Portare il reggiseno non fa bene: cosa dice la scienza

· 28 aprile 2014

Grazie a uno studio realizzato in Francia, si è giunti alla ferma conclusione che portare il reggiseno, l’indumento femminile più diffuso e considerato il più importante tra la biancheria intima delle donne, non fa per nulla bene.

Scoprite in questo articolo le conclusioni a cui si è giunti per capire perché portare il reggiseno non fa così bene come possiamo pensare.

Perché portare il reggiseno non fa bene?

Il professore Jean- Denis Rouillon, dell’Università di Franche-Comte de Besancon, Francia, ha affermato con totale sicurezza che i reggiseni non offrono nessun beneficio e che, al contrario, fanno male al seno.

Tali conclusioni si basano su alcuni studi realizzati nell’arco di quindici anni, durante i quali l’Università di Besancon, nell’est della Francia, ha osservato e verificato una serie di cambiamenti nel seno di centotrenta donne che si sono volontariamente sottoposte alla ricerca. Le volontarie avevano un’età compresa tra i diciotto e i trentacinque anni.

Durante le prime fasi dello studio, l’equipe medica ha osservato che il seno delle donne che non indossavano il reggiseno era molto più sodo e presentava meno smagliature rispetto a quello delle donne che lo avevano l’abitudine di portare il reggiseno tutti i giorni.

Leggete anche: Consigli per avere un seno sodo

Gli strumenti utilizzati dai ricercatori sono stati soltanto un calibro (strumento per misurare la distanza tra due lati opposti di un oggetto) e un regolo calcolatore.

Il reggiseno rende il seno flaccido

Tra le conclusioni più importanti a cui è giunto il gruppo di ricerca risalta quella secondo cui portare il reggiseno non evita il cedimento del seno con il passare degli anni, anzi, accelera tale processo.

Il professore Rouillon sostiene che dal punto di vista medico, fisiologico e anatomico, il popolare indumento intimo femminile non apporta nessun tipo di beneficio al seno, privato in questo modo della naturale gravità. Accade l’opposto, poiché tende a diventare molto più flaccido.

Donna controlla cisti al seno

Il professore difende con fermezza l’ipotesi secondo cui, in seguito all’uso del reggiseno, i muscoli incaricati di sostenere il seno perdono la propria funzione e, in questo modo, le mammelle perdono la loro tonicità. Afferma anche che le donne che non hanno l’abitudine di portare il reggiseno hanno i capezzoli più alti rispetto alle donne che lo indossano regolarmente. 

Il professore sottolinea con enfasi che sebbene lo studio sia durato molti anni e vi abbiano preso parte centinaia di donne, non è rappresentativo della popolazione mondiale. Tuttavia, è pur vero che conferma che smettere di portare il reggiseno non è controproducente, anzi può essere di beneficio.

Una delle donne che ha preso parte alla ricerca e che ha ventotto anni afferma che ha smesso di usare il reggiseno da alcuni anni e si sente meglio, soffre meno di mal di schiena e respira meglio poiché gode di maggiore libertà.

Può interessarvi: 10 pratiche efficaci per alleviare il mal di schiena

Infine, grazie ad alcuni studi precedentemente condotti nell’Università di Portsmouth, in Inghilterra, è stato dimostrato che la maggior parte delle donne danneggia il proprio seno indossando la taglia sbagliata del reggiseno.

Guarda anche