Tossicità della vitamina E: cosa c'è da sapere?

La vitamina E può essere tossica se assunta in modo non corretto. È meglio includerla nella dieta attraverso il cibo, come mais o arachidi.
Tossicità della vitamina E: cosa c'è da sapere?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 02 gennaio, 2023

La vitamina E è un nutriente fondamentale per il corpo, ma può causare tossicità. È possibile che si verifichi un sovradosaggio se vengono superati i massimi giornalieri stabiliti, quindi è necessario prestare molta attenzione con gli integratori.

Non superare mai le raccomandazioni del produttore per l’assunzione di integratori.

È fondamentale sottolineare che i micronutrienti sono sempre mantenuti in intervalli di concentrazione relativamente ristretti all’interno del corpo. È bene seguire un’alimentazione varia ed equilibrata per far sì che non si verifichino deficit, anche se in alcuni casi è necessario un contributo in più. Un esempio potrebbero essere gli atleti.

Funzioni della vitamina E

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista IUBMB Life , la vitamina E può agire nell’organismo come un potente antiossidante. Aiuta a neutralizzare la formazione di radicali liberi e il loro successivo accumulo nei tessuti. Grazie a ciò, si riduce il rischio di contrarre patologie croniche.

D’altra parte, anche la vitamina E collabora al mantenimento dell’immunità. Attiva le cellule relative al sistema di difesa. La ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients lo conferma.

Si sta inoltre studiando se un consumo sufficiente di questo elemento possa aiutare a prevenire le patologie neurodegenerative, o almeno facilitarne la gestione. Si ipotizza che il potere antiossidante contribuisca a mantenere uno stato di omeostasi, prevenendo la progressione della degenerazione neuronale.

Fonti di vitamina E

Possiamo trovare nella dieta diversi alimenti con un alto contenuto di vitamina E. Un esempio potrebbero essere gli oli di soia, girasole, cartamo e mais.

Anche i semi di girasole, le mandorle, le nocciole e il burro di arachidi si distinguono per la concentrazione di dosi elevate di tale elemento. Infine, segnaliamo le verdure come kiwi, pomodori, spinaci e broccoli.

Oli vegetali.
Gli oli vegetali sono un’ottima fonte di vitamina E.

Esiste l’overdose da vitamina E?

La vitamina E ha un carattere liposolubile, quindi può accumularsi nei tessuti del corpo. Questo fa sì che dosi molto elevate, consumate cronicamente, generino tossicità. Sebbene questo non sia uno scenario frequente, causerebbe complicazioni.

La dose giornaliera ottimale di vitamina E è di 15  milligrammi.

Tossicità della vitamina E

La quantità massima tollerabile di vitamina E per l’uomo è di 1000 mg al giorno. Da qui aumenta il rischio di andare incontro a tossicità o sovradosaggio, quindi non è consigliabile integrare al di sopra di questi valori.

Va notato che non è positivo nemmeno integrare con vitamina E in tutti i contesti. Ad esempio, non è consigliabile consumarlo in dosi elevate cronicamente negli atleti.

In caso contrario, gli adattamenti muscolari dopo l’esercizio potrebbero essere ridotti, a causa del suo elevato effetto antiossidante. Lo conferma uno studio pubblicato su International Journal of Environmental Research and Public Health.

Di per sé, la persona che soffre di tossicità da vitamina E può avere una maggiore tendenza al sanguinamento. Questo perché la sostanza interferisce con la naturale capacità anticoagulante del sangue. In questo senso aumenterebbe il rischio di subire un accidente cerebrovascolare.

Interazione farmacologica

L’eccesso di vitamina E è in grado di interagire con i farmaci che la persona sta consumando. Ricordando quanto abbiamo già detto, è bene sottolineare che la tossicità potenzia l’azione anticoagulante dell’aspirina e del warfarin.

È stata riscontrata anche un’interazione con il tamoxifene, un farmaco indicato per il trattamento del cancro al seno. Pertanto, i pazienti con questa patologia oncologica dovrebbero ricevere dosi misurate di integratori vitaminici. Inoltre, vi è interazione con gli immunosoppressori, quindi gli stessi criteri si applicano ai pazienti trapiantati.

Come assumere gli integratori di vitamina E per evitare la tossicità?

Gli integratori di vitamina E sono utili per coloro che hanno sviluppato una carenza di questa vitamina. Anche per pazienti con patologia infiammatoria o con problemi di assorbimento dei grassi a causa di qualche alterazione della capacità funzionale intestinale.

Negli atleti si può valutare, solo quando lo stato di affaticamento è molto elevato, anche se in questi casi non è consigliabile prolungare l’assunzione oltre le 2 settimane.

Naturalmente, molte persone consumano questo tipo di integratore con l’obiettivo di migliorare l’aspetto della pelle o dei capelli. Anche per migliorare la funzione immunitaria. Ma per questo non è sempre necessario.

Esistono diverse alternative con minor rischio di tossicità. Di solito è efficace proporre una dieta varia ed equilibrata.

Uomo prende un integratore di vitamina E.
Il supplemento di vitamina E viene solitamente consumato in modo eccessivo, senza che vi sia un effetto che possa essere confermato in tutti i casi.

La vitamina E può causare tossicità

La vitamina E è essenziale per il corpo. Nonostante ciò, potrebbe essere tossica quando determinate dosi vengono superate in maniera prolungata, per la sua capacità di accumularsi nel corpo. Qualcosa di simile accade con la vitamina A, quindi l’integrazione cronica con entrambi gli elementi non è raccomandata.

È fondamentale sottolineare che di solito è più frequente sperimentare carenze di questi nutrienti piuttosto che overdose. Questi scenari sono altrettanto rischiosi. Quando le concentrazioni di vitamine diminuiscono, si verificano problemi legati all’equilibrio ossidativo.

Potrebbe interessarti ...
Ipervitaminosi: conseguenze dell’eccesso di vitamine
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Ipervitaminosi: conseguenze dell’eccesso di vitamine

L'ipervitaminosi è una condizione rara causata da un eccessivo apporto di vitamine nell'organismo che se non sono smaltite creano tossicità.



  • Higgins MR, Izadi A, Kaviani M. Antioxidants and Exercise Performance: With a Focus on Vitamin E and C Supplementation. Int J Environ Res Public Health. 2020;17(22):8452. Published 2020 Nov 15. doi:10.3390/ijerph17228452
  • Lee GY, Han SN. The Role of Vitamin E in Immunity. Nutrients. 2018;10(11):1614. Published 2018 Nov 1. doi:10.3390/nu10111614
  • Miyazawa T, Burdeos GC, Itaya M, Nakagawa K, Miyazawa T. Vitamin E: Regulatory Redox Interactions. IUBMB Life. 2019;71(4):430-441. doi:10.1002/iub.2008
  • Neubauer, Oliver, and Christina Yfanti. “Antioxidants in athlete’s basic nutrition: considerations towards a guideline for the intake of vitamin C and vitamin E.” (2015).
  • Podszun M, Frank J. Vitamin E-drug interactions: molecular basis and clinical relevance. Nutr Res Rev. 2014 Dec;27(2):215-31. doi: 10.1017/S0954422414000146. Epub 2014 Sep 16. PMID: 25225959.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.