenti dietetici è un’area di grande interesse e, all’interno di questi, sono stati studiati gli alimenti ricchi di polifenoli. Si ritiene che i polifenoli del caffè diminuiscono il rischio di diabete e possono migliorarne il trattamento.

Polifenoli del caffè.
Il consumo di polifenoli del caffè può ridurre il rischio di diabete.

Cosa sono i polifenoli?

I polifenoli sono sostanze fitochimiche che hanno anelli fenolici, secondo una ricerca pubblicata su Oxidative Medicine and Cellular Longetivity. Negli alimenti di origine vegetale sono presenti centinaia di polifenoli:

  • Verdure (mais, broccoli, cipolla, zucca).
  • Frutta (uva, pere, mele, bacche).
  • Legumi (soia).
  • Bevande (vino, cioccolato, caffè, birra).

Da qui, molti alimenti e farmaci sono stati studiati per regolare il metabolismo energetico. Tra questi, un alimento ampiamente studiato è il caffè, la cui evidenza scientifica dimostra che il suo consumo aiuta a prevenire malattie cronico-degenerative come il diabete mellito di tipo 2.

Impatto dei polifenoli del caffè sul diabete: cosa si sa?

Si presume che all’interno del caffè ci siano più sostanze con proprietà antidiabetiche. Per esempio, in uno studio pubblicato nel Journal of Nutrition da Battram et al. nel 2006, è stato osservato come il glucosio diminuisce significativamente dopo il consumo di caffè decaffeinato.

L’obiettivo era quello di valutare i benefici del consumo di caffè senza il suo componente principale, la caffeina. D’altra parte, l’acido clorogenico (il secondo componente principale del caffè), le chinidine e il magnesio hanno dimostrato di influenzare il metabolismo del glucosio.

Nello studio di Ong et al, 2012, pubblicato sulla rivista PLoS One, l’acido clorogenico ha dimostrato di ritardare l’assorbimento intestinale del glucosio attraverso l’inibizione della glucosio-6-fosfatasi translocasi 1 e la riduzione del gradiente di sodio responsabile del trasporto del glucosio.

Chicchi di caffè.
I polifenoli del caffè regolano l’assorbimento e il trasporto del glucosio.

In uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients, è stato dimostrato che il consumo di 400 ml di caffè (con 2,5 mmol di acido clorogenico per litro) ha aumentato il polipeptide insulinotropo dipendente dal glucosio (GIP;) e il peptide glugacon-like di tipo 1 (GLP-1). Entrambi gli ormoni stimolano la secrezione di insulina.

Polifenoli del caffè e fattori di rischio cardiovascolare

L’alto contenuto di composti fenolici presenti nel caffè ha dimostrato una potente capacità antiossidante che protegge contro l’aterosclerosi, disfunzione endoteliale e ipertensione arteriosa.

Uno studio pubblicato nel 2017 sulla rivista Nutrients si è dimostrato che il consumo moderato di caffè (equivalente a 1-3 tazzine al giorno), che corrisponde a un’assunzione di 101-337 mg/giorno di polifenoli, ha un effetto benefico sui fattori di rischio cardiovascolare:

  • Diminuzione della pressione sanguigna sistolica e diastolica.
  • Miglioramento del profilo lipidico (minore concentrazione di colesterolo totale e colesterolo LDL).
  • Riduzione della concentrazione di omocisteina; un marker di rischio cardiovascolare.

Non andate via senza aver letto: Vivere con il diabete: cosa bisogna fare?

Polifenoli del caffè per prevenire e trattare le malattie: importanza degli studi futuri

Per concludere, il caffè è una delle bevande più consumate nel mondo e ha dimostrato di avere numerose proprietà grazie ai suoi composti bioattivi. In primo luogo, varie ricerche hanno studiato gli effetti della caffeina e dei polifenoli del caffè su numerose malattie.

Anche se le proprietà di molti polifenoli presenti negli alimenti sono ben note, è stato osservato che i polifenoli del caffè regolano i meccanismi del metabolismo energetico, principalmente mediando la concentrazione di glucosio nel corpo.

Tuttavia, gli studi su esseri umani hanno mostrato risultati incostanti. Per questo motivo, sono necessari approfondimenti futuri per testare le teorie e confermare o discutere gli effetti antidiabetici dei polifenoli alimentari.

  • Borrelli RC., Esposito F., Napolitano A., Ritieni A., et al., Characterization of a new potential functional ingredient: coffee silverskin. J Agric Food Chem, 2004. 52 (5): 1338-43.
  • Guariguata L., Whiting DR., Hambleton I., Beagley J., et al., Global estimates of diabetes prevalence for 2013 and projections for 2035. Diabetes Res Clin Pract, 2014. 103 (2): 137-49.
  • Pandey KB., Rizvi SI., Plant polyphenols as dietary antioxidants in human health and disease. Oxid Med Cell Longev, 2009.
  • Battram DS., Arthur R., Weekes A., Graham TE., The glucose intolerance induced by caffeinated coffee ingestion is less pronounced than that due to alkaloid caffeine in men. J Nutr, 2006.
  • Ong KW., Hsu A., Tan BKH., Chlorogenic acid stimulates glucose transport in skeletal muscle via AMPK activation: a contributor to the beneficial effects of coffee on diabetes. PLoS One, 2012.
  • Kim Y., Keogh JB., Clifton PM:, Polyphenols and glycemic control. Nutrients, 2016.
  • Miranda AM., Steluti J., Fisberg RM., Marchioni DM., Association between coffee consumption and its polyphenols with cardiovascular risk factors: a population based study. Nutrients, 2017.