Sintomi e trattamenti per la gotta

· 27 agosto 2014
Non bisogna mai cominciare un trattamento senza consultare prima il medico e ottenere una diagnosi adeguata. Alcuni trattamenti potrebbero avere effetti collaterali.

La gotta è un’infezione che interessa le articolazioni e che causa forti dolori. Questa patologia si presenta con maggiore frequenza nell’alluce, anche se si può localizzare in qualsiasi altra parte del corpo, e nelle persone in età avanzata. La gotta si manifesta perché l’acido urico si accumula in grandi quantità nelle articolazioni. 

Quali sintomi provoca la gotta?

La gotta provoca un forte dolore nell’articolazione danneggiata in seguito all’infiammazione. La pelle dell’area interessata diventa molto rossa e lucida. In alcuni casi il tutto è accompagnato da lieve febbre. Se questo disturbo si ripete diverse volte, è possibile che si formino dei tofi (noduli duri al tatto formati da cristalli di acido urico che si attaccano intorno all’articolazione).

Quale trattamento si consiglia per alleviare la gotta?

Il trattamento più raccomandato per migliorare e ridurre i sintomi che caratterizzano la gotta consiste nel muovere con molta attenzione le articolazioni, evitando, per quanto possibile, di sottoporre le stesse a sforzi. Si consiglia di applicare sulla parte interessata del ghiaccio per dieci minuti. Tramite questo semplice procedimento, è possibile ridurre l’infiammazione in modo notevole e, pertanto, il dolore. È altrettanto importante bere la sufficiente quantità di acqua giornaliera e mantenere un peso corporeo adeguato.

In seguito ad una visita medica, vi verranno consigliati alcuni antinfiammatori per favorire la riduzione dell’infiammazione e per controllare il dolore. Questi medicinali devono essere prescritti dal medico curante e non devono mai essere assunti senza autorizzazione, poiché si tratta di farmaci che possono causare alcuni effetti secondari.

È bene sapere che le persone propense a soffrire di questa condizione di salute devono evitare di mangiare la carne rossa, i frutti di mare, le interiora, i brodi molto concentrati, i lieviti (sia di birra che di panetteria) e l’alcol. Si tratta, infatti, dei principali alimenti che contribuiscono all’aumento della produzione di acido urico.

Tra gli alimenti che possono essere assunti dalle persone affette da gotta ricordiamo:

  • le uova
  • I latticini (con eccezione dei formaggi stagionati grassi)
  • L’olio d’oliva
  • I ceci
  • I cereali senza germe e raffinati
  • Le verdure
  • La frutta
  • Il caffè
  • Il cioccolato
  • La gelatina

Altri alimenti, invece, devono essere assunti in quantità molto moderate, evitando in qualsiasi modo gli eccessi. Parliamo della carne bianca, del pesce, dei cereali integrali o con germe, dei cavoli, degli asparagi, degli spinaci e dei funghi.

Guarda anche