5 prove che dimostrano che avete bisogno di tempo per voi

19 settembre 2016
Ricordate che il tempo che dedicate a voi stessi deve essere di qualità e non dovete occuparlo prendendovi cura degli altri o preoccupandovi. Dedicate almeno un'ora al giorno alla cura di voi stessi.

Avete bisogno di tempo per voi, ma quasi sempre lo dedicate a chi vi circonda o lo investite in situazioni che non fanno altro che intensificare la vostra stanchezza e lo stato d’ansia.

Per quanto possa sembrare strano, la maggior parte delle persone non sa riposare nel modo adeguato. 

Dedicare del tempo a noi stessi non vuol dire andare in vacanza ogni volta che ci sentiamo stressati, né che basti fare una passeggiata per risolvere quel malessere che, giorno dopo giorno, ci attanaglia.

Dedicare del tempo a noi stessi significa in primo luogo saper staccare la spina, saper spegnere il rumore mentale e stabilire un’unione delicata, ma autentica, con le nostre necessità, con i nostri pensieri, le nostre paure e le nostre mancanze, in modo tale da poter prendere decisioni sulla nostra vita.

Oggi nel nostro blog vogliamo spiegare in che modo si esterna quel malessere interiore, quelle dimensioni psicologiche che rivelano la necessità profonda di dedicare un po’ di tempo a noi stessi.

Avete bisogno di tempo per voi: le 5 prove che lo dimostrano

Capita spesso che, quando arrivano le vacanze, molti si preparano ad andare in viaggio pensando che sia la soluzione a tutti i problemi.

Tuttavia, questa regola non sempre si compie.

Uscire dalla solita routine, a volte, intensifica lo stress: viaggi, preparativi, riunioni familiari, il bisogno di programmare ogni cosa per “sfruttare al massimo ogni istante”.

Scoprite Cosa rivela il modo in cui camminate?

Questo tempo che, in teoria, dovrebbe essere solo per voi, viene condiviso con una serie di persone: il partner, i figli, la famiglia, ecc.

Che ci crediate o meno, tutti abbiamo bisogni di piccoli momenti di solitudine quotidiana.

A volte una cosa semplice come dedicare un paio d’ore al giorno a noi stessi agisce come la migliore delle vitamine. Vediamo adesso quali dimensioni psicologiche ci rivelano che, forse, siamo arrivati al limite della sopportazione.

Donna spezzata tempo

1. Il cattivo umore e l’apatia

Chiunque di noi può passare momenti in cui tutto ci infastidisce, non siamo mai di buon umore e nulla suscita il nostro interesse. Possono essere momenti o giorni sporadici, ma il problema assume un’altra connotazione quando questa sensazione si prolunga e diventa cronica.

Ci si alza sempre con la sensazione di non sopportare la giornata che ci attende, di andare sempre controcorrente e che le persone che ci circondano hanno priorità che non hanno niente a che fare con le nostre.

Tutto ciò ci provoca senza dubbio un enorme malessere.

Quando il cattivo umore diventa una costante, significa che qualcosa non va dentro di noi.

2. La sensazione di non aver tempo per nulla

Il fenomeno del tempo perso è un sintomo molto comune associato all’ansia.

Non si tratta solo di avere la chiara sensazione di non riuscire a fare tutto ciò che abbiamo in mente di fare, ma anche di attraversare brevi periodi di tempo (tra mezz’ora e un’ora, ad esempio) in cui non sappiamo ciò che abbiamo fatto o cosa sia successo.

È molto comune provare tale sensazione nei momenti di estremo stress ed ansia.

Scoprite i 6 effetti dell’ansia

3. La sensazione di aver fallito

Qualunque cosa facciamo, il risultato è sempre negativo. Questa perdita di fiducia fa sorgere l’idea che ogni cosa sia fuori controllo, che, per quanto possiamo sforzarci, nulla dipenda da noi.

Si tratta di una realtà frustrante che rappresenta un chiaro indicatore del fatto che sta succedendo qualcosa, che dobbiamo prestare più attenzione a noi stessi. Siate la vostra priorità, dedicate del tempo a voi.

4. Non ci si sente apprezzati

Lo dicevamo nei paragrafi precedenti: il mondo va controcorrente e sembra che chi ci circonda pensi solo a se stesso, dando per scontato che noi siamo sempre presenti per loro.

Quando hanno bisogno di respirare, gli diamo aria; quando vogliono camminare, poniamo il pavimento sotto i loro piedi.

Questa sensazione può essere illusoria oppure reale. Per questo motivo, è importante saper reagire e porre dei limiti perché non sentirci apprezzati può sfociare facilmente in depressione.

Vertigini tempo

5. Sintomi psicosomatici

Non aver tempo per noi, non disporre di spazi propri durante i quali pensare, rilassarsi e dare inizio ad una chiacchierata interiore che ci porti a scoprire quali siano le nostre priorità e quali i cambiamenti che dovremmo apportare alla nostra vita porta il nostro corpo a reagire in modo negativo. Alcuni sintomi sono:

  • Tachicardia.
  • Stanchezza eccessiva.
  • Mal di testa.
  • Cattiva digestione.
  • Insonnia.

Come iniziare a dedicare del tempo a voi stessi

Non basta andare in vacanza. Non bisogna aspettare il venerdì per essere felici né le vacanze per stare bene. Il miglior momento è adesso.

Leggete anche: Non date la priorità a chi vi considera solo un’opzione

  • Dedicare del tempo a voi stessi significa investire sulla vostra salute. È un bisogno essenziale, come mangiare e bere. Nell’arco della giornata, dunque, cercate di dedicare una o due ore solo a voi.
  • Questo tempo con voi stessi deve essere di qualità e, possibilmente, dovete trascorrerlo da soli.
  • C’è chi medita, chi fa yoga o chi semplicemente si siede di fronte ad una finestra, sospira e si calma.
  • Questo tempo con voi è ciò di cui avete bisogno per entrare in connessione con le vostre necessità, per pensare a ciò che volete e a ciò che non volete nella vostra vita. 
  • Poco a poco, capendo le vostre priorità, comincerete a prendere decisioni. Per essere felici, infatti, occorre prendere decisioni ed avanzare senza paure.

Riuscirsi è alla vostra portata.

Guarda anche