Eccesso di cortisolo nell’organismo: i sintomi

· 23 ottobre 2017
Ridurre il consumo di caffè e aumentare il consumo energetico attraverso la pratica di esercizio fisico è fondamentale per mantenere sotto controllo i nostri livelli di cortisolo

Il cortisolo o idrocortisone è un ormone prodotto dalla ghiandola surrenale, che aumenta la glicemia, indebolisce le ossa e puo causare sovrappeso. L’eccesso di cortisolo, detto anche ipercortisolismo, comporta concentrazione di grasso, aumento della pressione e stress corporeo.

Oggi vi vogliamo parlare di alcuni sintomi di questo disturbo, che vi aiuteranno a capire se il vostro organismo soffre un accumulo di cortisolo.

Segnali di eccesso di cortisolo

1. Aumento di peso improvviso

L’aumento di peso è uno dei primi sintomi di un eccesso di cortisolo.

  • Esso è particolarmente evidente nella parte superiore del corpo, a causa del grasso che comincia ad accumularsi in luoghi quali spalle, petto e schiena.
  • La cosa strana è che braccia e gambe continueranno ad essere come sempre. 

Vi consigliamo di leggere: Cosa sapere sul metabolismo per perdere peso in modo efficace

2. Reazioni cutanee

Viso di donna

Anche la pelle può essere danneggiata dall’ipercortisolismo. Esso può causare lo sviluppo di:

  • Acne
  • Lesioni purpuree su seno, addome e cosce
  • Ematomi e debolezza
  • Aumento della peluria sul viso o sul corpo.

3. Sintomi muscolari e ossei

Un eccesso di cortisolo danneggia muscoli e ossa. La struttura ossea diviene più debole e il rischio di fratture aumenta, soprattutto nelle costole e nella colonna vertebrale.

4. Deficit nel sistema immunitario

Esami del sangue

Il timo è una ghiandola che ha il compito di regolare il sistema immunitario umano, viene danneggiata dal cortisolo in eccesso.

Questo ormone può causare la morte delle cellule e indurre il sistema immunitario ad attaccare i tessuti del corpo invece dei virus.

I sintomi più comuni di un problema in questo sistema sono asma e allergie, ma la situazione può aggravarsi e causare lupus, morbo di Crohn e fibromialgia.

5. Fatica e insonnia

Donna che non riesce a dormire

L’energia fornita dal cortisolo può essere controproducente per l’organismo, perché il corpo, eccessivamente attivo durante il giorno, non riposa.

Di sera l’eccesso di ormoni non permette all’organismo di entrare in riposo l’organismo.

In condizioni normali, i livelli di cortisolo aumentano verso le otto di mattina per essere attivi. Nel caso di ipercortisolismo attivo succede il contrario: l’ormone si attiva durante la notte, causando scompensi.

Leggete anche: 9 sintomi della fatica cronica

Come ridurre il cortisolo nell’organismo?

Di seguito vi presentiamo alcuni consigli per ridurre i livelli di cortisolo nel corpo e condurre una vita più sana.

Addio al caffè

La caffeina tende ad aumentare i livelli di cortisolo nel sangue del 30% in un’ora. Tuttavia, gli effetti in qualche caso possono durare anche sino alle 18 ore.

Se avete intenzione di ridurre il vostro metabolismo catabolico e di aumentare quello anabolico, non dovete più bere caffè.

Dormire di più

Donna che dorme

Migliorate i vostri cicli di sonno assumendo infusi di valeriana e camomilla prima di andare a dormire. Permetterete al corpo di entrare più velocemente in stato di riposo e di rimanervi più a lungo.

Oltre a ridurre i livelli di cortisolo nell’organismo, vi farà apparire più sani e giovani e limiterà l’impatto del passare del tempo.

Fare sport

Lo sport rinforza la massa muscolare, aumenta la produzione di serotonina e dopamina, e riduce il rischio di soffrire di ansia o depressione.

Con l’attività fisica, inoltre, si libera l’energia in eccesso, evitando l’aumento e l’accumulo di cortisolo nell’organismo.

Mantenere stabili i livelli di zucchero

Consumate pasti completi con carboidrati, proteine e fibre per mantenere lo zucchero sotto controllo.

Si consiglia anche di assumere integratori di vitamina B, calcio, magnesio, cromo, zinco, vitamina C e acido alfa-lipoico (ALA).

  • Abraham, S. B., Rubino, D., Sinaii, N., Ramsey, S., & Nieman, L. K. (2013). Cortisol, obesity, and the metabolic syndrome: A cross-sectional study of obese subjects and review of the literature. Obesity. https://doi.org/10.1002/oby.20083
  • Brown, E. S., Varghese, F. P., & McEwen, B. S. (2004). Association of depression with medical illness: Does cortisol play a role? Biological Psychiatry. https://doi.org/10.1016/S0006-3223(03)00473-6
  • Björntorp, P., & Rosmond, R. (2000). Obesity and cortisol. In Nutrition. https://doi.org/10.1016/S0899-9007(00)00422-6
Guarda anche