Sei distratto o sbadato? 10 consigli

Essere distratti o sbadati molte volte è una diretta conseguenza del multitasking. Cerchiamo di eseguire più attività contemporaneamente, senza impegnarci al massimo in nessuna di esse.
Sei distratto o sbadato? 10 consigli

Ultimo aggiornamento: 18 settembre, 2022

Chi non ha passato diversi minuti alla ricerca di qualcosa prima di uscire e, dopo diversi tentativi falliti, si è reso conto di averla già in mano? Se lo racconti a qualcuno, ti accuserà di essere distratto o sbadato.

Quando cose simili ti accadono più volte al giorno, è possibile applicare alcune strategie. Di seguito troverai consigli per ridurre le distrazioni e pensare a cosa potrebbe succederti.

1. L’elenco delle priorità

Prima di iniziare la giornata, puoi fare un elenco delle attività che ti aspettano e assegnargli una priorità. In questo modo, non solo hai una panoramica della giornata, ma man mano che avanzi o raggiungi obiettivi, prosegui con ciò che segue.

Agenda per distratti o incapaci.
Se sei distratto o sbadato, le agende sono un’opzione eccellente da avere sempre a portata di mano.

2. Trovare un modo per ricordare le cose

Ad esempio, se non vuoi dimenticare il cibo in frigo, puoi lasciare un post-it sulla porta prima di andare al lavoro. Sono utili anche i promemoria con il cellulare.

3. Rispettare i tempi e imparare a gestirli

Spesso, la distrazione deriva da una mancanza di organizzazione. Pertanto, è bene che tu possa pianificare le tue attività.

A loro volta, ci sono diversi strumenti che ti consentono di sapere quanto tempo dedichi a una determinata attività o progetto. La maggior parte di essi sono tecnologici e sono disponibili per computer o smartphone.

4. Cercare di mantenere l’attenzione

Certo può essere difficile, ma se mentre stai conversando con qualcuno controlli anche le notifiche di WhatsApp, potresti perdere dettagli importanti della conversazione.

Pertanto, cerca di essere presente, qui e ora, in ciò che sta accadendo. Esercitati a fissare un limite con il numero di compiti e attività che desideri risolvere contemporaneamente.

5. Quali sono le cose che dimentichi di più?

Quali sono le cose che dimentichi di più? Sei sempre distratto o sbadato o solo per quanto riguarda determinati argomenti o attività?

Ad esempio, ti dimentichi di portare con te alcuni oggetti di uso quotidiano (occhiali, cappotto o chiavi) o ti dimentichi di impegni e incontri? A volte, quando ci pensi, finisci per essere onesto che non è solo una distrazione, ma piuttosto che non ti piace partecipare alle riunioni.

Quindi dimenticare funziona come una strategia o una scusa.

6. Cercare di mantenere l’ordine

Questa raccomandazione va di pari passo con il punto precedente. Se dimentichi oggetti, assegna posti fissi dove lasciare detti elementi. In questo modo, sarà più facile per te incorporare l’abitudine.

Puoi anche provare ad assegnare una serie di attività da completare prima di uscire di casa. Diciamo 3: trova il cibo, indossa il cappotto e controlla i bicchieri. Finché non conti fino a 3, non dovresti uscire.

D’altra parte, se ciò che dimentichi ha a che fare con le riunioni, puoi utilizzare allarmi o un’agenda per aiutare la tua memoria. Puoi anche utilizzare un pianificatore settimanale o mensile e posizionarlo in un luogo ben visibile, come la porta del frigorifero.

7. Scegliere un luogo privo di distrazioni

Se la concentrazione non è il tuo forte, cerca di lavorare o studiare in un ambiente poco soggetto a stimoli visivi e uditivi. Nella tua casa evita quei luoghi che sono di passaggio, cioè dove circolano molte persone in continuazione.

8. Concentrarsi su una cosa alla volta

È importante cercare di concentrarsi su un compito e impegnarci in un tempo di inizio e fine, anche se è breve. Quando ciò accade, alla fine della giornata abbiamo la percezione che non abbiamo fatto nulla o che non siamo andati avanti, perché non siamo riusciti a chiudere alcune questioni.

9. I momenti di svago e riposo

La distrazione compare anche dopo periodi impegnativi. Il cervello ha bisogno di una valvola di sfogo, di una tregua. Pertanto, è necessario trovare un equilibrio tra lavoro e svago.

10. Non giustificarti

Molte volte, le etichette distratto o sbadato hanno un vantaggio secondario: negare la responsabilità. Quindi, utilizziamo questa funzione per giustificarci. “È solo che io sono così, non ce la faccio, lo sai che sono sbadato”.

In questo senso, per uscire dalla comfort zone e migliorarci in quegli aspetti che possiamo migliorare, è importante essere onesti con noi stessi.

Uomo distratto o incapace.
Usare la distrazione come scusa può metterci in una situazione comoda che ci spinge a non voler cambiare o migliorare.

Ripensare il multitasking

A prescindere se sei distratto o sbadato, bisogna sempre osservare il contesto. Riceviamo costantemente messaggi che incoraggiano il multitasking, ovvero il fatto di svolgere più attività contemporaneamente.

Anche se potremmo pensare che sia un vantaggio (con una mano scriviamo un messaggio, con l’altra facciamo una prenotazione, mentre leggiamo le labbra di un collega che entra in ufficio per darci un messaggio), nel mezzo e a lungo termine le conseguenze sono visibili. Non ci colleghiamo con nulla e non possiamo dare alle questioni la giusta profondità, quindi non notiamo rischi e opportunità di miglioramento.

Progressivamente, lo stress e l’ansia iniziano a essere presenti. Il risultato è esaurimento mentale o burnout.

Forse si tratta anche di chiederci: distratti da cosa? È possibile che intendiamo rispettare ciò che è al di là del possibile.

Potrebbe interessarti ...
Sfruttare meglio il tempo a disposizione: 8 strategie
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sfruttare meglio il tempo a disposizione: 8 strategie

Se cercate un modo per sfruttare meglio il tempo a disposizione, dovete seguire un ordine ed essere disciplinati. Scoprite di più.



  • Castro, P. E. G., Barrientos, M. L. G., Sosa, E. R. C., Gatica, K. L., Hernández, R. D. R. V., García, J. H., … & Díaz, D. M. M. (2016). Factores que detonan el síndrome de burn-out. Revista Iberoamericana de Contaduría, Economía y Administración: RICEA5(9), 105-128.
  • Pikos, A. K. (2017). The causal effect of multitasking on work-related mental health: The more you do, the worse you feel (No. 609). Hannover Economic Papers (HEP).
  • Torrico, B. C. H., Tavera, C. A. A., Murillo, N. V., & Quintanilla, M. (2019). Multitasking en el colegio y la universidad: implementación de la tecnica del pomodoro para la mejora del rendimiento académico en estudiantes de ingenieria. In Congresos CLABES (pp. 789-798).