Tipi di cartilagine: caratteristiche e composizione

La cartilagine si trova in varie parti del corpo: nel naso, dentro l'orecchio, persino nei bronchi. In questo articolo ti diremo di più su questi tessuti.
Tipi di cartilagine: caratteristiche e composizione
Leidy Mora Molina

Revisionato e approvato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2022

Secondo le diverse caratteristiche e composizione, si ritiene che esistano tre tipi di cartilagine: ialine, elastiche e fibrose. Queste hanno alcune cose in comune, come il fatto che sono una forma speciale di tessuto connettivo.

Inoltre sono flessibili e distribuite in varie parti del corpo, partendo dalle ossa e passando attraverso il naso, le orecchie, la trachea, tra gli altri. Le loro funzioni sono varie; ad esempio, nelle articolazioni aiutano a evitare lo sfregamento tra i pezzi ossei e a resistere agli urti. Vuoi saperne di più?

Cosa sono le cartilagini?

Nel corpo ci sono diversi tipi di tessuti. Uno di questi è il cosiddetto “tessuto connettivo”, che svolge funzioni rilevanti come fornire struttura, sostegno e protezione ad altri tessuti e organi; oltre a immagazzinare e aiutare nel trasporto di varie sostanze.

A loro volta, all’interno dei tessuti connettivi ci sono sangue, linfa, tessuto adiposo, cartilagine e ossa. Gli ultimi due costituiscono il sistema osteoarticolare; e sebbene siano imparentati e abbiano funzioni simili, differiscono anche in molti di essi.

È interessante notare che, nel feto, le ossa più grandi si formano prima come cartilagine. Vengono quindi sostituiti, attraverso un processo noto come ossificazione endocondrale.

La cartilagine si trova spesso nelle articolazioni, anche se non esclusivamente, poiché si trova anche nelle orecchie, nel naso, nella trachea e in altre aree del corpo.

Questo tessuto connettivo specializzato è costituito per la maggior parte (95%) da una matrice extracellulare. È composto da vari tipi di collagene e acido ialuronico. In misura minore, vengono trovate diverse celle, come le seguenti:

  • Fibrociti.
  • Fibroblasti,.
  • Condroblasti.
  • Condrociti.

Questi ultimi hanno la funzione di svolgere la sintesi delle fibre di collagene. Infine ci sono i proteoglicani, molecole della matrice extracellulare che contengono proteine e polisaccaridi, e sono responsabili della comprimibilità della cartilagine.

Cosa sono le cartilagini?
La cartilagine è presente nelle articolazioni e in altre strutture del corpo, come le orecchie, il naso e la trachea.

Caratteristiche del tessuto cartilagineo

La cartilagine presenta alcune caratteristiche proprie che le consentono di differenziarsi dagli altri tessuti connettivi. Tra questi ci sono i seguenti:

  • Al suo interno ci sono spazi chiamati condroblasti o lacune, dove si trovano i condrociti.
  • I condrociti sono cellule mature e i condroblasti sono immaturi.
  • La cartilagine non ha terminazioni nervose o vasi sanguigni.
  • Pertanto, di solito non hanno colore o sensibilità.
  • Le sue cellule si nutrono attraverso un processo di diffusione passiva, attraverso la matrice.

Funzioni della cartilagine

Innanzitutto, la cartilagine si trova sulle superfici articolari delle ossa e tra di loro, cioè nelle articolazioni. In questo modo consente la mobilità, fungendo da ammortizzatore per resistere alle forze esercitate sul corpo.

Sulla base di ciò, il liquido sinoviale si deposita sulla cartilagine, che funge da lubrificante per ridurre l’ attrito nelle articolazioni che consentono il movimento.

D’altra parte, può trovarsi tra due ossa, senza essere una vera e propria articolazione. Ad esempio, sullo sterno e sulle costole. In questo caso, agisce più come un mezzo di fissaggio.

Infine abbiamo cartilagini come quelle delle orecchie e del setto nasale, che servono a dare forma a queste strutture; così come quello della trachea, che ne costituisce un rinforzo.

Diversi tipi di cartilagine

In base alle sue caratteristiche e funzioni, abbiamo diversi tipi di cartilagine; ialine, elastiche e fibrose. Diamo un’occhiata a ciascuno di essi in modo più dettagliato.

1. Ialino

La ialina è considerata la più abbondante nell’organismo. Questo tipo di cartilagine è presente alle estremità articolari delle ossa più grandi e delle costole, così come nel naso, nella trachea, nella laringe e persino nei bronchi.

È costituito da poche fibre ed è ricoperto da una guaina di tessuto connettivo; il pericondrio. Tuttavia, non c’è pericondrio nell’epifisi o nella testa delle ossa lunghe.

I tuoi condrociti sono organizzati in gruppi, chiamati gruppi “isogenici” o “isogenici”. Poiché mancano di afflusso di sangue, sono nutriti dal liquido sinoviale.

La cartilagine ialina contiene diverse classi di collagene, anche se il tipo II predomina nella sua matrice. Ha anche proteoglicani e altre proteine non collagene. Il suo aspetto è biancastro, con aree pigmentate attorno alle lacune, in cui predominano i proteoglicani.

2. Elastico

Come suggerisce il nome, si caratterizza per la sua flessibilità. Ciò è dovuto all’elastina e ad alcune fibre, nonché ai fogli intrecciati di materiale elastico. Ha anche collagene di tipo II.

Si trova in varie parti del corpo, come le seguenti:

  • Epiglottide.
  • Laringe (cartilagine cuneiforme).
  • Tromba d’Eustachio.
  • padiglione auricolare.
  • Pareti del condotto uditivo.

Come il tipo di cartilagine sopra descritto, manca di afflusso di sangue e ha anche un rivestimento (pericondrio). Tuttavia, a differenza del primo, nell’elastico è presente un maggior numero di gruppi isogenici e la sua colorazione è moderatamente giallastra.

3. Fibroso

Il fibroso è anche chiamato “fibrocartilagine”. Contiene collagene di tipo I. Di solito è avascolare. Tuttavia, in alcune cartilagini di questa classe c’è un afflusso di sangue.

I loro condrociti sono disposti in file parallele tra i fasci di collagene. E le fibre nella matrice sono più dense, quindi possono sopportare forze di trazione più elevate.

Per questo motivo, funziona come un dispositivo di smorzamento e resistenza contro la compressione. Pertanto, modera l’allungamento e aiuta a evitare possibili strappi.

Strutturalmente, è una combinazione degli altri due tipi. Tuttavia, la cartilagine fibrosa manca di un pericondrio. È presente in diverse parti del corpo, come:

  • Inserimento di tendini nelle ossa.
  • Menischi del ginocchio.
  • Dischi delle vertebre.
  • Articolazioni sternoclavicolari e temporomandibolari.
  • Complesso fibrocartilagineo triangolare del polso.
  • Sinfisi pubica.
diversi tipi di cartilagine
La cartilagine è classificata in tre tipi, in base alla sua composizione e alle sue funzioni. In generale, si tratta di una forma di tessuto connettivo.

Condizioni e malattie della cartilagine

Diversi tipi di cartilagine possono essere colpiti da lesioni o varie malattie che causano dolore e infiammazione, nonché deformità e mobilità limitata.

Nello sport e nell’attività fisica in generale (compresa la danza), le lesioni che possono causare lacerazioni dei legamenti e altri danni articolari non sono rare.

Allo stesso modo, ci sono malattie come l’artrosi, in cui si verifica una degenerazione del tessuto flessibile dell’articolazione, al punto che può causare attrito tra le ossa.

Questi danni sono solitamente una conseguenza della degenerazione dell’età. Tuttavia, casi come l’artrite possono essere causati da una reazione del sistema immunitario in cui il corpo attacca i propri tessuti.

Salute della cartilagine

È possibile prevenire alcune condizioni della cartilagine, anche se non in tutti i casi. Evitare movimenti improvvisi e ripetitivi è una delle misure più importanti, soprattutto quando si fanno esercizi o sport.

D’altra parte, ci sono alimenti che aiutano a prendersi cura di queste strutture, come quelli ricchi di vitamina C, collagene e omega 3. Alcuni esempi sono uova, pesce, latticini e noci.

In definitiva, è necessario prendere precauzioni per quanto riguarda alcuni fattori di rischio, come l’eccessiva attività fisica, l’obesità, lo stress o una cattiva alimentazione. Questi non solo compromettono la salute della cartilagine, ma delle articolazioni in generale.

Potrebbe interessarti ...
Alimentazione per rafforzare le articolazioni
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alimentazione per rafforzare le articolazioni

La dieta deve contribuire a rafforzare le articolazioni e a proteggere le cartilagini, il cui invecchiamento può causare molti disturbi.



  • Debellea L, Tamburroa A. Elastin: molecular description and function. The International Journal of Biochemistry & Cell Biology. 1999; 31(2): 261-272.
  • Gorodner O. Guía Actividad 3. Sangre – tejidos cartilaginoso y óseo. Universidad Nacional del Nordeste, 2013. Disponible en: http://www.ucv.ve/uploads/media/Pr%25C3%25A1ctica_de_Cart%25C3%25ADlago_y_%25C3%25B3seo.pdf&ved=2ahUKEwjEjbK69pz7AhUzsDEKHd_6CZcQFnoECAMQAg&usg=AOvVaw3oQPNBkv3lBhXIPaT3E1uE.
  • Mericq V. Factores reguladores de la osificación endocondral. Rev. Méd. Clín. Condes. 2007; 18(4): 325-329.
  • Martínez-Castillo A, Núñez C, Cabiedes J. Análisis de líquido sinovial. Reumatol Clin. 2010; 6(6): 316–321.
  • Varios. Guías de procedimientos en reumatología. Bogotá: Asociación Colombiana de Reumatología, 2012.
  • Velosa A, Teodoro W, Yoshinari N. Colágeno na cartilagem osteoartrótica. Rev Bras Reumatol. 2003; 43(3): 160-166.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.