Vaginite: 5 trattamenti di origine naturale

31 dicembre 2017
Sebbene questi rimedi possano aiutarci a combattere la vaginite in modo naturale, se non notiamo un miglioramento è meglio andare dal ginecologo perché possa esaminare con cura la situazione e fornirci una diagnosi professionale

La vaginite è una condizione causata da infiammazione delle mucose che rivestono l’interno della vagina.

Può dipendere da una crescita eccessiva dei batteri patogeni oppure da infezioni micotiche, carenze nutrizionali e alterazioni nel pH della flora vaginale.

È caratterizzata da una fastidiosa sensazione di bruciore, oltre che da cattivo odore, prurito alla vulva e cambiamenti nella struttura e nel colore delle secrezioni vaginali.

È più comune durante la fase riproduttiva, sebbene possa verificarsi anche durante la menopausa a causa della minore produzione di estrogeni.

Anche se di solito non causa gravi complicazioni, è essenziale cercare un trattamento per ripristinare il pH vaginale e prevenire lo sviluppo di altre infezioni.

Per fortuna, oltre a trattamenti medici convenzionali, ci sono diverse soluzioni naturali che aiutano ad accelerare il recupero.

In questo articolo vogliamo condividere cinque alternative interessanti, in modo che possiate approfittarne qualora siate afflitte da vaginite.

Prendete nota!

Rimedi naturali per la vaginite

1. Infuso di aglio

Aglio

I composti sulfurei dell’aglio gli conferiscono proprietà antibiotiche, antiinfiammatorie e antimicotiche che possono facilitare il trattamento della vaginite.

L’applicazione esterna del suo infuso regola l’attività dei batteri nella flora vaginale e crea una barriera protettiva contro i microrganismi patogeni.

Ingredienti

  • 3 spicchi di aglio crudo
  • 2 tazze di acqua (500 ml)

Preparazione

  • Schiacciate gli spicchi d’aglio e, dopo aver ottenuto un impasto, metteteli in una pentola con acqua bollente.
  • Lasciate riposare la bevanda durante 10 o 15 minuti e poi filtratela.

Modo d’uso

Risciacquate le aree esterne della vagina con l’infuso. Ripetete il rimedio fino a 2 volte al giorno per una settimana.

Leggete anche: I benefici dell’aglio nero

2. Infusione di malva e piantaggine

L’assunzione di infuso di malva e piantaggine controlla gli squilibri ormonali che favoriscono la comparsa della vaginite.

I suoi composti antiinfiammatori riducono l’irritazione della mucosa vaginale e alleviano il dolore e le secrezioni in eccesso.

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di foglie di malva (5 g)
  • 1 cucchiaino di foglie di piantaggine (5 g)
  • 1 tazza di acqua (250 ml)

Preparazione

  • Bollite una tazza di acqua e, quando raggiunge il punto di ebollizione, aggiungete le piante.
  • Abbassate la fiamma e cuocere ancora per 3 o 5 minuti.
  • Togliete la bevanda dalla fonte di calore, copritela e lasciatela riposare per 10 minuti.

Modo d’uso

Ingerite l’infuso 2 volte al giorno per 2 settimane.

3. Olio di cocco e vitamina E

Olio di cocco

Le proprietà antimicrobiche e antimicotiche dell’olio di cocco si combinano con il potere idratante della vitamina E per un trattamento completo contro i sintomi della vaginite.

La sua applicazione esterna riduce la sensazione di prurito e bruciore e neutralizza gli odori, le secrezioni in eccesso o la secchezza, qualora si presenti.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di olio di cocco (30 g)
  • 1 cucchiaino olio di vitamina E (5 g)

Preparazione

Unite l’olio di cocco con un cucchiaino di vitamina E.

Modo d’uso

  • Applicate il trattamento sulle zone infiammate e lasciate agire senza risciacquare.
  • Applicate prima di andare a letto per una settimana.

4. Aloe vera e olio di tea tree

Combinando le proprietà del gel di aloe vera con il potere antimicrobico e antimicotico dell’olio di tea tree si può ottenere un trattamento efficace contro il disagio causato dalla vaginite.

Questi ingredienti sostituiscono il lubrificante naturale delle parti intime favorendo la crescita dei batteri sani della flora vaginale.

I suoi composti contribuiscono a eliminare i batteri e i lieviti, controllando l’infiammazione, i cattivi odori e il bruciore.

Ingredienti

  • 3 cucchiai gel di aloe vera (45 g)
  • 5 gocce di olio essenziale di tea tree

Preparazione

Mescolate il gel di aloe vera con le gocce di olio essenziale di tea tree.

Modo d’uso

  • Strofinate il trattamento sulle aree esterne della vagina e lasciatelo agire senza risciacquare.
  • Applicatelo 2 volte al giorno per una settimana.

Non perdetevi questo articolo: Tea tree oil: l’olio della vita e dai mille rimedi naturali

5. Latte e curcuma

Latte di curcuma

Le proprietà antimicotiche e antibiotiche della curcuma rafforzano le difese per combattere i lieviti e i batteri che causano infezioni nella vagina.

Sebbene sia utile applicato esternamente, se ne consiglia anche l’assunzione assieme a un po’ di latte per ridurre i sintomi della vaginite.

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere (5 g)
  • 1 tazza di latte intero (250 ml)

Preparazione

Mettete a scaldare una tazza di latte e aggiungete un cucchiaino di curcuma in polvere.

Modo d’uso

Ingerite la bevanda una volta al giorno per 8 o 10 giorni.

Avvertite un disagio nella vagina? Avete notato cambiamenti nelle vostre secrezioni vaginali? Se riscontrate i sintomi della vaginite, provate alcuni di questi rimedi e combattetela al più presto.

Se il problema persiste, consultate il vostro medico o ginecologo di fiducia.

Guarda anche