Metabolismo lento: 5 trucchi eccezionali per migliorarlo

26 Febbraio 2017
Sapevate che sia il caffè sia il tè verde oltre a svegliarci, sono ideali per rimettere in moto il metabolismo? Chi soffre di insonnia, però, dovrebbe limitare il caffè alle ore mattutine.

Parliamo spesso di metabolismo lento o veloce come una funzione del nostro organismo che ci piacerebbe controllare per favorire la perdita di peso.

È curioso che molte persone che non curano la propria alimentazione o conducono una vita molto sedentaria attribuiscano l’impossibilità di dimagrimento al metabolismo lento: “È una caratteristica della mia famiglia, non c’è niente da fare”.

È certamente vero che una volta raggiunta la mezza età il nostro corpo cambia e diventa più difficile eliminare i chili di troppo, ma esistono alcune strategie che ci possono aiutare.

Quando parliamo di metabolismo, ci riferiamo all’insieme di quei processi chimici incredibilmente perfetti tramite i quali le cellule garantiscono il buon funzionamento del nostro corpo.

Potremmo immaginare questo processo come una macchina che lavora a pieno ritmo e che gradirà sempre se le offriamo il “combustibile migliore”.

Sono molti i fattori in grado di favorire questo dinamismo, questa energia interna che ci permette di migliorare un metabolismo lento.

Oggi vi diamo 5 semplici consigli che vi saranno di grande aiuto in questo senso.

1. Mangiate più volte al giorno, ma in piccole quantità

Alimentazione sana

L’ideale sarebbe rispettare i 5 pasti giornalieri, ma mangiare sempre piccole quantità. Dovremmo evitare le classiche abbuffate che calmano immediatamente la fame acuta e l’ansia.

  • Non uscite mai di casa senza aver fatto colazione e, soprattutto, non andate a letto senza cena.
  • Distanziare troppo i pasti significa sottoporci a bruschi cali di zuccheri, a stanchezza e, a lungo andare, ad avere un metabolismo lento.
  • Occorre mangiare nelle giuste quantità e offrire a noi stessi piatti variati ed equilibrati. La fame improvvisa può essere saziata con un frutto o un po’ di frutta secca.

2. Il piccante, nelle giuste quantità, aiuta

Vi piace il peperoncino? Allora aggiungetelo in piccole dosi ai vostri piatti: vi permetterà di elevare immediatamente l’attività metabolica fino ad un 20% in più.

Questo effetto si deve alla presenza della capsaicina, un principio attivo che, oltre a fornire ai cibi quel sapore piccante tanto stuzzicante, ci aiuta ad intaccare i depositi di grasso, vecchi o recenti.

Potete concedervi un piatto piccante due volte a settimana. In questo modo, riuscirete a dimagrire in modo sano, avendo ovviamente cura della vostra alimentazione complessiva.

Scoprite 5 bevande che aiutano a perdere peso

Le proteine che aiutano ad migliorare un metabolismo lento

quinoa e zucchine

Potrebbe sorprendervi, ma le proteine ci aiutano a mantenere il nostro corpo a pieno regime: vengono digerite più lentamente e richiedono una maggiore quantità di energia per essere assorbite.

È importante, però, saper scegliere le proteine giuste. Ad esempio, una carne rossa troppo grassa non farà altro che causare l’effetto opposto: rallentare il metabolismo.

Segnatevi, quindi, questa lista con le migliori fonti proteiche che aiutano a rafforzare i muscoli e ad accelerare il tasso metabolico:

  • ceci
  • uova
  • salmone
  • sardine
  • tonno
  • carne di pollo e tacchino
  • avocado
  • yogurt bianco naturale
  • pompelmo
  • semi di chia

4. Caffè e tè verde

Assunti con equilibrio e moderazione, sia il tè verde sia il caffè possono aiutare a stimolare il metabolismo.

La prima colazione sarà completa con una buona tazza di caffè. Il cervello lo gradirà e il tasso metabolico accelererà immediatamente.

Il caffè contiene diverse sostanze dall’azione interessante:

  • La caffeina, un alcaloide favoloso per il nostro organismo.
  • La teobromina e la teofillina, due sostanze simili alla caffeina che hanno anch’esse un effetto stimolante.
  • L’acido clorogenico, una sostanza che ci permette di assorbire i carboidrati più lentamente.

Invece, il tè verde con le sue catechine stimola il fegato a convertire il grasso in energia. Non esitate a berne una tazza a metà pomeriggio e ad approfittare delle sue virtù.

5. Il metodo “HIIT”: sono sufficienti 5 minuti al giorno di esercizi ad alta intensità

L’allenamento a intervalli di alta intensità (High Intensity Interval Training) rientra nella categoria delle attività che combinano l’esercizio aerobico a quello anaerobico.

I classici esercizi aerobici non sono sufficienti quando si cerca di dimagrire, mettere massa muscolare ed accelerare il metabolismo.

Se vi interessa provarlo, anche solo in modo semplice a casa vostra, ecco un piccolo esempio su come funziona.

Leggete anche: Camminare: il miglior esercizio per il corpo e per la mente

Donna si allena

  • Iniziate la sessione di esercizi con una serie di allungamenti ed esercizi di riscaldamento.
  • Senza muovervi dal posto, simulate i movimenti della corsa sollevando rapidamente le ginocchia. Saranno sufficienti 20 secondi.
  • Eseguite 10 flessioni.
  • Adesso, tornate agli esercizi di allungamento.
  • Per il prossimo esercizio dovrete sedervi sulla punta di una sedia ben stabile.
  • Inclinatevi leggermente all’indietro.
  • Contraete gli addominali e tenete le ginocchia piegate a 90 gradi.
  • Mantenete questa posizione per 20 secondi.

Potete completare questi semplici esercizi con altri simili, ma ugualmente intensi.

Vi basterà dedicare ogni giorno 5 minuti del vostro tempo a questo allenamento così sano.

Il vostro metabolismo vi ringrazierà.

Immagine principale per gentile concessione di © wikiHow.com