Quanto formaggio possiamo mangiare al giorno?

5 Marzo 2021
A cubetti, nell'insalata, grattugiato sulla pasta, fuso o come dessert... Il formaggio è un alimento che si sposa molto bene con ogni piatto ed è appetitoso in qualsiasi momento della giornata.

Per molte persone è comune chiedersi quanto formaggio possiamo mangiare al giorno. Questo perché a causa della sua reputazione come alimento calorico, ricco di colesterolo e di grassi saturi lo ha destinato a scomparire da molte diete.

Quali nutrienti offre il formaggio?

Il formaggio è un alimento ricavato dal latte e fa parte della dieta umana dagli albori della storia. Il latte viene cagliato, vi si aggiungono dei fermenti e si lascia maturare.

A seconda del tipo di latte, dei fermenti utilizzati e del grado di maturazione, si ottengono diverse varietà di formaggio. I principali contributi nutrizionali del formaggio sono:

  • Vitamine A, D e B12.
  • Minerali come calcio, fosforo, zinco e magnesio.
  • Proteine di alto valore biologico, con tutti gli aminoacidi essenziali.
  • Grassi saturi e colesterolo.

Tuttavia, dobbiamo tenere presente che la concentrazione dei nutrienti varia a seconda del tipo di formaggio di cui stiamo parlando. Più un formaggio è stagionato, meno acqua contiene e, quindi, maggiore è la concentrazione di nutrienti: più vitamine e minerali, ma anche più colesterolo e grassi.

Per saperne di più: Il formaggio più sano per il nostro organismo

La principale paura di mangiare prodotti caseari: calorie e grassi

È vero che il formaggio è un alimento molto calorico e che molte delle sue sue varietà contengono colesterolo e grassi saturi. Questo lo ha reso un candidato perfetto per esser eliminato nella dieta di coloro che vogliono perdere peso o che hanno livelli di colesterolo alto nel sangue.

Infatti, alcune persone che vogliono perdere peso o che, per qualsiasi motivo, hanno bisogno di tenere sotto controllo la loro dieta, dovrebbero consultare il loro medico o nutrizionista. Per cui, in tutte le questioni che riguardano la salute, i cambiamenti alimentari devono essere consultati con un professionista.

Ciò nonostante, è necessario valutare un alimento nella sua totalità e complessità e smettere di concentrarsi solo su alcuni nutrienti in particolare. In questo senso, negli ultimi anni nuove prove scientifiche hanno fornito dati recenti sul consumo di formaggio. I risultati hanno fatto riconsiderare la quantità di formaggio che possiamo mangiare al giorno.

Presentazione di formaggio.

Cosa dice la scienza al riguardo?

Nel 2019, la rivista Advances in Nutrition ha pubblicato un articolo che esamina le nuove prove scientifiche sul consumo di formaggi e derivati del latte e la loro relazione con diversi parametri di salute. Tra le conclusioni si evidenziava:

“I latticini completi (latte intero, yogurt intero, formaggio) non esercitano effetti negativi sulla sensibilità all’insulina, sul profilo lipidico del sangue e sulla pressione sanguigna, nonostante il loro contenuto di grassi saturi e di sodio”.

Inoltre, si specificava anche:

“La quantità di sale giornaliera deve essere mantenuta sotto controllo da coloro che hanno un’insufficienza renale cronica o una sindrome nefrosica. E, anche se non sembra avere molta influenza sulla pressione sanguigna, le persone con ipertensione dovrebbero consultare il loro medico”.

Nella stessa pubblicazione, in un altro articolo si evidenziava:

“I latticini, compreso il formaggio, favoriscono una migliore composizione corporea. L’assunzione di latticini fermentati, come il formaggio o lo yogurt, è associata a un rischio moderatamente più basso di mortalità per malattie cardiovascolari”. 

Ma allora, quanto formaggio possiamo mangiare al giorno?

Anche se possiamo mangiare del formaggio ogni giorno, è importante sapere che, tuttavia, non è un alimento di base della dieta. Questo significa che non possiamo equipararlo alle verdure, ai legumi, alla frutta o alle uova, nemmeno come fonte di vitamine o calcio. Di conseguenza, non è nemmeno un alimento di cui possiamo mangiarne a volontà.

Anche se non succede niente se eliminiamo il formaggio dalla nostra dieta, comunque, il consumo entro le quantità raccomandate non causa necessariamente problemi di salute. Sottolineiamo, purché sia entro le quantità raccomandate.

Come quasi sempre accade nella nutrizione, la risposta a quanto formaggio possiamo mangiare al giorno sarà “dipende”. Le raccomandazioni dietetiche individuali possono variare rispetto a quelle generali. Tuttavia, è possibile stabilire una quantità approssimativa e accettabile.

Nel caso di formaggi morbidi, o più stagionati, una porzione raccomandata sarebbe tra i 40 e i 50 grammi al giorno. Questo equivale a due spicchi o fette, approssimativamente, dato che ognuna di esse di solito pesa circa 20 grammi.

Se invece parliamo di formaggi freschi, si possono mangiare fino a 100 grammi al giorno. Questo è il caso della mozzarella, della ricotta, del quark o del mascarpone. Questo equivale a circa mezza tazza. Di solito, il formaggio fresco viene venduto in piccole porzioni di circa 75 grammi ciascuna. Questa misura servirà anche come riferimento.

Formaggio da latte vegetale.

Leggete anche: Eliminare i grassi dall’alimentazione è corretto?

Consigli per un migliore consumo di formaggio

  • Optare per i formaggi tradizionali. Cosa si intende per tradizionali? Nel caso del formaggio, intendiamo quelli che si fanno con i suoi ingredienti di base: latte, fermenti lattici, sale e caglio. Tra questi possiamo trovare gouda, camembert, feta, brie o gorgonzola.
  • Non è necessario scegliere formaggi senza grassi o cosiddetti light. Se vogliamo ridurre i grassi, possiamo scegliere la ricotta o il formaggio fresco che hanno meno grassi naturalmente perché sono più ricchi di acqua.
  • Attenzione ai formaggi lavorati, ai formaggi a fette o quelli spalmabili. Questo perché spesso sono fatti con altri ingredienti secondari come proteine del latte, burro o amidi.
  • I formaggi con più sodio sono per esempio il Roquefort, il Parmigiano, il formaggio blu, l’Edamer e il Camembert. È importante non abusarne per non aumentare l’apporto giornaliero di sodio, ben al di sopra di quello raccomandato nelle diete moderne.

Pertanto, quando si parla di formaggio possiamo dire che, anche se non è essenziale o prioritario nell’alimentazione, non è neanche un nemico di una dieta sana. Quindi, prendetevi cura della vostra alimentazione con una dieta varia ed equilibrata!

  • Arne, A et al. Effects of full-fat and fermented dairy products on cardio metabolic disease: foods is more than the sume of its parts. Advances in Nutrition. Setiembre 2019. 10(5) : 924S-930S.
  • Australian Dietary Guidelines. Australian Government. National Health and Medical Research Council. Department of Health and Ageing. 2013.
  • Guo-chon, Ch, et al. Cheese consumption and risk of cardiovascular disease: a meta-analysis of prospective studies. European Journal of Nutrition. Diciembre 2017. 56(8): 2565-2575.
  • Hjerpsted J. Cheese intake in large amounts lowers LDL-cholesterol concentrations compared with butter intake of equal fat content. American Journal of Nutrition. Diciembre 2011. 94(6): 1479-84.
  • Mozaffarian D. Dairy foods, obesity and metabolic health: the role of food matrix compared with single nutrients.  Advances in Nutrition. Setiembre 2019. 10(5) : 917S-923S.