5 alimenti ricchi di arginina da includere nella dieta

Ecco alcuni alimenti ricchi di arginina per godere dei benefici per la salute di questo aminoacido.
5 alimenti ricchi di arginina da includere nella dieta
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 03 ottobre, 2022

Gli alimenti ricchi di arginina contribuiscono al miglioramento del funzionamento del sistema cardiovascolare. Si tratta di un aminoacido che riesce a stimolare la produzione di ossido nitrico, che induce vasodilatazione. Questo può aiutare a ridurre i livelli di pressione sanguigna e aiutare il cuore a lavorare in modo più efficiente.

Per portare avanti una dieta sana, è importante raggiungere la varietà e l’equilibrio a livello energetico. In questo modo si eviteranno dannose alterazioni dello stato della composizione corporea che possono influenzare i livelli di infiammazione nell’ambiente interno.

Alimenti ricchi di arginina

In questo articolo troverai un elenco di alimenti ricchi di arginina. Per sperimentare un beneficio all’interno del contesto sportivo, sarà fondamentale includerlo sotto forma di integratore. L’importo trovato nei generi alimentari non sarà sufficiente. Tuttavia, si possono sperimentare dei miglioramenti nello stato di salute.

Sardine

La sardina aiuta a ridurre il rischio di diabete?
Le sardine sono ricche di arginina. Includile nella tua dieta!

Le sardine sono una buona fonte di arginina. Inoltre, contengono una dose significativa di acidi grassi della serie omega 3. Questi elementi hanno dimostrato di aiutare a controllare i livelli di infiammazione, che impedisce lo sviluppo di molte patologie croniche e complesse. Naturalmente, sarà fondamentale raggiungere un buon equilibrio tra omega 3 e omega 6 per ottenere i maggiori benefici.

Mandorle

Le noci sono alimenti caratterizzati da un’elevata densità nutritiva. Hanno proteine e acidi grassi in quantità significative. Inoltre, presentano al loro interno diversi minerali di particolare importanza e, naturalmente, l’arginina.

Tra i minerali presenti nelle mandorle segnaliamo il selenio, un composto ad alta attività antiossidante. Questo è positivo per il sistema cardiovascolare, insieme alla suddetta arginina.Attraverso i processi antiossidanti si può ridurre il rischio di sviluppare patologie coronariche complesse. Lo indica uno studio pubblicato sul British Journal of Pharmacology.

Soia

La soia è un’altra buona fonte di arginina. Inoltre, fornisce flavonoidi, elementi particolarmente positivi per la salute delle donne. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Current Medicinal Chemistry, riescono a ridurre gli stati infiammatori, riuscendo a mantenere l’omeostasi nell’ambiente interno.

Ora, c’è stata un po’ di polemica riguardo al consumo di soia negli uomini. Per anni si è affermato che questo alimento potesse agire come un soppressore dei livelli di testosterone, qualcosa che sarebbe davvero dannoso per la salute degli uomini. Tuttavia, l’attuale letteratura scientifica sostiene che non siano troppo problematici, a patto che vengano consumati in quantità moderate.

Lenticchie

Non possiamo menzionare cibi ricchi di arginina senza includere un legume nell’elenco. Soprattutto le lenticchie si distinguono in quanto forniscono una dose significativa fino a 2 grammi per 100 di cibo. Questi alimenti sono molto adatti da introdurre nel contesto di quasi tutte le diete sane. Hanno proteine, fibre e minerali in quantità elevate all’interno.

Ricetta ceci con zucca
Le lenticchie forniscono arginina, oltre a proteine, minerali e fibre.

Infatti, le fibre fanno la differenza quando si tratta del funzionamento dell’apparato digerente. Questo elemento aumenta il volume del bolo fecale, consentendo una maggiore stimolazione dei meccanocettori. Da qui, i processi di costipazione diventano meno frequenti. Allo stesso tempo, parte della fibra stessa fermenta nel tubo digerente, fungendo da substrato energetico per i batteri che vivono qui.

Uova

Per chiudere l’elenco, parleremo delle uova. Hanno tutti gli aminoacidi essenziali e proteici all’interno. Sono una fonte di nutrienti di alta qualità ed è bene che siano presenti regolarmente nella dieta. Per anni si è ritenuto che il suo consumo frequente potesse aumentare i livelli di colesterolo, ma oggi questa teoria è scartata. Infatti, in nessun caso questi prodotti sono legati ad un aumentato rischio cardiovascolare.

Includi gli alimenti ricchi di arginina nella tua dieta

Come puoi vedere, ci sono diversi alimenti che possono fornire un’elevata quantità di arginina. Questo composto aiuterà a migliorare la vasodilatazione, riducendo così la pressione sanguigna. Può anche presentare alcune sinergie con altri composti naturali come i nitrati. Questi sono presenti soprattutto nelle barbabietole e sono utilizzati anche nello sport come coadiuvante ergogenico.

Per finire, tieni presente che c’è sempre l’alternativa di consumare un integratore di arginina per ottenere un effetto superiore. Questo è comune quando si parla di prestazioni elevate durante l’esercizio fisico. In questo tipo di situazione, diventa davvero determinante massimizzare l’apporto di ossigeno e nutrienti ai tessuti, quindi l’effetto vasodilatatore potrebbe fare la differenza. Prima di assumerlo, è sempre bene consultare un professionista.

Potrebbe interessarti ...
Alimenti vegani ricchi di proteine vegetali
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alimenti vegani ricchi di proteine vegetali

Per una corretta dieta vegana occorre recuperare le giuste dosi di proteine. Scoprite i migliori alimenti vegani ricchi di proteine.



  • Calder P. C. (2017). Omega-3 fatty acids and inflammatory processes: from molecules to man. Biochemical Society transactions45(5), 1105–1115. https://doi.org/10.1042/BST20160474
  • Xia, N., Daiber, A., Förstermann, U., & Li, H. (2017). Antioxidant effects of resveratrol in the cardiovascular system. British journal of pharmacology174(12), 1633–1646. https://doi.org/10.1111/bph.13492
  • Wen, K., Fang, X., Yang, J., Yao, Y., Nandakumar, K. S., Salem, M. L., & Cheng, K. (2021). Recent Research on Flavonoids and their Biomedical Applications. Current medicinal chemistry28(5), 1042–1066. https://doi.org/10.2174/0929867327666200713184138