Riparare i capelli danneggiati con 5 rimedi naturali

In caso di capelli danneggiati è bene rivolgersi al dermatologo, per scoprire la varie opzioni di trattamento disponibili. Esistono però alcuni rimedi naturali che aiutano a migliorare il loro aspetto. Scopriteli leggendo questo articolo.
Riparare i capelli danneggiati con 5 rimedi naturali

Ultimo aggiornamento: 12 aprile, 2021

Per riparare i capelli danneggiati, c’è bisogno, soprattutto, di grande pazienza. Nessun prodotto (chimico o naturale) può garantire un risultato istantaneo, indipendentemente da quanto dichiarato. E sebbene possa offrire un miglioramento momentaneo, solo l’uso costante e l’applicazione combinata di più trattamenti ci aiuteranno a raggiungere l’obiettivo desiderato.

Dato che i capelli sono una delle caratteristiche più visibili in una persona, è importante imparare a prendersene cura per avere sempre un bell’aspetto. Inoltre, per sapere come ripararli in base ai danni che hanno subito, è bene rivolgersi a un dermatologo. In questa occasione desideriamo condividere con voi alcuni utili rimedi naturali.

5 rimedi per riparare i capelli danneggiati

 

I capelli possono rovinarsi per varie ragioni: estremo uso di tinture, shampoo inadeguati, l’uso eccessivo della piastra o per i danni del sole. Due degli aspetti più caratteristici di questo problema sono sicuramente la mancanza di luminosità e la secchezza, oltre, ovviamente, alla fragilità.

D’altro canto, come sottolinea uno studio pubblicato su Dermatology Practical & Conceptual, la carenza di alcuni nutrienti può causare danni alla struttura dei capelli e problemi di eccessiva caduta.

Pertanto, prima di provare qualsiasi trattamento, dovete rivedere le vostre abitudini e l’alimentazione, cercando di ridurre l’esposizione ai fattori che danneggiano i capelli. A partire da qui, perciò, possiamo provare alcuni prodotti ad uso esterno per rivitalizzarli. Ecco alcune  alternative di origine naturale.

1. Maschera di avocado, miele e uova

L’avocado è un alimento ricco di nutrienti essenziali. Secondo le informazioni riportate su Critical Reviews in Food Science and Nutrition, fornisce proteine, acidi grassi, minerali e sostanze antiossidanti, come le vitamine C ed E. Per tale ragione, è l’ingrediente principale in questa maschera per capelli.

D’altro canto, come riporta una pubblicazione sul Journal of Cosmetic Dermatology, il miele è una fonte di proteine e aminoacidi, vitamine, enzimi, minerali e altri componenti minori che offrono benefici dermatologici. Pertanto, in combinazione con avocado e uovo, aiuta a rivitalizzare i capelli.

Maschera di avocado per riparare i capelli danneggiati.
L’avocado è un ingrediente naturale che viene spesso impiegato in presenza di problemi ai capelli. È idratante e aiuta a sfoggiare una chioma brillante.

Ingredienti

  • 1 avocado.
  • 3 cucchiai di miele (30 g).
  • 1 tuorlo d’uovo.

Preparazione

  • Prima di tutto, mescolate per bene tutti gli ingredienti in un recipiente.
  • Quindi, assicuratevi di ottenere un miscuglio omogeneo.
  • Applicatelo su tutta la capigliatura dopo averla lavata con lo shampoo.
  • Infine, lasciare agire per trenta minuti. Quindi, rimuovete con abbondante acqua fredda.

2. Olio d’oliva e maionese

 

Gli oli naturali di origine vegetale sono prodotti utili per riparare i capelli danneggiati, secondo i dati forniti da una revisione pubblicata in International Journal of Tricology. L’olio d’oliva, in particolare, contiene grassi sani che aiutano a inumidire e sigillare le cuticole dei capelli.

In questo caso lo abbiniamo alla maionese e all’uovo per ottenere un trattamento naturale più completo. Per ottenere risultati migliori, potete usarlo due volte a settimana.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di olio d’oliva (10 g).
  • 2 cucchiai di maionese (20 g).
  • 1 uovo (60 g).

Preparazione

  • Prima di tutto, mescolate la maionese e l’olio d’oliva in una ciotola.
  • Quindi, aggiungete l’uovo e mescolate per bene per amalgamare il tutto.
  • Poi, applicate la miscela sui capelli puliti e lasciate agire per venti minuti.
  • Infine, rimuovete con abbondante acqua.

3. Maschera al tuorlo d’uovo e olio d’oliva

Una maschera al tuorlo d’uovo e olio di oliva può essere utile nel caso in cui non si abbia del balsamo a portata di mano. Oltre a idratare i capelli secchi, la sua applicazione riduce i nodi che maltrattano i capelli quando li pettiniamo.

Ingredienti

  • 1 uovo (60 g).
  • 3 cucchiai di olio d’oliva (30 g).

Preparazione

  • Rompete l’uovo e separate l’albume dal tuorlo.
  • Quindi, in una ciotola, mescolate il tuorlo con l’olio d’oliva.
  • Inumidite i capelli e applicate la miscela.
  • Infine, lasciate agire per almeno 20 minuti.

4. Olio di ricino e olio di soia

L’olio di ricino è tra i rimedi naturali per capelli più noti, non solo perché aiuta a renderli facili da gestire, ma anche perché li rafforza e ne riduce la rottura, secondo la revisione pubblicata sull’International Journal of Trichology che abbiamo già citato.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di olio di soia (10 g).
  • 3 cucchiai di olio di ricino (30 g).

Preparazione

  • Mettete entrambi gli ingredienti in una casseruola.
  • Scaldate a fuoco medio e, una volta che gli oli iniziano a “cuocere”, toglieteli dal fuoco. Attenzione: non devono raggiungere il punto di ebollizione.
  • Quindi, lasciate raffreddare a temperatura ambiente e applicate su tutto il cuoio capelluto con un massaggio delicato. I capelli devono essere lievemente umidi.
  • Avvolgete i capelli in un asciugamano o in un cappello e lasciate agire per 15 minuti.
  • Infine, pettinate i capelli lentamente prima di rimuovere il tutto con acqua tiepida.
Olio di ricino.
Il preparato a base di olio di ricino e di soia contribuisce a idratare i capelli. Per questa ragione, ne mitiga l’aspetto secco e opaco.

5. Maschera all’olio di mandorle, miele e uova

 

Se oltre ad avere i capelli danneggiati avete anche il problema delle doppie punte, potete ricorrere a questa maschera naturale per uso frequente in grado di ripristinare la salute e la bellezza della vostra chioma. I suoi ingredienti sono idratanti e donano morbidezza e lucentezza.

Ingredienti

  • 3 cucchiai di olio di mandorle (30 g).
  • 1 cucchiaino di miele (5 g).
  • 1 uovo intero (60 g).

Preparazione

  • Prima di tutto, mettete contemporaneamente tutti gli ingredienti in una ciotola abbastanza grande per poterli mescolare.
  • Poi mescolate il tutto fino a ottenere un composto omogeneo.
  • Quindi, applicatelo sui capelli e lasciatelo agire per venti minuti.
  • Infine, risciacquate con acqua fredda eliminando tutti i residui.

Riparare i capelli danneggiati richiede tempo

Ricordate che i rimedi per riparare i capelli danneggiati non hanno un effetto istantaneo e dovrebbero essere applicati regolarmente. Inoltre, devono essere associati ad altri trattamenti, in modo che sia possibile recuperare l’aspetto sano della chioma. Pertanto, assicuratevi di bere sufficiente acqua, mangiare in modo sano e usare i prodotti più appropriati per i vostri capelli.



  • Goldberg, L. J., & Lenzy, Y. (2010). Nutrition and hair. Clinics in Dermatology. https://doi.org/10.1016/j.clindermatol.2010.03.038
  • Guo EL, Katta R. Diet and hair loss: effects of nutrient deficiency and supplement use. Dermatol Pract Concept. 2017;7(1):1–10. Published 2017 Jan 31. doi:10.5826/dpc.0701a01
  • Dreher ML, Davenport AJ. Hass avocado composition and potential health effects. Crit Rev Food Sci Nutr. 2013;53(7):738–750. doi:10.1080/10408398.2011.556759
  • Burlando, B., & Cornara, L. (2013). Honey in dermatology and skin care: A review. Journal of Cosmetic Dermatology12(4), 306–313. https://doi.org/10.1111/jocd.12058
  • Alonso, L. (2006). The hair cycle. Journal of Cell Science. https://doi.org/10.1242/jcs02793
  • Pavan Chaudhary, J. K. and P. D. D. J. S., & Shri. (2015). Avocado: the holistic source as a natural doctor! World Journal of Pharmaceutical Research.
  • Gautam, S., Dwivedi, S., Dubey, K., & Joshi, H. (2012). Formulation and evaluation of herbal hair oil. International Journal of Chemical Sciences.
  • Gavazzoni Dias MF. Hair cosmetics: an overview. Int J Trichology. 2015;7(1):2–15. doi:10.4103/0974-7753.153450