Che cos'è l'osteointegrazione degli impianti dentali?

Grazie all'osteointegrazione, gli impianti dentali possono rimanere fissati nell'osso per molti anni. Ti diciamo di più su questo importante processo.
Che cos'è l'osteointegrazione degli impianti dentali?
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da l'odontoiatra Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 12 novembre, 2022

A causa della grande popolarità dei trattamenti che prevedono gli impianti dentali, sentiamo sempre più parlare di osteointegrazione. Sebbene questo termine ci sembri nuovo, il concetto è con noi da più di cinquant’anni, quando il processo è stato scoperto a metà del XX secolo.

L’osteointegrazione è il meccanismo attraverso il quale gli impianti dentali sono saldamente attaccati all’osso naturale del paziente. È la guarigione che dà a questi attaccamenti la fissazione e la stabilità che li caratterizza.

Il successo dei trattamenti con impianti dentali dipende in gran parte dal processo di osteointegrazione. Ti diciamo in dettaglio tutto ciò che devi sapere su questo meccanismo che avviene all’interno delle ossa.

La scoperta dell’osteointegrazione

Come è successo per molte pietre miliari della medicina, la scoperta dell’osteointegrazione è stata fortuita. Le indagini del professore e medico svedese Per-Ingvar Brånemark ci hanno permesso di capire questo meccanismo che oggi viene utilizzato per la riabilitazione dentale.

Il ricercatore ha studiato la guarigione nei conigli. Fu un caso che scoprì che le telecamere ottiche in titanio che si infilava nelle gambe per registrare i cambiamenti dei tessuti, nel tempo si fondevano con le ossa degli animali.

Scoprendo questa reazione nelle strutture ossee degli animali, alcuni membri del team di Brånemark hanno impiantato pezzi di titanio nei propri avambracci. Così hanno potuto dimostrare che l’osteointegrazione era possibile anche nel corpo umano.

Nel 1965 fu testato il primo impianto dentale in titanio per sostituire un dente mancante. In ogni caso, è solo a metà degli anni ’80 che lo studio si è diffuso e ha acquisito maggiore importanza nel settore dentale. Da allora, non ha smesso di crescere.

L’osteointegrazione è un processo chiave per il successo degli impianti dentali. Allo stato attuale, le condizioni e i materiali che favoriscono questo tipo di guarigione continuano ad essere studiati e quindi trovano nuovi progressi in questa specialità.

Gli impianti dentali sono considerati la migliore soluzione per recuperare funzionalità ed estetica dentale in assenza di denti. L’osteointegrazione è responsabile della fiducia che sia i professionisti che i pazienti ripongono in questa procedura.

Che cos’è l’osteointegrazione degli impianti dentali?

L’osteointegrazione è il meccanismo biologico attraverso il quale gli impianti dentali si uniscono e si integrano con il tessuto osseo. La grande fissazione e stabilità che questi attaccamenti hanno dipendono dal risultato di questo processo.

Quando si esegue una riabilitazione con impianti dentali, il posizionamento di queste viti in titanio all’interno dell’osso mascellare è uno dei primi passi. Nello spessore del tessuto osseo inizia il processo di osteointegrazione, che dura dai 3 ai 4 mesi.

Possiamo considerare l’osteointegrazione degli impianti dentali come una guarigione speciale, in grado di unire l’osso con il metallo delle viti. Il risultato di queste reazioni chimiche, organiche e fisiologiche è una struttura ossea legata al titanio che funge da supporto per la futura riabilitazione protesica.

Grazie all’osteointegrazione si ottiene una forte fissazione tra gli impianti dentali e l’osso mascellare. In questo modo, le protesi che vengono posizionate su di esse sono più stabili, funzionali e confortevoli.

Il successo dei trattamenti implantari dentali dipende in gran parte dall’osteointegrazione.

Il raggiungimento di un’adeguata fissazione tra le viti e l’osso mascellare è ciò che rende il trattamento duraturo ed efficace. Infatti, quando la procedura ha successo e il paziente collabora con determinate cure, gli impianti dentali possono durare tutta la vita.

Impianto dentale su modello.
L’impianto avrà successo se l’osteointegrazione è riuscita. Cioè, se il moncone è attaccato all’osso in modo fermo e stabile.

Il processo di osteointegrazione degli impianti dentali

Quando una persona decide di posizionare gli impianti dentali, ci sono alcuni aspetti che il chirurgo deve considerare per ottenere l’osteointegrazione. Vi raccontiamo i fattori che influenzano il successo del processo.

La struttura ossea

Quando un dente viene perso, l’osso smette di ricevere le forze e gli stimoli masticatori naturali e inizia a riassorbirsi. Per questo motivo è molto importante che prima di iniziare un trattamento con impianti dentali, il chirurgo valuti la quantità e la qualità dell’osso dove posizionare le viti.

La mascella deve essere abbastanza spessa da supportare gli impianti. Se la struttura ossea è stata riassorbita e non c’è una quantità sufficiente, è necessario ricorrere ad alcune alternative chirurgiche che consentiranno di trattenere la vite in futuro. Alcuni esempi sono gli innesti ossei o il rialzo del pavimento del seno mascellare nell’arcata superiore.

Quantità di spazio disponibile

Quando si inserisce un impianto dentale, è importante disporre di spazio sufficiente per l’inserimento dell’abutment. Per questo, il dentista deve considerare il tipo di dente che occupava quel posto e quanto tempo è passato dalla sua perdita.

Quando un dente esce, lo spazio lasciato dalla sua radice nell’osso è diverso a seconda del dente. I pezzi precedenti ne hanno uno solo, invece le ruote ne hanno due o tre.

Se è necessario inserire un impianto dentale nella fessura lasciata da un molare, è necessario attendere che l’osso si rigeneri. In questo modo il sito sarà più uniforme e l’osteointegrazione avverrà senza problemi.

Se invece è passato molto tempo dalla perdita dei denti, è normale che i denti vicini si siano spostati, cercando di chiudere il divario. In questi casi, di solito è necessario ricorrere a movimenti ortodontici prima dell’intervento chirurgico. In questo modo si raddrizzano i denti storti e si recupera lo spazio necessario per l’inserimento dell’impianto.

Nessuna infezione

Molte volte, i denti estratti hanno qualche tipo di infezione. Prima di inserire un impianto dentale all’interno dell’osso, assicurarsi che non vi siano resti infettivi nel tessuto osseo.

Se c’è qualche tipo di infezione nell’area, dovrebbe essere pulita correttamente. Ciò impedisce la permanenza di germi che metterebbero a rischio l’osteointegrazione e porterebbero al fallimento degli impianti dentali.

Dimensioni, tipo e posizione esatta dell’impianto

Quando si pianifica l’intervento chirurgico per il posizionamento degli impianti dentali, il dentista deve scegliere il tipo e la dimensione della vite da utilizzare e il luogo esatto in cui verrà posizionata. L’esperienza del professionista e la tecnologia adeguata consentono all’intervento chirurgico di essere preciso.

Le scansioni intraorali e le scansioni TAC 3D forniscono informazioni sull’anatomia della bocca che aiutano a pianificare l’intervento. La tecnica di chirurgia computer-guidata aiuta a posizionare esattamente le viti, evitando inconvenienti.

Storia medica del paziente

Conoscere la storia medica del paziente è un aspetto molto importante negli studi dentistici. Sapere se soffri di qualche malattia cronica, quali farmaci prendi, la tua storia patologica o se soffri di allergie sono dati essenziali per il corretto sviluppo delle cure.

Valutare lo stato di salute della persona e ricercarne la stabilizzazione è necessario per ridurre i rischi durante l’intervento e nel processo di osteointegrazione degli impianti dentali. Il lavoro interdisciplinare e l’uso di alcuni farmaci o antibiotici aiutano a evitare complicazioni.

Quanto tempo ci vuole?

Un impianto dentale impiega 3 o 4 mesi per osteointegrarsi completamente.

Durante questi mesi, all’interno dell’osso si verificano diversi cambiamenti fino al raggiungimento della fissazione finale:

  • Nelle prime 3 o 4 settimane dopo il posizionamento della vite, non è possibile avere indicazioni che il processo di guarigione sia iniziato.
  • Dopo 2 mesi, la vite inizia a compattarsi con la struttura ossea. C’è contatto tra l’osso e l’impianto. Si percepisce una maggiore resistenza e forza di unione tra i due.
  • Dopo 3 o 4 mesi, l’osso e l’impianto si integrano tra loro, formando un’unità solida e stabile. Una vite ben osteointegrata funziona proprio come la radice di un dente naturale.

Da questo momento è possibile posizionare la corona o la protesi dentaria definitiva, che ripristinerà funzionalità ed estetica alla bocca. Fino a questo momento, la persona può indossare una cuffia o una protesi provvisoria per non alterare l’aspetto del proprio sorriso.

Coperture dentali per pazienti in fase di osteointegrazione.
Nell’attesa del posizionamento della corona finale, il paziente può indossare delle coperture che mantengono l’estetica della protesi.

Perché l’osteointegrazione degli impianti dentali può fallire?

Il processo di osteointegrazione degli impianti dentali ha un’elevata percentuale di successo, stimata in termini generali del 95%. In ogni caso, ci sono alcuni fattori che possono causare il fallimento della guarigione e sono i seguenti:

  • Fumo: il fumo è un’abitudine molto dannosa per la salute orale che interferisce con il processo di osteointegrazione degli impianti dentali. Il tabacco e la nicotina ostacolano e rallentano il processo di guarigione e aumentano il rischio di infezione.
  • Problemi sistemici: alcune malattie sistemiche e croniche, come il diabete, possono rappresentare un rischio per la corretta osteointegrazione degli impianti dentali. In questi casi i controlli devono essere più esaurienti e periodici, per evitare complicazioni.
  • Igiene orale: se la bocca non viene pulita adeguatamente, i batteri orali possono interferire con la guarigione degli impianti. Malattie come mucosite o perimplantite sono solitamente associate a cattive abitudini di igiene orale.

Eventuali complicazioni

Ci sono situazioni che possono causare perdita ossea, accompagnata da processi infiammatori, infezioni e sovraccarichi. In questi casi, se non si agisce in anticipo, c’è il rischio che l’intero trattamento fallisca.

Una delle possibili complicazioni durante l’osteointegrazione degli impianti dentali è la perdita ossea dovuta all’infiammazione delle gengive nell’area perimplantare. Ciò accade per la presenza di batteri e loro tossine che attivano gli osteoclasti dell’osso e ne provocano la distruzione.

La perdita ossea può verificarsi anche a seguito di un processo traumatico o di sovraccarico nell’area dell’impianto che influisce sull’equilibrio fisiologico dell’osso. Ricevere forze inadeguate o eccessive nell’area in cui si sta verificando la guarigione può complicare il processo di guarigione.

Per prevenire questi inconvenienti, è importante evitare di sovraccaricare gli impianti durante il processo di osteointegrazione e frenare l’infiammazione perimplantare attraverso una corretta igiene orale. Altrettanto importanti sono le visite di controllo regolari, che consentono di rilevare tempestivamente i problemi e di anticipare una possibile complicazione.

Ulteriori considerazioni

L’osteointegrazione è il processo che consente di fissare saldamente gli impianti dentali all’osso. Queste viti fisse nello spessore del tessuto osseo conferiscono a questo tipo di trattamento un grado di stabilità, funzionalità e durata che altre terapie non possono eguagliare.

Visite periodiche con l’implantologo consentono di verificare che il processo di osteointegrazione degli impianti dentali stia procedendo come previsto. Andare alle revisioni programmate dal professionista ti aiuterà a prevenire le complicazioni che possono sorgere durante il trattamento.

Con cure adeguate e controlli frequenti, la guarigione degli impianti procederà senza intoppi. Dopo qualche mese potrai recuperare le funzioni e l’estetica della tua bocca e sorridere con sicurezza.

Potrebbe interessarti ...
Trauma ai denti da latte: cosa fare?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Trauma ai denti da latte: cosa fare?

Colpi e cadute sono situazioni frequenti durante l'infanzia. Sapere come comportarsi in caso di trauma ai denti da latte è importante.



  • Carrión Vidal Víctor Josué, V. J. (2021). Biología de la oseointegración en implantes dentarios (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Ruben Carlos, M. M. (2021, December). BREVE HISTORIA DE LA ODONTOLOGIA. In I Jornada Virtual de Estomatología 2022. Ciego de Ávila.
  • Martínez Álvarez, O., Barone, A., Covani, U., Fernández Ruíz, A., Jiménez Guerra, A., Monsalve Guil, L., & Velasco Ortega, E. (2018). Injertos óseos y biomateriales en implantología oral. Avances en odontoestomatología34(3), 111-119.
  • Morante Carriel, A. F. (2021). Criterios de éxito y fracaso de implantes dentales oseointegrados (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Padrón, A. P., Quiñones, J. A. P., Martell, Y. D., Fuentes, R. B., & Matheu, L. C. (2020). Revisión Bibliográfica sobre la implantología: causas y complicaciones. Revista Médica Electrónica42(2).
  • Tamez, J. E. B., Zilli, F. N., Fandiño, L. A., & Guizar, J. M. (2017). Factores relacionados con el éxito o el fracaso de los implantes dentales colocados en la especialidad de Prostodoncia e Implantología en la Universidad de La Salle Bajío. Revista Española de Cirugía Oral y Maxilofacial39(2), 63-71.
  • Noboa Fernández, D. S. (2022). Fracasos en implantes dentales asociados a la diabetes (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Pérez Padrón, A., Pérez Quiñones, J. A., Cid Rodriguez, M. D. C., Díaz Martell, Y., Saborit Carvajal, T., & García Martí, C. D. (2018). Causas y complicaciones de los fracasos de la implantología dental. Matanzas. Revista Médica Electrónica40(4), 1023-1031.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.