Scorte alimentari durante la quarantena da Coronavirus

11 Aprile 2020
Seguire un'alimentazione equilibrata durante il periodo di isolamento è sinonimo di benessere. Scoprite gli alimenti consigliati per le loro proprietà e per la durata di conservazione.

Per affrontare al meglio una quarantena, è fondamentale avere ben chiare alcune misure nutrizionali. Una spesa intelligente ci permetterà di risparmiare soldi e di massimizzare la resa delle nostre scorte alimentari durante la quarantena da Coronavirus.

È essenziale, innanzitutto, garantire all’organismo l’apporto dei nutrienti di cui ha bisogno per l’espletamento delle funzioni vitali. Per tale ragione, bisognerà porre estrema attenzione nella scelta dei cibi da acquistare.

Non bisogna dimenticare che durante la quarantena è alquanto probabile che si riduca il dispendio calorico. Sarà pertanto necessario pianificare una dieta leggermente ipocalorica per evitare un eventuale aumento di peso. Nelle prossime righe, indicheremo quali sono gli alimenti più adatti a questa condizione.

Scorte alimentari durante la quarantena da Coronavirus

Di fronte all’emergenza provocata dal Coronavirus (SARS-CoV-2), il Ministero della Salute ha sottolineato più volte  l’importanza del distanziamento sociale. Per tale ragione, una delle misure preventive adottate dal nostro e da diversi paesi è quella del contenimento della popolazione, inclusa la quarantena.

Date le implicazione di tale misura, in molti hanno iniziato a chiedersi cosa dovrebbero includere le loro scorte e quali alimenti preferire. Ebbene, per risolvere tali dubbi, nelle prossime righe parleremo nel dettaglio degli alimenti consigliati in tale situazione.

1. Cibi in scatola

I cibi in scatola hanno un grosso vantaggio rispetto ad altri alimenti disponibili sul mercato: la durata di conservazione. Rappresentano una buona fonte proteica ​​ad alta qualità (soprattutto pesce e frutti di mare) da distribuire nei pasti quotidiani.

Le proteine ​​sono nutrienti chiave nella prevenzione del catabolismo muscolare, come affermano gli esperti della rivista Nutrición Hospitalaria. Per tale ragione, non se ne dovrà trascurare il consumo. Tra i diversi cibi in scatola si possono anche trovare la frutta e la verdura.

Quando si consumano questi prodotti, è necessario non sprecare, per quanto possibile, il liquido in cui sono immersi i cibi. In questo modo, potremo ricevere anche le vitamine e i minerali del prodotto, senza perdere le proprietà nutrizionali.

Leggete anche: Coronavirus e alimenti: si può trasmettere il virus?

Conserve da acquistare durante l'isolamento
I cibi in scatola presentano un grosso vantaggio in un periodo come quello di una quarantena: la data di conservazione.

Verdure surgelate tra le scorte alimentari durante la quarantena

La frutta e la verdura sono alimenti altamente deperibili, con una breve vita a temperatura ambiente. Tuttavia, se le acquistiamo sotto forma di prodotti congelati, possiamo prolungarne la durata.

Il congelamento delle verdure ne mantiene intatte le proprietà nutritive. Si avrà solo un leggero degradamento delle proprietà organolettiche.

L’assunzione di vitamine e antiossidanti è fondamentale in un periodo di isolamento domiciliare. Per tale ragione, secondo la scienza, è necessario fare scorte di frutti rossi, broccoli e cavolfiori congelati.

Cereali integrali

Per saziarsi in fretta e favorire il regolare transito intestinale, è importante consumare le fibre con frequenza regolare.

Ciò è anche supportato dalla letteratura scientifica, ragion per cui è necessario assicurarsi la presenza di cereali integrali in dispensa. Oltre al riso, alla quinoa e alla pasta integrale, anche i legumi possono svolgere adeguatamente questa funzione. Oltre a ciò, sono estremamente ricchi di proteine.

Yogurt tra le scorte alimentari durante la quarantena

Il consumo dei probiotici è fondamentale per un corretto transito intestinale. Secondo alcuni studi, un buon microbiota è una barriera di difesa ottimale contro gli organismi patogeni.

Per di più, il consumo di latticini fornisce all’organismo quantità di calcio ottimali. Tale minerale è legato, tra l’altro, alla trasmissione degli impulsi nervosi e alla salute ossea.

Un altro vantaggio risiede nell’ottima conservazione in ambiente refrigerato. È dunque possibile conservare gli yogurt in frigorifero e consumarli al ritmo di 1 – 2 al giorno.

Yogurt fonte di probiotici
Grazie al contenuto di probiotici, lo yogurt si attesta come un alimento ideale per preservare lo stato ottimale delle difese. Inoltre, favorisce la salute dell’apparato digerente.

L’idratazione

Infine, non bisogna dimenticare di assumere le giuste quantità d’acqua in questo periodo. Per tale ragione, è opportuno bere sufficienti liquidi durante la giornata.

La disidratazione può causare gravi complicazioni per la salute, inoltre altera la termoregolazione dell’organismo. L’acqua costituisce l’elemento fondamentale attraverso il quale si manifestano le reazioni fisiologiche principali dell’organismo.

Può interessarvi anche: Le misure preventive contro il COVID-19

Conclusioni

Nel periodo di quarantena  da Coronavirus bisogna assicurare la presenza di alcuni prodotti essenziali nelle proprie scorte alimentari. Solo così sarà possibile fornire al corpo i nutrienti necessari per l’esecuzione delle funzioni vitali fondamentali.

È altresì possibile adottare diverse strategie per mantenere l’equilibrio calorico. Una di queste consiste nel praticare dei digiuni intermittenti in modo tale da garantire che la composizione corporea non venga alterata nei periodi di minore dispendio energetico.

Bisogna infine ricordare che in questo periodo è essenziale uscire di casa il meno possibile per evitare di correre rischi. Anche l’igiene ricopre un ruolo molto importante. Lavarsi con frequenza le mani e trattare gli alimenti secondo gli standard della sicurezza alimentare sono utili precauzioni in questo difficile momento.

  • Ortiz Leyba C., Gomez Tello V., Serón Arbeloa C., Requeriments of macronutrients and micronutrients. Nutr Hosp, 2005. 2: 13-17.
  • Jain AK., Mehra NK., Swarnakar NK., Role of antioxidants for the treatment of cardiovascular diseases: challenges and opportunities. Curr Pharm Des, 2015. 21 (30): 4441-55.
  • Shen L., Huang C., Lu X., Jiang Z., Zhu C., Lower  dietary fibre intake, but not total water consumption, is associated with constipation: a population based analysis. J Hum Nutr Diet, 2019. 32 (4): 422-431.
  • Alarcón P., González M., Castro E., The role of gut microbiota in the regulation of the immune response. Rev Med Chil, 2016. 144 (7): 910-6.