Cibi surgelati: tutto quello che c'è da sapere

Congelare gli alimenti serve a conservarli più a lungo, ma può avere dei risvolti negativi per quanto riguarda le qualità organolettiche dei cibi.
Cibi surgelati: tutto quello che c'è da sapere
Ariadna Álvarez Martínez

Scritto e verificato da la nutrizionista Ariadna Álvarez Martínez.

Ultimo aggiornamento: 16 settembre, 2022

Cosa bisognerebbe sapere sui cibi surgelati? Il congelamento degli alimenti è un metodo di conservazione che ne rallenta la decomposizione, permettendo di conservarli più a lungo. Attenzione, ne rallenta il degrado, ma non lo ferma del tutto.

Un congelamento rapido genera cristalli di ghiaccio più piccoli e mantiene intatta la struttura cellulare. Se surgelati nella maniera corretta, i cibi diventano una valida alternativa da inserire nel nostro menù. Scopriamo qualche dettaglio in più.

Quali sono gli svantaggi del congelamento lento?

Nel caso in cui il prodotto è stato congelato lentamente o è stato esposto a variazioni di temperatura durante lo stoccaggio, i cristalli di ghiaccio che si formeranno su di esso saranno più grandi. Questo è quanto affermato in un articolo pubblicato nel 2016.

Parliamo di acqua non recuperabile nel processo di scongelamento, il che porta quindi a un’alterazione della composizione dell’alimento e una perdita in termini di valore nutritivo. Il liquido perso, inoltre, rischia di portare con sé altri nutrienti idrosolubili, come alcune vitamine.

Sacchetti di cibi surgelati in freezer.
Se congelati lentamente, i prodotti possono subire alterazioni. In molti casi, oltre a cambiare texture, si rischia di variare il loro valore nutritivo.

Congelare i cibi ne altera i valori nutrizionali?

No. Le verdure ultracongelate industrialmente mantengono le proprietà nutrizionali delle verdure fresche, sempre che vengano surgelate subito dopo il raccoglimento, nel loro stato ottimale.

Infatti, le vitamine si disperdono per il calore, non a causa delle basse temperature. I nutrienti in generale possono disperdersi in parte con il taglio e il lavaggio delle verdure, così come nell’acqua usata per bollirle.

Se congeliamo prima di cucinare, i micronutrienti degli alimenti rimangono sempre intatti. La perdita dei nutrienti per la manipolazione, la cottura o i procedimenti precedenti alla congelazione sono irrecuperabili.

Si può congelare qualsiasi alimento?

Si può congelare quasi tutto. In alcuni casi, tuttavia, la consistenza, gli odori e alcuni sapori vengono talmente alterati che non conviene affatto ricorrere a questo metodo. Per esempio:

  • La carne può restare nel congelatore tra i 3 e il 12 mesi, non di più.
  • Cibi freddi e insaccati tra gli 1 e i 2 mesi.
  • Il pesce azzurro meno di 3 mesi.
  • Il pane tra i 3 e i 6 mesi.
  • Le zuppe circa 60 giorni.
  • Il burro tra i 3 e i 6 mesi al massimo.

Non possiamo non sottolineare come questo processo implichi un enorme vantaggio anche in termini di organizzazione dei pasti settimanali, aiutandoci ad organizzare una dieta sana ed equilibrata nella movimentata routine giornaliera.

Ragazza davanti al frigo aperto pensa a cosa mangiare.
Quasi tutti i cibi si possono surgelare. Tenete conto però che alcuni possono cambiare molto in quanto a consistenza e sapore.

4 regole di base dei cibi surgelati

Ecco qualche suggerimento che può tornarvi utile per tutti i giorni:

  • Non congelate mai un prodotto che è già stato scongelato. La ripetizione del processo danneggerebbe le qualità dell’alimento.
  • Usate contenitori adeguati per mantenere il prodotto isolato; ricordate che una confezione ermetica è indispensabile per proteggere gli alimenti dalla disidratazione, dall’ossidazione e dalla trasmissione degli odori. I contenitori ermetici in vetro sono l’opzione migliore.
  • I disegnini riportati sui cassetti del congelatore sono utili a separare correttamente gli alimenti ed evitare la contaminazione crociata. Usateli, è molto più facile ritrovare i cibi congelati all’interno di un freezer ordinato. Un altro ottimo metodo per identificare i prodotti surgelati è l’uso di etichette.
  • Seguite le istruzioni del congelatore e assicuratevi che durante il processo di congelamento la temperatura sia sempre costante ad almeno -20°C.
  • Se congelate un piatto cucinato, ricordate di scongelarlo lentamente, spostandolo dal freezer al frigo la sera prima del consumo. Scongelare alimenti a temperatura ambiente aumenta i rischi di contaminazione, come riportato nello studio pubblicato sulla rivista Food Research International.

Perché consumare cibi surgelati

Il congelamento è un buon metodo di conservazione degli alimenti che permette di farli durare più a lungo. Tuttavia, bisogna tener conto del fatto che potrebbe alterare la texture o il sapore di alcuni cibi.

Congelando i cibi prima di cucinarli, favoriremo la conservazione delle proprietà nutritive. Per congelare in modo sicuro, tuttavia, assicuratevi di seguire le regole sopra esposte.

Potrebbe interessarti ...
Contaminazione crociata degli alimenti: come evitarla?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Contaminazione crociata degli alimenti: come evitarla?

Evitare la contaminazione crociata degli alimenti è fondamentale in malattie come la celiachia. È il fenomeno per cui una persona può essere intoss...



  • Kaale LD, Eikevik TM. Changes of proteins during superchilled storage of Atlantic salmon muscle (Salmo salar). J Food Sci Technol. 2016;53(1):441–450. doi:10.1007/s13197-015-1979-9
  • Titze Hessel C., Oliveira Elias S., Pedro Pessoa J., Mariano Zanin L., et al., Food safety behavior and handling practices during purchase, preparation, storage and consumption of chicken meat and eggs. Food Res Int, 2019.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.