Carne bianca e rossa: hanno lo stesso effetto sul colesterolo, secondo la ricerca

Quali sono gli effetti del consumo di carne bianca e rossa sul colesterolo nel sangue e le ripercussioni sullo stato di salute?
Carne bianca e rossa: hanno lo stesso effetto sul colesterolo, secondo la ricerca
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio, 2023

Soffrire di colesterolo alto è una delle principali preoccupazioni per molte persone da anni, e i dubbi sui benefici della carne bianca e rossa sono legittimi. Tuttavia, la ricerca più recente dubita che questo marcatore sia accurato nel determinare il rischio di malattie cardiovascolari.

Va notato che la patologia cardiovascolare ha una fisiologia molto complessa. Gli esperti affermano che uno dei meccanismi sottostanti che possono determinarne la prognosi è l’infiammazione. Questo processo aumenta la possibilità di soffrire di placche ateromatose.

Cosa dicono gli studi sul consumo di carne e colesterolo?

La prima cosa da chiarire è che la carne bianca o rossa non sembra avere un effetto determinante sui livelli di colesterolo. Secondo uno studio pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition, il consumo regolare di carne rossa non è associato a un aumento significativo dei livelli di colesterolo o della pressione sanguigna. Inoltre non aumenta il rischio di patologie cardiovascolari.

Allo stesso modo, una ricerca pubblicata sulla rivista Advances in Nutrition conferma che seguire una dieta paleolitica non è dannosa per la salute del cuore. Né genera una significativa alterazione del profilo lipidico.

Va notato che questo tipo di dieta privilegia l’assunzione di proteine e grassi, insieme a tutti quei prodotti che non sono stati manipolati dall’industria.

Ci sono addirittura articoli che sfatano il mito secondo cui l’assunzione regolare di uova o di prodotti da esse derivati sia in grado di influenzare il rischio di infarto o problemi cardiovascolari. Per molti anni la loro assunzione è stata limitata per paura.

Possiamo quindi affermare che tutti questi alimenti (carni rosse, bianche e uova) influiscono allo stesso modo sui livelli di colesterolo, generando su di essi un impatto molto basso. Insomma, non modificano il rischio cardiovascolare complessivo.

Carne rossa e colesterolo.
La carne rossa è un’importante fonte di proteine. Può essere introdotta nella dieta settimanale, purché in modo regolato.

Che ruolo svolgono le lipoproteine nel corpo?

È importante capire cos’è il colesterolo e quale ruolo svolge nel corpo. Queste particelle sono chiamate lipoproteine e sono responsabili del trasporto di sostanze attraverso il sangue, generalmente grassi.

Ne esistono di 2 tipi: HDL e LDL. Il primo è considerato buono, in quanto trasporta i grassi dai tessuti al fegato. L’LDL, invece, è tradizionalmente noto come colesterolo cattivo, con un effetto di trasporto opposto.

Recentemente è stato possibile dimostrare che le particelle LDL possono essere scomposte in gruppi più piccoli, evidenziando così il colesterolo VLDL e la sua frazione ossidata. Apparentemente, proprio questi ultimi elementi hanno una relazione più stretta con l’accidente cardiovascolare, poiché tendono ad agglutinarsi e a generare placche ateromatose.

Conseguenze del colesterolo alto

Come abbiamo accennato, il fatto di avere il colesterolo alto non può essere considerato in assoluto negativo, ma è fondamentale analizzare la proporzione di ciascuna delle lipoproteine per valutare lo stato di salute. È più pericoloso per la vita avere livelli di colesterolo troppo bassi che troppo alti.

La chiave a questo punto è nella proporzione di particelle VLDL ossidate che circolano nel sangue. È utile ridurre il più possibile questo gruppo di elementi.

Per fare ciò si possono attivare una serie di strategie. Una di queste è quello di consumare alimenti con un’elevata capacità antiossidante, come le verdure, nella dieta. Allo stesso tempo, sarà fondamentale evitare il consumo di grassi di tipo trans.

Come abbassare i livelli di colesterolo?

Colesterolo nelle arterie.
Il colesterolo ossidato è quello pericoloso. Il suo accumulo nelle arterie provoca placche ateromatose.

Se, per qualsiasi motivo, un’analisi mostra valori di colesterolo troppo alti, può essere utile ridurli. Questo perché le particelle VLDL ossidate non si distinguono. In questo senso, applicando una serie di modifiche dietetiche si può ridurre il colesterolo totale e anche questa classe di lipoproteine.

Per avere un impatto benefico sul profilo lipidico, è consigliabile privilegiare il consumo di cibi freschi rispetto a quelli industriali ultra processati. Si raccomanda, soprattutto, l’assunzione di pesce azzurro e verdure, dal momento che hanno un potenziale antinfiammatorio e antiossidante.

Anche un’elevata assunzione di fibre può abbassare i livelli di colesterolo totale. Questo perché bloccano l’assorbimento del colesterolo alimentare a livello intestinale.

Tuttavia, esiste una sintesi endogena delle particelle che è bilanciata dall’assorbimento del nutriente attraverso la dieta, quindi questo effetto è contestato. Infatti, uno dei motivi del colesterolo alto è spesso genetico.

Carne rossa e bianca: non modifica il rischio cardiovascolare

Come abbiamo visto, sia il consumo di carne rossa che l’assunzione di carne bianca non alterano significativamente i livelli di colesterolo. Tuttavia, questi possono essere aumentati se il cibo è fritto, poiché in questo caso si generano acidi di tipo trans.

Dare la priorità a metodi di cottura non aggressivi, introdurre frequentemente le verdure nella dieta ed evitare i cibi ultra-processati è la chiave per migliorare la salute cardiovascolare. Ricordate che ridurre il livello di colesterolo non è una priorità, come regola generale, quanto migliorare le abitudini di vita.



  • O’Connor LE, Kim JE, Campbell WW. Total red meat intake of ≥0.5 servings/d does not negatively influence cardiovascular disease risk factors: a systemically searched meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Clin Nutr. 2017 Jan;105(1):57-69. doi: 10.3945/ajcn.116.142521. Epub 2016 Nov 23. PMID: 27881394; PMCID: PMC5183733.
  • Ghaedi E, Mohammadi M, Mohammadi H, Ramezani-Jolfaie N, Malekzadeh J, Hosseinzadeh M, Salehi-Abargouei A. Effects of a Paleolithic Diet on Cardiovascular Disease Risk Factors: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. Adv Nutr. 2019 Jul 1;10(4):634-646. doi: 10.1093/advances/nmz007. Erratum in: Adv Nutr. 2020 Jul 1;11(4):1054. PMID: 31041449; PMCID: PMC6628854.
  • Blesso CN, Fernandez ML. Dietary Cholesterol, Serum Lipids, and Heart Disease: Are Eggs Working for or Against You? Nutrients. 2018 Mar 29;10(4):426. doi: 10.3390/nu10040426. PMID: 29596318; PMCID: PMC5946211.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.