Ritenzione idrica alle gambe: che fare?

2 ottobre 2015
La ritenzione idrica può essere la conseguenza di un accumulo di sale che va ad infiammare i tessuti. Sono da evitare, tra le altre cose, gli alcolici e i grassi saturi.

Vi sarà capitato di tornare a casa con i piedi più gonfi, con i crampi o con un senso di pesantezza ai polpacci.

La ritenzione idrica alle gambe colpisce soprattutto le donne e in genere è associato ai classici problemi circolatori.

I tessuti delle gambe si infiammano a causa della presenza di tossine, si accumula acqua e diminuisce la capacità di ritorno venoso. Le gambe, di conseguenza gonfiano e fanno male.

Cosa fare? Non preoccupatevi: esistono soluzioni che possono portare sollievo alle gambe appesantite.

Qual è la causa della ritenzione idrica nelle gambe?

Non siamo tutti uguali, non abbiamo lo stesso stile di vita o le stesse caratteristiche fisiche.

Per questo motivo, le cause possono essere diverse:

  • Condizione di sovrappeso. È comune che le persone in sovrappeso soffrano anche di ritenzione idrica alle gambe.
  • Origine farmacologica. Alcuni medicinali portano, come effetto collaterale, la ritenzione dei liquidi.
  • Precedenti lesioni al ginocchio o alla caviglia.
  • Come conseguenza di un viaggio aereo o in treno, in cui siamo costretti a stare molte ore seduti nella stessa posizione.
  • Presenza di varici.
  • Disturbi renali.
  • Disturbi cardiaci o circolatori.
  • Scompensi ormonali durante il ciclo.
  • Essere costretti a stare molte ore in piedi.
  • Una dieta scorretta e con troppo sale.

Se vi sembra che la ritenzione idrica nelle gambe sia una vostra condizione abituale, parlatene al medico. Prima di provare uno di questi rimedi naturali è importante stabilire quale sia la causa precisa del gonfiore.

1. Tisana al finocchio

tisana-al-finocchio

Questa pianta aromatica di origine mediterranea potete trovarla facilmente in erboristeria o al supermercato. È diuretica, carminativa, digestiva e depurativa, ideale per combattere la ritenzione idrica. Bevetela da una a due volte al giorno, 15 minuti dopo aver mangiato.

Ingredienti:

  • 1 cucchiaino di semi di finocchio (5 g)
  • mezzo cucchiaino di semi di anice (3 g)
  • 1 bicchiere di acqua (200 ml)

Preparazione:

  • Mettete a bollire il bicchiere d’acqua, aggiungete il finocchio e l’anice.
  • Spegnete e lasciate in infusione per 20 minuti.
  • Bevete con calma, quando la tisana sarà tiepida.

2. Infuso di coda cavallina

Una delle piante più indicate per trattare la ritenzione dei liquidi. Potete trovarla in erboristeria o in farmacia. Vi aiuta perché:

  • È un’erba emostatica, favorisce la coagulazione ed è antiemorragica.
  • Contiene silice, un minerale che aiuta la pelle a rigenerarsi e a riparare il tessuto connettivo.
  • È un diuretico naturale formidabile, aumenta la quantità di urina, depura il corpo ed elimina le tossine.
  • La coda cavallina ha due principi attivi: il saponoside e l’equisetonina che stimolano la circolazione del sangue e filtrano le tossine.

Il momento migliore per prendere un infuso di coda cavallina è la mattina. Vi farà sentire meglio.

Volete avere gambe più toniche? Leggete: I migliori esercizi per tonificare le gambe

3. Alimenti che non possono mancare nella vostra dieta

ananas

La prima cosa da fare è cominciare a regolare il consumo di sale. Il nostro corpo, attraverso un complicato sistema ormonale, regola il livello dei liquidi perché si mantengano in quantità costante.

Quando il sale si accumula nel nostro organismo, i tessuti si infiammano e compaiono gli edemi, vale a dire la ritenzione dei liquidi.

Il corpo non riesce a smaltire questo eccesso di acqua attraverso l’urina o il sudore e quindi “ci gonfiamo”.

Il sale non è l’unico imputato. I grassi saturi, le bevande zuccherate, i dolci o le farine non integrali sono alimenti che alterano le nostre funzioni di base.

Cercate di evitarli e cominciate invece a consumare regolarmente questi alimenti:

  • Cipolla
  • Asparagi
  • Prezzemolo
  • Sedano
  • Carciofi
  • Indivia
  • Lattuga
  • Melanzana
  • Anguria
  • Pera
  • Ananas
  • Banana
  • Melone

4. Bere acqua in modo corretto

Quante volte abbiamo letto il consiglio di bere almeno due litri d’acqua al giorno?

Ci imponiamo di seguire il consiglio e quello che facciamo è bere, ad esempio, un bicchiere o due di acqua, tutti insieme. Poi cerchiamo di ricordarci di ripetere la stessa azione altre sei volte nella giornata. È un comportamento corretto? Non proprio.

Così andiamo a “riempire lo stomaco” accumulando acqua in modo irregolare.

L’ideale sarebbe bere quantità moderate di acqua lungo tutta la giornata. In questo modo non accumuliamo liquidi e ci manteniamo costantemente idratati.

Scoprite i https://viverepiusani.it/13-problemi-causati-dal-non-bere-acqua-a-sufficienza/

5. Camminare mezz’ora al giorno

Camminare

Mettetevi vestiti comodi, una buon paio di scarpe e staccate la mente. Uscire a camminare non deve essere un obbligo o una semplice attività fisica: è rilassamento, una medicina per il corpo e per la mente.

Questo esercizio dolce e regolare migliora la nostra circolazione sanguigna, permette alle vene e alle arterie di riossigenarsi e mantenersi elastiche.

Vedrete come, in poche settimane, sentirete le gambe più leggere e riposate. Se curate la vostra alimentazione, se mantenete un peso forma ed evitate la sedentarietà, la ritenzione idrica non tornerà più a darvi fastidio.

Guarda anche