Rimedi naturali per le infezioni vaginali frequenti

24 aprile 2014
Anche se i trattamenti localizzati sono di grande aiuto, l'alimentazione svolge un ruolo molto importante nella prevenzione ed eliminazione delle infezioni.

Gli esperti affermano che, durante la loro vita, le donne soffrono più volte di qualche infezione vaginale. Esistono alcune precauzioni per prevenire queste infezioni, anche se in certi casi si verificano ugualmente.

Le donne si dedicano a diverse attività quotidiane, al giorno d’oggi ancora di più, visto che è stata superata la credenza che le donne appartengano solo alla casa e all’ambiente famigliare, senza avere possibilità di lavoro.

Molto spesso, svolgere diverse attività implica una mancanza di cura e di prevenzione per quanto riguarda sia una corretta igiene intima sia un’alimentazione equilibrata, due aspetti che possono risultare molto importanti al fine di evitare problemi di salute.

Un corpo stressato e stanco non riesce a difendersi in maniera efficace dai microrganismi responsabili delle malattie.

Quali sono le infezioni vaginali più comuni?

Le infezioni vaginali più comuni sono le vulvovaginiti da funghi: la candidosi o candida, la vaginosi batterica da Gardnerella vaginalis e la tricomoniasi a trasmissione sessuale.

Perché si presentano le infezioni vaginali?

Nella zona genitale convivono in perfetto equilibrio alcuni microrganismi che non influiscono negativamente sul nostro corpo. In alcuni casi, questo equilibrio viene alterato ed è per questo motivo che si verificano le infezioni vaginali. Tuttavia, le infezioni possono anche essere trasmesse dal contatto sessuale (tricomoniasi).

Quali condizioni possono alterare il normale equilibrio della zona intima?

Sono soprattutto i cambiamenti ormonali, la gravidanza, la menopausa, il diabete, l’uso prolungato di farmaci antibiotici ad alterare l’equilibrio della zona intima.

Quali possono essere i sintomi?

  1. Prurito intimo
  2. Perdite vaginali abbondanti e dall’odore sgradevole
  3. Arrossamento della vulva
  4. Infiammazione delle labbra vaginali
  5. Dolore e bruciore nell’urinare
  6. Fastidio durante i rapporti sessuali

Le infezioni vaginali devono essere curate il prima possibile e in maniera adeguata. In molti casi, per paura o per vergogna, le donne smettono di consultare il loro medico, ma non si rendono conto che un semplice fastidio può diventare un problema ben più serio.

Per la vostra sicurezza, vi consigliamo di chiedere sempre consiglio al vostro medico di fiducia qualora aveste l’intenzione di iniziare dei trattamenti naturali.

Rimedi naturali

Ci sono molte piante dalle grandi proprietà antibiotiche ed antinfiammatorie, che aiutano a rafforzare i meccanismi di difesa dell’organismo.

  • Boldo: è utile per le infezioni causate da funghi. Possiede, infatti, proprietà antimicotiche. Fate delle lavande vaginali di boldo.
  • Calendula: può essere utilizzata per prevenire o per trattare le infezioni vaginali. Possiede proprietà antibiotiche ed antimicotiche. Mettete un po’ di calendula in acqua bollente, lasciatela raffreddare e usatela sulla zona infetta.

Camomilla

  • Camomilla: fate dei bagni nella vasca, quindi da seduti, con infusi di camomilla.

Altre soluzioni naturali

  • Aglio: antibatterico per eccellenza, possiede anche proprietà antimicotiche. Tritate uno spicchio d’aglio fino a formare una pasta da applicare poi esternamente sulla zona interessata.
  • Olio tea tree: possiede proprietà antibatteriche. Mettetene alcune gocce nell’acqua della vasca.

Il consumo di yogurt naturale è di grande aiuto per evitare le infezioni vaginali. Se avete un’infezione in corso, potete mettere un po’ di yogurt sulla zona intima.

Alimentazione

Anche l’alimentazione svolge un ruolo fondamentale nel caso di infezioni vaginali, infatti esistono alcuni alimenti in grado di prevenirle o addirittura eliminarle.

Inoltre, questi alimenti aiutano a rafforzare il sistema immunitario. In questo modo, l’organismo sarà in grado di combattere qualsiasi microrganismo, impedendone lo sviluppo e la proliferazione.

Dovete consumare alimenti che contengano:

  • Ferro: vongole, interiora, legumi, ortaggi verdi.
  • Zinco: agnello, ostriche, arachidi, zucca, germe di grano.
  • Vitamina B: fegato, latte, uova, pesce.

Quali alimenti dovete evitare?

Alcol, fumo, droghe, pane, cibi con conservanti e coloranti, lievito e zuccheri.

Raccomandazioni generali

  • Cercate di mantenere una corretta igiene intima, possibilmente utilizzando saponi dal Ph neutro che non alterino la flora batterica della vagina.
  • Non indossate pantaloni molto stretti né biancheria intima di tessuto sintetico. Ricordate che la zona intima ha bisogno di una corretta ventilazione. Se aumenta l’umidità in questa zona, i microrganismi si moltiplicano con maggiore facilità.
  • Se utilizzate quotidianamente dei salvaslip, cambiateli almeno quattro volte al giorno. La stessa raccomandazione vale se usate gli assorbenti interni durante le mestruazioni.
  • Lavate la vostra biancheria intima con un sapone neutro.
  • Quando dovete farvi il bidet, lavate la zona intima sempre dal davanti all’indietro per evitare che i batteri che si trovano nell’ano arrivino alla vagina causando delle infezioni.
  • Cercate di condurre una vita più rilassata, infatti lo stress e l’ansia abbassano le difese dell’organismo rendendovi più vulnerabili alle malattie.
  • Indossate sempre biancheria intima di cotone perché assorbe l’umidità naturale del corpo.
  • Anche se questa raccomandazione sembra ironica, non abusate mai nell’igiene intima, anche se utilizzate saponi adatti a questa zona delicata. Vi raccomandiamo l’uso di questi detergenti solo una volta al giorno. Per l’igiene usate solamente l’acqua.
  • La vagina ha un meccanismo autopulente, quindi dovete lavare e mantenere pulita solo la parte esterna.
  • L’uso del preservativo previene le infezioni che possono essere trasmesse sessualmente.
Guarda anche