6 segnali di cortisolo alto nel vostro organismo

Ridurre il consumo di caffè e aumentare il dispendio energetico attraverso la pratica dell'esercizio fisico è fondamentale per mantenere in equilibrio i livelli di cortisolo nell'organismo.
6 segnali di cortisolo alto nel vostro organismo

Ultimo aggiornamento: 01 novembre, 2020

Quali sono i segnali che possono indicare la presenza di cortisolo alto nel vostro organismo?

Il cortisolo o idrocortisone è un ormone prodotto dalla ghiandola surrenale. Quest’ultima ha la funzione di aumentare i livelli di zucchero nel sangue, ma presenta l’inconveniente di ridurre la formazione ossea ed è in grado di causare alcuni disturbi come il sovrappeso.

Quando il cortisolo sale, si verifica un fenomeno conosciuto anche come “ipercortisolismo” o sindrome di Cushing. Questa malattia comporta la concentrazione di grasso e l’aumento della pressione arteriosa e dello stress corporeo.

Possibili segnali di cortisolo alto

Sebbene non si manifestino in tutti i casi, esistono alcuni segnali che possono suggerire che c’è qualcosa che non va nel vostro organismo e che forse potreste soffrire di cortisolo alto. Desiderate sapere quali sono? scopriamolo insieme.

1. Aumento di peso improvviso

Cortisolo alto: bilancia.

L’aumento di peso è uno dei primi sintomi dell’eccesso di cortisolo. È particolarmente evidente nella parte superiore del corpo, a causa del grasso che comincia ad accumularsi in luoghi quali spalle, petto e schiena.

L’aspetto più curioso è che le braccia e le gambe continueranno a essere magre.

Alcuni studi dimostrano che il cortisolo elevato riduce il flusso sanguigno e la somministrazione di glucosio al cervello. Questo fenomeno interferisce con la capacità delle cellule cerebrali di catturare glucosio e può arrivare a provocare la morte di alcune cellule.

Può essere interessante sapere che in uno studio intitolato Fructose-induced inflammation and increased cortisol: A new mechanism for how sugar induces visceral adiposity è stato osservato che il fruttosio nel cervello stimola un aumento nella produzione di cortisolo, cosa che potrebbe portare a una resistenza generale all’insulina e all’aumento di peso.

Vi consigliamo di leggere: Relazione tra ormoni e peso corporeo

2. Cortisolo alto e sintomi cutanei

 

Anche la pelle può essere danneggiata dall’ipercortisolismo o sindrome di Cushing. Come conseguenza, la persona può presentare i seguenti sintomi cutanei:

  • Acne.
  • Ematomi.
  • Aumento della peluria sul viso o sul corpo.
  • Lesioni purpuree su seno, addome e cosce

3. Sintomi muscolari e ossei

Alti livelli di cortisolo danneggiano anche la salute dei muscoli e delle ossa. In poche parole, la struttura ossea diviene più debole e il rischio di fratture aumenta, soprattutto nelle costole e nella colonna vertebrale. Allo stesso tempo, esiste anche il rischio che il paziente possa presentare facilmente strappi muscolari e lesioni affini.

4. Deficit nel sistema immunitario

Esami del sangue.

Il timo, una ghiandola che ha il compito di regolare il sistema immunitario umano, viene danneggiata dal cortisolo. Questo ormone può causare la morte delle cellule e indurre il sistema immunitario ad attaccare i tessuti del corpo invece dei virus.

  • Asma e allergia sono sintomi più comuni di un problema in questo sistema.
  • Tuttavia, la situazione può aggravarsi e causare lupus, morbo di Crohn e fibromialgia.

5. Sbalzi di umore e disturbi dello stato d’animo

L’ansia è uno dei sintomi che compaiono più di frequente nei casi in cui si sia sottoposti a livelli elevati di stress. È accompagnata da improvvisi e continui sbalzi di umore durante il giorno. In alcuni casi, può manifestarsi una grave depressione.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Dolore fisico e ansia: quale relazione?

6. Fatica e insonnia

Il dottor Hernando Pérez Díaz, coordinatore del Gruppo di Studio dei Disturbi della Veglia e del Sonno della Società Spagnola di Neurologia (SEN), ci fornisce la seguente spiegazione in merito al sonno e all’attività ormonale:

“La funzione primaria del sonno è quella di offrire riposo, come fanno le teorie di riparazione dei tessuti mediante la secrezione di ormoni anabolici (GH, prolattina, testosterone ed LH) e la soppressione di ormoni catabolici (cortisolo), di conservazione dell’energia o di mantenimento delle sinapsi e dell’integrità della rete neuronale”.

 

L’energia fornita dal cortisolo può essere controproducente per l’organismo, perché il corpo, eccessivamente attivo durante il giorno, non riposa. Di sera l’eccesso di ormoni non permette al paziente di entrare in stato di riposo, portandolo a soffrire di insonnia.

  • In condizioni normali, una persona presenta un innalzamento dei livelli di cortisolo intorno alle 8:00 del mattino per mantenersi attiva.
  • Nel caso di ipercortisolismo attivo succede il contrario: la persona si attiva durante la notte e si sente stanca al mattino.

Come è possibile equilibrare il cortisolo nell’organismo?

Di seguito vi presentiamo alcuni consigli per ridurre i livelli di cortisolo nel corpo e condurre una vita più sana.

Cercate di dormire di più

Prendetevi cura della vostra igiene del sonno, seguite orari regolari, eseguite dei rituali per rilassarvi prima di andare a dormire, fate cene leggere e preferibilmente 3 ore prima di andare a letto (come minimo) e fate tutto il possibile per riposare bene tutte le notti. Scoprite qual è il rituale che preferite e mettetelo in pratica.

Ricordate che, oltre a ridurre i livelli di cortisolo nell’organismo, godere di un buon risposo notturno vi consentirà di avere un aspetto più giovanile ed essere più sani.

Mantenete stabili i livelli di zucchero

Seguite una dieta equilibrata, ricca di alimenti nutrienti ed eliminate le bevande industriali, i cibi processati, surgelati e affini. Inoltre, consumate frutta quotidianamente e assumete pasti completi, composti da carboidrati, proteine e fibre per tenere sotto controllo il glucosio.

Si consiglia anche di consumare cibi ricchi di vitamina B, calcio, magnesio, cromo, zinco, vitamina C e acido alfa-lipoico (ALA).

Dite addio al caffè

Divieto di bere caffè in caso di cortisolo alto.
A causa del suo contenuto di caffeina, non è consigliabile che beviate caffè se avete difficoltà ad addormentarvi.

La caffeina tende ad aumentare i livelli di cortisolo nel sangue almeno del 30% in un’ora. Tuttavia, gli effetti in qualche caso possono durare anche 18 ore. Pertanto, se avete intenzione di ridurre il vostro metabolismo catabolico e di aumentare quello anabolico, non dovete più bere caffè.

Fate esercizio

I noti benefici che derivano da una regolare routine di esercizi, come l’aumento di massa muscolare e di produzione di serotonina e dopamina, vi consentiranno di correre meno rischi di soffrire di ansia o depressione. Inoltre, fare esercizio vi aiuterà a evitare uno squilibrio di cortisolo nel vostro organismo.

Pensate di avere il cortisolo alto? Consultate il vostro medico

Se ritenete di soffrire di uno o più dei sintomi sopra menzionati, consultate il vostro medico e toglietevi ogni dubbio. In questo modo potrete scoprire se i vostri livelli di cortisolo si trovano nella norma ed, eventualmente, che cosa potete fare al riguardo.

Naturalmente, tenete conto che, oltre a seguire il trattamento che vi prescrive il vostro medico, dovrete seguire uno stile di vita sano e coerente, per la vostra salute e il vostro benessere.

It might interest you...
Decalogo per combattere lo stress e l’esurimento
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Decalogo per combattere lo stress e l’esurimento

L'alimentazione gioca un ruolo molto importante nella lotta per combattere lo stress e l'esaurimento. Scopriamo insieme come!



  • Abraham, S. B., Rubino, D., Sinaii, N., Ramsey, S., & Nieman, L. K. (2013). Cortisol, obesity, and the metabolic syndrome: A cross-sectional study of obese subjects and review of the literature. Obesity. https://doi.org/10.1002/oby.20083
  • Brown, E. S., Varghese, F. P., & McEwen, B. S. (2004). Association of depression with medical illness: Does cortisol play a role? Biological Psychiatry. https://doi.org/10.1016/S0006-3223(03)00473-6
  • Björntorp, P., & Rosmond, R. (2000). Obesity and cortisol. In Nutrition. https://doi.org/10.1016/S0899-9007(00)00422-6