Vellutata di barbabietola: come si prepara?

La barbabietola contiene nitrati, composti che provocano una vasodilatazione che, in molti casi, offre diversi benefici. Ecco come preparare una ricetta saporita a base di questo ortaggio.
Vellutata di barbabietola: come si prepara?

Ultimo aggiornamento: 25 luglio, 2021

La vellutata di barbabietola è una ricetta perfetta per prendersi cura dell’apparato cardiovascolare. Si tratta di una ricetta in cui il forte sapore di questo ortaggio risulta attenuato. Un piatto sano che piacerà moltissimo a tutta la famiglia.

Tenete conto che il consumo di ortaggi è particolarmente consigliato poiché contengono fitonutrienti in grado di prevenire lo sviluppo di patologie complesse. D’altra parte, però, bisogna anche garantire un apporto adeguato di macronutrienti, soprattutto di proteine.

Ingredienti per la vellutata di barbabietola

Iniziamo elencando gli ingredienti di cui abbiamo bisogno per preparare la vellutata di barbabietola. Procuratevi quanto segue:

  • 3 barbabietole cotte
  • 1 porro
  • 2-3 spicchi d’aglio
  • Alloro a piacere
  • Il succo di mezzo limone
  • Timo
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Acqua
Barbabietola.
Non tutti apprezzano il sapore della barbabietola; preparare una vellutata può essere una buona idea per introdurre questo vegetale nella dieta.

Preparazione passo dopo passo

Scegliere di comprare la barbabietola cotta è l’opzione più comoda, perché ci consente di risparmiarci un passaggio piuttosto noioso. Se però avete trovato questo ortaggio al naturale, dovrete cuocerlo da voi.

A tale scopo, versate dell’acqua in una pentola a pressione. Lavate bene la barbabietola e introducetela nella pentola quando l’acqua è già calda. Lasciatela cuocere per circa 20 minuti.

Nel caso in cui non disponiate di una pentola a pressione e ne abbiate invece una normale, è possibile che il tempo di cottura raggiunga i 45 minuti, sempre a fuoco medio.

Prima di proseguire, è necessario asciugare la barbabietola con della carta da cucina. Successivamente, bisogna tagliarla in pezzi di dimensioni grossolani. Tritare il porro molto finemente, sbucciare e tagliare a pezzetti gli spicchi d’aglio.

Soffriggiamo per circa 5 minuti il porro, in una padella con dell’olio extravergine di oliva. Quando sarà dorato, aggiungiamo l’aglio, facendo attenzione per evitare che si bruci. Quando anche l’aglio avrà raggiunto la doratura, aggiungere la barbabietola, una o due foglie di alloro, timo a piacere e acqua fino a coprire il tutto.

È importante fare sì che il preparato giunga a ebollizione, per poi proseguire con la cottura per altri 5 minuti. Trascorso questo tempo, si procede a salare e si tolgono le foglie di alloro.

Ora arriva il passaggio più semplice. Bisogna frullare il tutto fino a ottenere una consistenza omogenea. Poi possiamo filtrarlo per assicurarci che non rimangano pezzi troppo grandi. Infine, aggiungiamo il succo di limone e mescoliamo. La vellutata di barbabietola è pronta.

Vi consigliamo di leggere anche: Vegetali rossi: perché includerli nella dieta?

Benefici della barbabietola

La barbabietola offre diversi benefici per la salute. In primo luogo, presenta un’elevata concentrazione di nitrati. Questi ultimi sono utili per la salute cardiovascolare, perché esercitano un effetto vasodilatatore riducendo così la pressione sanguigna, come evidenzia uno studio pubblicato su Critical Reviews in Food Science and Nutrition.

Questi nitrarti risultano utili anche durante l’attività fisica. La vasodilatazione consente un maggiore apporto di nutrienti e di ossigeno ai tessuti, che si traduce in un miglioramento del rendimento sportivo. Una ricerca pubblicata su Journal of the International Society of Sports Nutrition consiglia di consumare barbabietola prima di fare sport.

Oltre a ciò, le barbabietole contengono fitonutrienti dotati di proprietà antiossidanti. È stato dimostrato che queste sostanze, tra le quali si segnalano le antocianine, sono in grado di neutralizzare la formazione di radicali liberi, contribuendo a prevenire lo sviluppo di patologie croniche. Se ne consiglia, di fatto, il consumo abituale.

Barbabietole a fette.
Le antocianine delle barbabietole sono antiossidanti, di conseguenza bloccano la formazione di radicali liberi coinvolti nell’invecchiamento prematuro.

Vellutata di barbabietola: una ricetta salutare

La vellutata di barbabietola offre diversi benefici alla nostra salute. Sia le persone sedentarie sia gli sportivi possono godere degli effetti vasodilatatori di questa ricetta.

Bisogna, tuttavia, fare attenzione al consumo degli ortaggi ad alta concentrazione di nitriti, come la barbabietola, in caso di trattamento farmacologico per malattie cardiovascolari. In questo caso, è bene consultare prima il medico.

Ciononostante, in generale il consumo di barbabietola è comunque consigliato. Si tratta di un ortaggio che contiene un’alta quantità di antiossidanti. Questi elementi sono fondamentali per prevenire lo sviluppo di patologie croniche. Inoltre, sono utili per rallentare la comparsa dei segni dell’invecchiamento.

Il sapore della barbabietola, non gradito a tutti, risulta attenuato in questa preparazione. Ideale, dunque, anche per chi in genere non ama mangiare questo cibo.

Potrebbe interessarti ...
Dieta delle barbabietole: sana ed efficace
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Dieta delle barbabietole: sana ed efficace

Vi farà senz'altro piacere sapere che la dieta delle barbabietole è ottima per perdere quei chili di troppo che sembrano non voler andar via.



  • Bondonno CP, Croft KD, Hodgson JM. Dietary Nitrate, Nitric Oxide, and Cardiovascular Health. Crit Rev Food Sci Nutr. 2016 Sep 9;56(12):2036-52. doi: 10.1080/10408398.2013.811212. PMID: 25976309.
  • Domínguez R, Maté-Muñoz JL, Cuenca E, García-Fernández P, Mata-Ordoñez F, Lozano-Estevan MC, Veiga-Herreros P, da Silva SF, Garnacho-Castaño MV. Effects of beetroot juice supplementation on intermittent high-intensity exercise efforts. J Int Soc Sports Nutr. 2018 Jan 5;15:2. doi: 10.1186/s12970-017-0204-9. PMID: 29311764; PMCID: PMC5756374.
  • Aune D. Plant Foods, Antioxidant Biomarkers, and the Risk of Cardiovascular Disease, Cancer, and Mortality: A Review of the Evidence. Adv Nutr. 2019 Nov 1;10(Suppl_4):S404-S421. doi: 10.1093/advances/nmz042. PMID: 31728499; PMCID: PMC6855972.